Rafael Nadal: il sodalizio con Moya, la risposta a Pat Cash e le aspettative per il 2017

Rafael Nadal: il sodalizio con Moya, la risposta a Pat Cash e le aspettative per il 2017

La risposta velenosa a Cash, il ginocchio finalmente recuperato, il nuovo coach e un 6-0 conquistato ieri a Abu Dhabi contro Tomas Berdych: tutti questi elementi fanno del maiorchino uno tra i protagonisti più attesi per la prossima stagione.

13 commenti

A pochissimi giorni dalla nuova stagione, tante sono le incognite e le attese. Primo fra tutti, insieme a quello di Roger Federer, è l’atteso ritorno dello spagnolo Rafael Nadal dopo un 2016 al di sotto delle aspettative (unici squilli le vittorie a Montecarlo e Barcellona accompagnate dal bronzo olimpico), che l’hanno fatto scivolare alla nona posizione del ranking. Ma al maiorchino, che ha raggiunto i 30 anni il coraggio e la determinazione di andare avanti non mancano di certo perché il circuito è un po’ la sua casa e affronta ogni stagione con l’entusiasmo di un bambino. Soprattutto alla vigilia di questa nuova annata, sembra essere carico a mille: per l’inizio della collaborazione con Carlos Moya e vari cambiamenti nella programmazione. Ieri Rafa ha inaugurato la stagione infliggendo al ceco Tomas Berdych un nettissimo 6-0 6-4. Certo, si trattava di un’esibizione (quella al Mubadala World Tennis Championship di Abu Dhabi), ma il tennis aggressivo giocato da Rafa e la ritrovata forma fisica fanno ben sperare per il futuro.

LA RISPOSTA A PAT CASH – Tre giorni fa allo spagnolo è stato chiesto di rispondere alle dichiarazioni di Pat Cash, che ha detto di vedere vicina la fine della carriera dell’iberico.  «La mia idea è quella di continuare sul circuito per anni – ha invece chiarito Rafa, – sono abbastanza motivato a fare questo e penso di poter competere per i tornei importanti nelle prossime stagioni. Amo il tennis, sono felice e posso giocare senza mettere molta pressione perché ho già fatto molte cose. Sono appassionato rimanere competitivi e lavoreremo per questo». Un fattore decisivo sarà l’assenza degli infortuni che tante volte ne hanno bloccato la stagione. Il ginocchio, che gli ha dato qualche noia nell’anno appena trascorso, sembra essere ok e già questo è fondamentale.

MOYA E LE MODIFICHE AL CALENDARIO – Un’altra novità di questa stagione è l’ingaggio di Carlos Moya come coach: «La cosa migliore di Carlos è che è una brava persona e un amico. Per me è importante circondarmi di persone che conosco che vuole il meglio per me. Mi conosce molto bene e conosce perfettamente il mondo del tennis, quindi penso che può portare cose positive». Certamente il nuovo tecnico, da giocatore, non ha avuto i suoi stessi grandi risultati, ma comunque ha una personalità che certamente potrà aiutare Rafa. Per la prima volta, Nadal ha deciso di saltare i tornei sudamericani nel mese di febbraio preferendo i tornei indoor europei, e il caldo di Dubai. Staremo a vedere se questa scelta molto coraggiosa darà i suoi frutti.

13 commenti

13 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Claudio Cardillo - 2 mesi fa

    Avrà fatto rifornimento…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Max Vitrani - 2 mesi fa

      Da te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Claudio Cardillo - 2 mesi fa

      No, da Fuentes

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Antonio Romano - 2 mesi fa

      Ha ragione Max Vitrani secondo me da te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Flavio De Martino - 2 mesi fa

      È spagnolo quindi da fuentes

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo Giacomelli - 2 mesi fa

    Si infatti perché il dritto di Nadal non viaggia per nulla… Ma finiamola di dire certe cazzate per favore!! Non si vincono 14 slam e 30 master mille cn sole gambe e senza braccio!! Chi dice queste cazzate di tennis non capisce nulla!! Si infatti perché il dritto di Nadal non viaggia per nulla… Ma finiamola di dire certe cazzate per favore!! Non si vincono 14 slam e 30 master mille cn sole gambe e senza braccio!! Chi dice queste cazzate di tennis non capisce nulla!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ugo Spaziani - 2 mesi fa

    nadal, come ferrer non ha braccio, ma solo muscoli e gambe a differenza di fognini ad esempio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Damiano ROlland - 2 mesi fa

      Non esageriamo. Nadal è superiore in ogni fondamentale tecnico/tattico a Fognini. Lo dico da tifoso di Federer, ma è troppo palese.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paolo Giacomelli - 2 mesi fa

      Si infatti perché il dritto di Nadal non viaggia per nulla… Ma finiamola di dire certe cazzate per favore!! Non si vincono 14 slam e 30 master mille cn sole gambe e senza braccio!! Chi dice queste cazzate di tennis non capisce nulla!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Paolo Giacomelli - 2 mesi fa

      Si infatti perché il dritto di Nadal non viaggia per nulla… Ma finiamola di dire certe cazzate per favore!! Non si vincono 14 slam e 30 master mille cn sole gambe e senza braccio!! Chi dice queste cazzate di tennis non capisce nulla!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Paolo Giacomelli - 2 mesi fa

      Si infatti perché il dritto di Nadal non viaggia per nulla… Ma finiamola di dire certe cazzate per favore!! Non si vincono 14 slam e 30 master mille cn sole gambe e senza braccio!! Chi dice queste cazzate di tennis non capisce nulla!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Paolo Aringhieri - 2 mesi fa

      Nadal e Ferrer non hanno braccio? Quindi dovrai spiegarmi con tesi ragionevoli come hanno fatto questi due a stare per anni nella top ten ATP. Stiamo scherzando vero? In un tennis come quello di oggi, avere muscoli e gambe è basilare perché tutti i giocatori professionisti curano alla perfezione forma fisica e alimentazione. La differenza tra i buoni ed i campioni, la fanno i colpi, conduzione tattica e forza mentale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Michele De Bonis - 2 mesi fa

    Velenosa? Ma dove???

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy