Toni Nadal e la regola dei 25 secondi

Toni Nadal e la regola dei 25 secondi

Toni Nadal è stato invitato alla celebrazione di fine torneo a Bastad, lo scorso sabato. Tra i vari argomenti trattati, le dichiarazioni più interessanti riguardano la regola dei 25 secondi, che entrerà presto in vigore.

di Luciano Nocera

Stanno arrivando grandi novità per i circuiti ATP e WTA! Mi riferisco ovviamente allo shot clock, che deve far rispettare la regola dei 25 secondi che precedono il servizio. Questa innovazione verrà inaugurata nel torneo WTA di San Josè, per poi essere applicata in tutti i tornei di preparazione allo US Open e allo slam americano stesso. Mentre nel femminile non sono arrivate critiche a riguardo, nel maschile, ha avuto spesso da ridire proprio colui che è stato accusato diverse volte di non rispettare questa regola, cioè l’attuale n.1 del ranking Rafael Nadal. In questa occasione, le critiche sono arrivate dallo zio Toni:”Penso sia una pessima decisione. Secondo me, un limite da 25 secondi è per i meno intelligenti. Se preferisci avere uno scambio da 24 colpi invece che di due, allora è necessario più tempo. Ma se vogliamo una partita in cui non ci si ponga questo problema, allora va bene”.

rafael-nadal-francisco-roig-doha-2014

Successivamente Toni Nadal ha riflettuto sulla lunga carriera di Rafa ed ha confessato:Abbiamo iniziato a giocare quando Rafael ha avuto tre anni, io ho sempre lavorato con l’idea che potesse essere un giocatore fantastico. Durante tutti questi anni, è stato speciale essere coinvolto nella sua carriera e accompagnarlo in ogni angolo del mondo. Il mio rapporto con lui è come zio, non allenatore. Mi congratulo con lui quando vince, mentre quando perde dico qualcos’altro. Non so se il mio contributo sia stato importante per il suo successo, ma qualcosa per mio nipote sicuramente ho fatto” ha concluso umilmente l’allenatore spagnolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy