Serena Williams, la più forte di tutte

Serena Williams, la più forte di tutte

La 35enne di Compton per molti è la tennista più forte della storia. A lei non basta, perché in una recente intervista, ha dichiarato: “Se fossi stata uomo, sarei il miglior atleta di sempre”

7 commenti

Volli fortissimamente volli. La forza di volontà, la voglia di emergere e primeggiare a ogni costo, vincere e poi ripetersi. Queste sono le caratteristiche di una campionessa. Una campionessa come Serena Williams. Dei suoi successi e delle sue caratteristiche tecniche si conosce tutto. Del suo carattere – il vero punto di forza – assai meno.

LA DETERMINAZIONE – «Se avessi affrontato la numero uno, dicendo: “Penso di essere migliore di lei”, le persone avrebbero replicato: “È maleducata, manca di rispetto”. Non mi sono mai comportata così. Mio padre mi ha sempre detto che se credi in quello che fai e lavori al meglio, i tuoi obiettivi si realizzano. Quindi ho sempre ritenuto di poter diventare la numero uno». Questa dichiarazione della ragazza di Compton può apparire scontata alla luce della sua carriera. Ma, in realtà, queste parole sono il mezzo. Il mezzo che le ha permesso di essere consacrata come una delle tenniste più forti della storia.

LA CONSAPEVOLEZZA – Quando una sportiva sa di essere due spanne sopra le altre ci sono soltanto due possibili conseguenze: o si fa ingabbiare dall’ansia, o mantiene l’autocontrollo e dimostra che spuntarla con lei è quasi impossibile. Senza dubbio Serena Williams appartiene alla seconda categoria. Sul campo la manifestazione di questo aspetto del suo carattere è palpabile. Quasi tutte le avversarie giocano l’incontro sperando di non subire una sconfitta umiliante. Questa è una delle chiavi dei suoi 22 Major.

I MOMENTI NO – La Williams, anche nella vita fuori dal campo, ha affrontato periodi difficili. «C’è stato un momento in cui non mi sentivo a mio agio con il mio corpo. Ero in crisi, però poi ho riflettuto e mi sono detta: “Questo corpo mi ha permesso di diventare la miglior giocatrice possibile. Ora mi sento molto bene”. Chapeau.

LA PROVOCAZIONE – Serena dice sempre quello che pensa, senza dichiarazioni di facciata. Per lei non esistono temi tabù: dalla questione dei montepremi nei tornei femminili a quella razziale. Però, forse, c’è un tema che le sta più a cuore degli altri. «Penso che se fossi stata un uomo, sarei stata definita il miglior atleta di sempre molto, molto tempo fa». Volli fortissimamente volli.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mauro Cinquestelle - 6 mesi fa

    Condivido, è la più forte di sempre.
    Fantastica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Adele Suatoni - 6 mesi fa

    È anche la più modesta ..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Michele De Bonis - 6 mesi fa

    Che brutto personaggio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Onestamente no, non credo sarebbe stata la più forte anche tra gli uomini. Diciamo che come donna un DNA benevolo gli ha permesso di essere molto più forte di tante giocatrici piccole, eleganti, tecnicamente superiori ma senza l’esplosività e la potenza della statunitense. Se poi nasceva uomo e si trovava con il fisico di Evander Holifield e la velocità di Husain Bolt, allora poteva avere ragione, ma sono congetture.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Enrico Carrossino - 6 mesi fa

    A parte che tecnicamente ha almeno 20 uomini davanti, e senza scomodare Murray, già un berdych è nettamente superiore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Enrico Carrossino - 6 mesi fa

    Meglio di Federer? Ahahhahahahha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Andrea Centoni - 6 mesi fa

    Simpatica, sobria e modesta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy