Stan Wawrinka: “La classifica non mente. Andy è un giocatore speciale”

Stan Wawrinka: “La classifica non mente. Andy è un giocatore speciale”

Stan Wawrinka, intervistato da Sky Sports, si è espresso su Andy Murray con parole di elogio e stima. “La classifica non mente. Ha vinto molto quest’anno, più di chiunque altro. Sapevo che prima o poi ce l’avrebbe fatta a diventare numero 1”.

1 Commento

Stan Wawrinka, insieme agli altri 7 giocatori che hanno staccato il pass per queste Atp Finals, è arrivato a Londra. L’elvetico sarà il terzo grande favorito della manifestazione e proverà a sottrarre dalle mani di Djokovic, che ha fatto sue le ultime 4 edizioni, l’ambito trofeo. Il campione svizzero, ieri, ai microfoni di Sky Sports ha elogiato il nuovo numero 1 del mondo, Andy Murray, definendolo “speciale”.

Lo scozzese è diventato il primo britannico a raggiungere la vetta della classifica da quando è stato introdotto l’attuale Ranking. L’allievo di Magnus Norman ritiene che Andy si sia guadagnato con merito l’onore di essere il miglior tennista in attività. “La classifica non mente. Ha vinto molto quest’anno, più di chiunque altro. Ha gestito la pressione molto bene e ha conquistato Wimbledon e l’oro olimpico. Sono sicuro che gli piacerebbe sollevare anche la Masters Cup qui a Londra “.

Il fresco vincitore degli Us Open prosegue con gli elogi: “Andy è un giocatore speciale. Fa parte dei Big Four e ha lottato con gli altri tre per vincere Slam. Sapevo che prima o poi ce l’avrebbe fatta a diventare numero 1. Bisogna essere un grande giocatore per raggiungere questo risultato”.
Wawrinka, che per il quarto anno di fila parteciperà alle Finals, ha parlato anche delle sue condizioni: “Giocare qui era uno dei miei obiettivi a inizio stagione. Ho ancora il ginocchio un po´ indolenzito da Basilea, ma sono contento di come mi sto allenando. Sono soddisfatto del mio percorso, tre Slam in tre anni sono qualcosa che non mi sarei mai aspettato.”

499326-stan-wawrinka-us-open-2016-reuters

Stan The Man infine non crede di poter agguantare, in futuro, la prima posizione del Ranking. «Non penso, e ho 31 anni. So che posso battere chiunque, ma devo essere molto più continuo, se voglio provarci. Per il momento, sono lontanissimo da questo traguardo”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giselda Meneghetti - 3 settimane fa

    Hai detto bene , Stan, più continuo ! Ce l’ha potresti fare ! Provaci con il ❤️ sempre !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy