Australian Open, secondo turno: Fognini supera Mayer in tre set. Nishikori passa a fatica

Australian Open, secondo turno: Fognini supera Mayer in tre set. Nishikori passa a fatica

L’azzurro si è imposto in tre set sull’argentino Leonardo Mayer. Mentre Kei Nishikori è riuscito ad avere ragione di Ivo Karlovic soltanto al super tie break del parziale decisivo. Sono avanzati ai sedicesimi di finale anche Borna Coric, Pablo Carreno Busta e Milos Raonic, che si è imposto su Stan Wawrinka.

di Federico Gasparella

Fabio Fognini, dodicesima testa di serie della competizione, si è guadagnato l’accesso ai sedicesimi di finale. Nella sfida contro l’argentino Leonardo Mayer, ha avuto la meglio con il punteggio di 7-6(3) 6-3 7-6(5), in poco meno di due ore e mezza di gioco. La prima frazione ha avuto un andamento con pochi avvenimenti degni di nota, sebbene l’azzurro abbia avuto diverse opportunità per conseguire il break, soprattutto in occasione dei primi tre turni di battuta di Mayer. L’argentino ha comunque conservato il servizio ed ha costretto il ligure a giocarsi il set al tie break, all’interno del quale, tuttavia, nulla ha potuto, arrendendosi nettamente per 7-3. Mentre nel corso della seconda partita sono emerse tutte le difficoltà di Mayer nel mantenere i ritmi imposti dall’italiano, andando spesso fuori giri durante gli scambi ed incorrendo nell’errore. Di conseguenza, ha impostato la propria tattica di gioco nella difesa ad oltranza, con l’obiettivo primario di diminuire l’intensità dei duelli e di allungare le fasi di palleggio. Ma al quarto game, messo sotto pressione dalle risposte aggressive di Fognini, si è visto costretto a cedere il primo break della gara. Il ligure, in seguito, ha custodito il vantaggio fino alla vittoria del set per 6-3. La terza partita si è subito messa sul binario giusto per l’azzurro, il quale si è avvantaggiato di un break già al terzo game, peraltro, complice un improvviso calo della concentrazione, si è fatto raggiungere da Mayer all’ottavo game. L’epilogo della frazione alla fine è giunto al tie break, dove Mayer ha cercato in ogni modo di cogliere di sorpresa Fognini, realizzando delle improvvise accelerazioni. In occasione dei primi punti è riuscito nel suo intento, portandosi avanti di un mini break, ma il ligure è stato abile a non farlo scappare e a rimanergli agganciato. Nelle fasi centrali è riuscito finalmente a colmare il  ritardo e a trovare addirittura il guizzo vincente, avendo la meglio per 7-5 ed aggiudicandosi il passaggio del turno. Per quanto riguarda il primo confronto della giornata, che ha visto opposti Ivo Karlovic e Kei Nishikori, ottava testa di serie del seeding, il nipponico è riuscito a spuntarla soltanto al super tie break del set decisivo. La prima frazione è trascorsa in maniere favorevole a Nishikori, il quale, all’ottavo game, ha strappato il primo break dell’incontro, con cui ha potuto imporsi per 6-3. Mentre il secondo parziale ha avuto un andamento più bilanciato, in virtù di una maggiore consistenza trovata da entrambi nei rispettivi turni di battuta. La partita si è dunque decisa al tie break, dove il giapponese ha distanziato Karlovic solo nel finale, vincendo per 8-6. Ma il tennista croato non ha voluto arrendersi e nella partita successiva ha innalzato ulteriormente il proprio rendimento all’interno dei turni di servizio, concedendo marginali occasioni di risposta a Nishikori e rendendogli praticamente impossibile la conquista del break. Karlovic, inoltre, all’undicesimo gioco si è guadagnato il break che gli ha permesso di avere ragione per 7-5 e di accorciare le distanze nel punteggio. In merito alla quarta partita, si è svolta sulla falsariga della precedente e ancora una volta è stato il croato a trovare lo spunto determinante, proprio nel finale, pareggiando il conto dei parziali con un altro 7-5. Nel set decisivo, infine, i due giocatori hanno regolato i conti del confronto al super tie break, all’interno del quale il giapponese, ha fatto valere una migliore gestione dei punti decisivi, affermandosi per 10-7. Relativamente alle altre gare, Borna Coric, testa di serie numero undici, ha prevalso agevolmente su Marton Fucsovics, con il punteggio di 6-4 6-3 6-4. Mentre Pablo Carreno Busta ha avuto ragione del bielorusso Ilya Ivashka, per 6-2 6-3 7-6(7). In conclusione, Milos Raonic ha superato Stan Wawrinka in quattro set. Dopo aver ceduto la prima partita al tie break, ha dato vita ad una rimonta, che l’ha condotto a vincere i successivi tre set al tie break.

I punteggi:

[12]F.Fognini b. L.Mayer 7-6(3) 6-3 7-6(5)

[8]K.Nishikori b. I.Karlovic 6-3 7-6(6) 5-7 5-7 7-6(10-7)

[11]B.Coric b. M.Fucsovics 6-4 6-3 6-4

[23]P.Carreno-Busta b. I.Ivashka 6-2 6-3 7-6(7)

[16]M.Raonic b. S.Wawrinka 6-7(4) 7-6(6) 7-6(11) 7-6(5)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy