Sharapova: “Durante la squalifica mi sono sentita male e sola”

Sharapova: “Durante la squalifica mi sono sentita male e sola”

La campionessa russa, in un’intervista rilasciata di recente alla Bild, ha raccontato quanto sia stato complesso trascorrere il periodo di allontanamento dai campi di gioco.

di Federico Gasparella

Nel corso di un’intervista rilasciata alla Bild, la tennista russa ha rivelato di essersi sentita abbandonata durante il periodo di squalifica per doping: “Sono sempre stata una persona forte. Mi sono sempre sentita così, ma nel corso della sospensione mi sono sentita male e sola. Per superare certi momenti mi sono messa a scrivere. Anche se è stato difficile comprendere appieno le mie emozioni e trasferirle per scritto. Le persone a me più care, mi hanno fatto capire che quel periodo mi sarebbe servito per tornare più forte di prima”. Del suo ritorno, invece, in occasione del torneo di Stoccarda, ha dichiarato: “Ho sempre immaginato come sarebbe stato il mio ritorno, la sera prima dell’inizio del torneo e tutte le situazioni che si vivono durante una vigilia. A differenza di altre volte ho dormito bene. Comunque, devo ammettere, che è stato uno shock tornare a competere dopo un periodo di stop forzato”. Alla domanda se voglia chiudere la carriera come Serena Williams, all’età di 36 anni, ha affermato: “Ora non so dire, mai dire mai. Vorrei arrivare almeno al 2020 e partecipare alle Olimpiadi di Tokyo. Ma se non dovesse accadere, non sarà una delusione”. A proposito del fatto che molte sue colleghe si siano allontanate da lei durante il periodo di squalifica, ha detto: “Il tennis è uno sport individuale ed individualista. Ed è normale che funzioni così. Sei solo sul campo, anche se hai una squadra che lavora per te. Fuori cambia tutto. Anche io mi sento una persona differente”.  In conclusione, la tennista russa non ha risparmiato delle critiche all’ITF: “Il tennis è sempre più popolare ed è giusto che sia cosi. Ma i giocatori sono esclusi dai dibattiti che hanno a che vedere con i cambiamenti e quant’altro faccia parte dell’aspetto regolamentare di questo sport. Alcune novità previste per il prossimo anno le ho scoperte su internet. Tutto ciò non mi sembra positivo”.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto Ferrara - 6 mesi fa

    Commenti approssimativi e ingiusti. Ricordo che il farmaco a cui è stata trovata positiva è diventato proibito il 31 dicembre e lei è stata trovata positiva i primi di gennaio durante gli Australian Open. Peraltro non è neanche provato che questo farmaco dia dei reali vantaggi.
    Anche io penso che il ritorno della Russa sia stato positivo perché il tennis è sempre più carente di personaggi e sta diventando terribilmente noioso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Francesco Perreca - 6 mesi fa

    Masha il tuo ritorno è stato positivo per il circuito, l’augurio è che il 2018 sia ancora più ricco di grandi soddisfazioni personali e il raggiungimento di importanti risultati. C’mon Masha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Uccio Giuffrida - 6 mesi fa

    poverina si e’ sentita male,,,,,la prossima volta pensaci prima di doparti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Laura Marcucci - 6 mesi fa

    ..ma poverina..con tutti i soldi che guadagni..e poi potevi pensarci prima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Capotosti Luciano - 6 mesi fa

    Potevi pensarci prima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy