Francisco Fogués: “David sa che si può fare”

Francisco Fogués: “David sa che si può fare”

Ecco le parole dell’allenatore di David Ferrer, Francisco Fogués, a riguardo delle possibilità del suo assistito questa stagione sulla terra.

Affrontare la stagione sulla terra con lo stesso entusiasmo di sempre. David Ferrer affronta l’arrivo dei tornei su terra come se fossero la possibilità di continuare uno splendido inizio di stagione, che lo ha portato a vincere 22 su 25 partite disputate , conquistare tre titoli (Doha, Rio de Janeiro e Acapulco), tanti quanti quelli vinti nelle ultime due stagioni. Una vera prova per la sua validità e il suo entusiasmo, dati i 33 anni che ha sulle spalle. Il suo allenatore Francisco Fogués, che lo segue dallo scorso autunno, ha parlato dell’attenzione posta da David su una parte della stagione che può incidere notevolmente  sulle aspettative che Ferrer si è posto a riguardo dei tornei su terra.
720x405-467914102
Per il numero 7 del mondo, che si è allenato a Javea dal 6 al 9 aprile prima di arrivare nel Principato lo scorso venerdì, è la preparazione al primo torneo importante su terra.

Abbiamo avuto solo quattro giorni per allenarci dopo il ritorno in ritardo da Miami. Qua faremo altri tre giorni d’allenamento prima del primo incontro”, ha dichiarato Fogués prima della  sfida con Estrella Burgos . “Si è allenato bene e non gli è costato molto adattarsi fisicamente e tennisticamente rispetto agli anni scorsi. Questo, ovviamente, non garantisce niente”, avverte Fogués, cosciente del fatto che sulla terra i punti necessitano più forza di volontà e che se ci si rilassa prima del dovuto le cose buone fatte fino allora possono svanire velocemente. “Non abbiamo fatto niente di speciale, miriamo a tenere lo stesso livello di gioco, fisico, confidenza ed entusiasmo”.

Con il quarto mese di competizioni appena cominciato e il giocatore di Alicante al quarto posto della “race”, lo sforzo compiuto non sembra dare a Ferrer la sensazione di fare ancora, né sembra che lo porti a ridurre al minimo la pressione che ha sul tour. “Credo che sarà lo stesso di sempre. Siamo coscienti che abbiamo iniziato molto bene l’anno, ma sappiamo anche che questa stagione inciderà molto sul mio percorso.Ci sono molti punti in ballo, ci sono 3 master 1000 e poi il Roland Garros. La pressione e l’ambizione sono le stesse di sempre”.
article
Ferrer, che gioca sulla superficie su cui ha avuto i suoi migliori risultati (l’unica su cui super il 70% di vittorie), ha davanti a se, concentrati in appena un mese e mezzo di competizioni, una parte di stagione che ripartirà 5000 punti, e che gli potrebbero dare l’opportunità di tornare a prendere parte al World Tour Final, che chiudono la stagione.

Montecarlo, Barcellona, Madrid, Roma e Parigi sono la stagione sulla terra di un veterano che gioca ancora con l’entusiasmo della prima partita. “Continuiamo a lavorare duro ogni giorno” dice il suo allenatore quando gli domandano la formula per essere sempre tra i più forti. “Continuiamo a notare piccoli miglioramenti, sia atleticamente che in campo. I più forti continuano a migliorare il loro gioco, e anche David vuole farlo, nonostante i suoi 33 anni”, ha dichiarato Fogués prima che il suo assistito iniziasse il torneo nel Principato.

Lì, durante la scorsa stagione, Ferrer pose fine ad una striscia nera, quando battè Nadal nei quarti di finale e fu il primo a battere il maiorchino prima della finale, dal 2003, nel torneo monegasco. “Le condizioni di gioco a Montecarlo sono praticamente perfette. Un torneo nel quale David vanta una finale e due semifinali, e che si gioca sulla costa mediterranea, la stessa zona che lo spagnolo conosce sin da piccolo e che usa come centro d’allenamento. “Ha i campi migliori assieme a quelli del Roland Garros, le palline, l’ambiente… Giocare contro i migliori su un campo tanto buono quanto il centrale è un incentivo e per qualunque altro giocatore”.
david-ferrer-hitting-ball-for-rafael-nadal-at-2015-miami-open-masters-600x414
Per un uomo che ha scritto il proprio nome in tutti i tornei importanti su terra, vincere in uno scenario come questo rimane un compito da portare a termine. E conquistare, alzare la coppa in un grande evento con i calzini macchiati, è ancora uno dei grandi obbiettivi in questo periodo della sua carriera. ” Anche se talvolta parliamo di questo, non ci ossessiona. David sa che ogni volta le possibilità diminuiscono, però allo stesso momento sa di essere in un buon periodo, che si può continuare e lottare come sempre abbiamo fatto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy