Maria Sharapova: “È molto bello giocare dopo tanti mesi”

Maria Sharapova: “È molto bello giocare dopo tanti mesi”

La tennista siberiana nella giornata di ieri è tornata nuovamente in campo, in un esibizione a San Juan, in Porto Rico, dove ha fronteggiato la padrona di casa Monica Puig. Al termine del match ha rilasciato varie dichiarazioni riguardo il suo ritorno nel circuito.

Commenta per primo!

Maria Sharapova gioca e fa sorridere, così come non accadeva da tanto tempo. Dall’altra parte della rete c’era la padrona di casa, nonché campionessa olimpica, Monica Puig, sommersa da un mare di applausi ed abbracci dai suoi connazionali: ben 12.000 erano i presenti a San Juan, nella Arena Indoor costruita per omaggiare la portoricana. Il match si è concluso al tie break decisivo del terzo set, con un punteggio finale di 6-3, 1-6, 10-6.

“EMOZIONATA DI FAR PARTE NUOVAMENTE DEL TENNIS ” – A fine match, non sono mancate le parole della tennista siberiana, la quale è ancora innamorata di questo sport: “E’ molto bello giocare dopo tanti mesi, anche se mi sto allenando da marzo. Non e’ facile non competere perché è da quando sono bambina che pratico questo sport. Mi emoziona molto far parte del Tennis nuovamente, anche se sono consapevole che non sarà facile tornare alla competizione.”

SCAMBIO DI ELOGI – A prendere la parola è anche la beniamina di casa, la quale ringrazia tutto il pubblico accorso nell’Arena ma sopratutto la sua “avversaria”: “Ho invitato Maria non solo perchè è una grande giocatrice, ma perché prima di tutto è una persona magnifica. Spero di rivederla ancora a Porto Rico”. Successivamente anche l’ex numero 1 al mondo ha detto la sua: “Ragazzi, siete stati davvero speciali, era da un sacco di tempo che non giocavo davanti ad un vero pubblico e è stato fantastico. Ma tutti qui dobbiamo dire grazie a Monica. Senza i suoi strepitosi successi oggi nessuno sarebbe qui, nè io, nè voi. Quindi proviamo a farle sentire il calore che merita.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy