“Agassi ha lasciato? Non sapeva che fare”

“Agassi ha lasciato? Non sapeva che fare”

La collaborazione Djokovic-Agassi è stata mal vista da molti sin dall’inizio e proprio ora che è finita, diversi connazionali di Novak dicono la loro sulla situazione del serbo.

di Jonathan Zucchetti, @J_Zucchetti

Novak Djokovic non ha ancora detto niente riguardo la propria scelta di separarsi da Andre Agassi, e attende di poter tornare a giocare. Dopo lo stop post-Wimbledon, Djokovic ha disputato appena 6 partite (4 in Australia e una in entrambi i mille americani di Indian Wells e Miami), e ora si ritrova senza il super-coach annunciato al torneo di Roma dello scorso anno, e senza anche di Radek Stepanek, con cui ha chiuso la collaborazione subito dopo quella con l’americano.
Bogdan Obradovic, ex capitano di Davis della Serbia si è espresso sulla situazione in un’intervista recente: “Penso di avere diritto di parola, poiché conosco Novak da molti anni e so perfettamente di cosa ha bisogno. Questo tipo di partnership, in cui Agassi presenziava solo ai grandi tornei, non sarebbe mai potuta funzionare: non era abbastanza”. Obradovic ha poi continuato ricordando il team che seguiva Djokovic con a capo Marian Vajda: “Non so se potrà creare un’atmosfera così positiva cercando persone simili a lui o richiamandolo“.

“Agassi ha mollato? Non sapeva cosa fare”

Nonostante le perplessità, però. l’ex capitano della Davis è fiducioso: “Apprezzo molto Novak, so che mette il cuore in tutto quello che fa e per lui voglio solo il meglio. Avrà sempre il mio completo sostegno, e sarò disponibile se avrà bisogno”.

A esprimere dubbi su questa collaborazione è stato anche Radmilo Armenulic, ex tennista serbo: “Mi sono opposto sin dall’inizio a questa collaborazione, perché Agassi non ha fatto nulla per Djokovic, anzi, al contrario, è stato Novak a renderlo un coach. Non avendolo mai fatto, Agassi non aveva idea di cosa fare: Nole gioca da fondocampo meglio di quanto facesse lui, ed è migliore anche nella risposta, come avrebbe potuto aiutarlo?”.
Djokovic è sceso al numero 13 delle classifiche mondiali dopo gli ultimi pessimi risultati: il ranking è uno delle sue ultime priorità, però, al momento, poiché deve cercare di ritrovare la forma e la concentrazione oltre che i risultati. Giocare a Montecarlo, avendo poche partite alle spalle potrà di certo aiutare, ma rimane un dubbio: dopo l’addio con Agassi e Stepanek, chi sarà il prossimo mentore del serbo, se ce ne sarà uno?

“Agassi ha mollato? Non sapeva cosa fare”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Anir Anera - 3 settimane fa

    Non mi sembra una grande analisi quella dei connazionali. Essere diversi può arricchire ma qui non si tratta di questo. Credo che loro sappiano che il problema mentale necessità di altri percorsi e pratiche e dunque sarà complicato per chiunque accetterà di affiancarlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy