Challenger Tour: brillano gli italiani in Francia, Caruso unico superstite ad Alicante

Challenger Tour: brillano gli italiani in Francia, Caruso unico superstite ad Alicante

Grandi vittorie per Baldi e Donati, che raggiungono i quarti a Sophia Antipolis, dove sono ancora in corsa anche Marcora, Bolelli ed un memorabile Mager. Caruso batte Ymer e prosegue il suo cammino in Spagna.

di Antonio Sepe

Giornata da incorniciare per i colori azzurri, che sull’asse Francia-Spagna, vale a dire Sophia Antipolis-Alicante, realizzano uno splendido en plein e chiudono in bellezza la giornata.

Tripudio azzurro a Sophia Antipolis, dove su otto giocatori approdati ai quarti ben cinque sono italiani. Grande vittoria di Filippo Baldi, che torna finalmente a brillare dopo un periodo difficile, soprattutto per quanto riguarda vicende extra tennistiche, e lo fa liquidando in due set l’australiano Popyrin, giovane in rampa di lancio nel panorama del tennis mondiale. Al prossimo turno Baldi se la vedrà con il suo grande amico Marcora, che quest’oggi ha superato agevolmente il connazionale Giannessi. Vittoria importante anche per Matteo Donati, che supera in rimonta Couacaud e raggiunge Dustin Brown ai quarti di finale, mentre il secondo derby azzurro di giornata se lo aggiudica Simone Bolelli, che s’impone in due parziali su Lorenzo Sonego. Infine, impresa a dir poco epica di Gianluca Mager, che manda ko la prima testa di serie del torneo, nonché numero 50 del Ranking Atp, Pierre-Hughes Herbert, staccando il pass per il turno successivo dove troverà Krajinovic e confermando un ottimo inizio di stagione.

Ad Alicante, invece, l’unico tennista azzurro rimasto in corsa continua a vincere e lo fa a spese di Ymer, che ieri aveva sconfitto Lorenzo Giustino. Salvatore Caruso ha infatti prevalso sullo svedese in tre set, senza faticare particolarmente, ed è volato ai quarti dove se la vedrà con la wild card Carlos Taberner, vittorioso ai danni di Garcia-López.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy