Wta Brisbane, Shenzhen, Auckland: in Australia ritiro per Muguruza. In Cina fuori Giorgi e Ostapenko. In Nuova Zelanda, eliminata Sara Errani

Wta Brisbane, Shenzhen, Auckland: in Australia ritiro per Muguruza. In Cina fuori Giorgi e Ostapenko. In Nuova Zelanda, eliminata Sara Errani

A Brisbane si ritira Garbine Muguruza. Bene Sevastova e Cornet. In rimonta e con non poche sofferenze Johanna Konta supera Ajla Tomljanovic. A Shenzhen eliminata Camila Giorgi. Fuori anche Jelena Ostapenko. Maria Sharapova in rimonta su Alison Riske. Prosegue la marcia di Aryna Sabalenka. A Auckland esce immediatamente di scena Sara Errani. Tutto facile per Caroline Wozniacki. Vittoria in tre set per Agnieszka Radwanska.

Commenta per primo!

BRISBANE – Terzo ritiro in tre giorni. Dopo Caroline Garcia (infortunio alla schiena) e Petra Kvitova (colpita da un virus influenzale prima di scendere in campo) è un’altra big a lasciare il torneo anzitempo: Garbine Muguruza. Avanti di un break nel terzo set del match che la opponeva a Aleksandra Krunic (numero 53 Wta), l’iberica subisce il controbreak e si accascia a fondocampo in preda ai crampi. La numero 2 al mondo opta per il ritiro. “Non riesco a darmi una spiegazione. E’ una situazione che non mi capita spesso”, ha commentato Garbine Muguruza. Il problema al polpaccio destro è probabilmente riconducibile ai carichi di lavoro accumulati nella fase di preparazione.

Prosegue invece la marcia di Anastasija Sevastova che ha impiegato meno di un’ora per sbarazzarsi di Sorana Cirstea. La giocatrice rumena ha raccolto appena tre giochi. Avanza anche Alizé Cornet che, dopo aver “beneficiato” del ritiro di Caroline Garcia al primo turno, ha battuto in due set Mjriana Lucic-Baroni. Vittoria in rimonta per Johanna Konta. Una fallosissima Johanna Konta (ben 23 i gratuiti) cede il primo set a Ajla Tomljanovic. Nel secondo parziale, la Konta ha ripreso il comando delle operazioni e si è portata in un attimo sul 5-0. A quel punto la Tomljanovic, croata naturalizzata australiana, ha chiamato il medical time out. Rientrata in campo con una vistosa fasciatura sulla gamba destra, ha evitato il bagel. Secondo parziale chiuso dalla Konta con un netto 6-1. Partenza in salita per la Tomljanovic nel terzo set. Subito sotto di un break, l’australiana (che anche a causa dell’infortunio è molto meno brillante e dinamica nei movimenti rispetto al primo parziale) salva tre palle che avrebbero portato la Konta sul 3-0 con doppio break. Stesso copione nel quinto gioco con la Tomljanovic che si aggrappa al servizio per evitare il 4-1 “pesante”. E’ 3-2 Konta ma con un break di vantaggio da amministrare per la britannica. Ma, dato che i segnali c’erano tutti, il doppio break per Johanna Konta arriva al terzo tentativo nel settimo game. E’ il 5-2 che spedisce dritta la britannica a servire per il match. Ormai deresponsabilizzata, Ajla Tomljanovic lascia andare il braccio e recupera uno dei due turni di servizio. Ci prende gusto la Tomljanovic, aiutata anche dal braccino della Konta che commette alcuni errori che hanno dell’incredibile (come uno smash a campo aperto mandato fuori di metri) e si procura addirittura tre palle per l’aggancio sul 5-5. Ma è Johanna Konta a chiudere sul 6-4, quando per la seconda volta si è ritrovata a servire per la partita.

Risultati:

A. Krunic b [2] G. Muguruza 5-7 7-6 (3) 2-1 Ritiro

[7] A. Sevastova b S. Cirstea 6-2 6-1

A. Cornet b M. Lucic-Baroni 6-1 7-5

[5] J. Konta b [WC] A. Tomljanovic 4-6 6-1 6-4

SHENZHEN – In programma sia incontri di primo che di secondo turno. Esce immediatamente Camila Giorgi, che ha ceduto nettamente alla rumena Ana Bogdan. 9 doppi falli, il 49% di prime in campo, 5 break subiti su 9 turni di servizio. Questi i dati che riassumono la giornata nera della tennista azzurra. In una giornataccia è incappata anche Jelena Ostapenko, che in poco più di un’ora si è arresa a una scatenata Kristyna Pliskova. Supportata dal servizio, che invece ha completamente abbandonato la Ostapenko, la ceca ha messo a segno 11 aces. Jelena Ostapenko ha invece piazzato una bassa percentuale di prime e si è esposta ai vincenti della Pliskova che ha trovato terreno fertile nelle deboli seconde della lettone. Per quanto riguarda i match di secondo turno, tutto facile per Aryna Sabalenka che ha lasciato le briciole a Danka Kovinic. Un eloquente 6-1 6-0 in 49 minuti. Zaryna Diyas ha battuto in tre set la cinese Shuai Zhang, testa di serie numero 3. Ai quarti, la Diyas se la vedrà con Maria Sharapova che, dopo quasi due ore e mezzo di battaglia, ha battuto in rimonta Alison Riske. La siberiana si è trovata sotto di un set e un break. La Riske ha retto fino al momento in cui ha risposto bene, gestito gli scambi e non ha perso campo quando Maria Sharapova accelerava i colpi. Pura formalità il match di Timea Babos contro Magda Linette. L’ungherese, testa di serie numero 8, ha lasciato per strada tre soli giochi.

Risultati (primo turno):

A. Bogdan b C. Giorgi 6-2 6-4

Kr. Pliskova b [2] J. Ostapenko 6-1 6-4

Secondo turno:

A. Sabalenka b [Q] D. Kovinic 6-1 6-0

Z. Diyas b [3] S. Zhang 6-3 6-7 (5) 6-4

M. Sharapova b A. Riske 4-6 6-3 6-2

[8] T. Babos b M. Linette 6-2 6-1

AUCKLAND – In Nuova Zelanda tabellone ancora allineato al primo turno. Eliminata Sara Errani. Barbora Strycova ha avuto la meglio sulla tennista italiana in tre ore esatte di gioco. Sara Errani era sotto di un set e un break, ma è riuscita a raddrizzare la situazione e vincere il secondo parziale al tie break. Terzo set, caotico, scandito da break e controbreak. A cedere un turno di servizio in più (quattro complessivi) è stata però l’azzurra. Esordio vincente per Caroline Wozniacki che ha archiviato la pratica Madison Brengle in 58 minuti e cedendo tre soli giochi. Più complicata la partita di Agnieszka Radwanska che ha dilagato nel primo set, ha perso il secondo e vinto facilmente il terzo e decisivo nel match che l’ha opposta a Beatriz Haddad Maia. Tre le teste di serie che lasciano immediatamente il torneo: la numero 5, Lauren Davis (sconfitta dalla qualificata Sachia Vickery), la numero 6, Yulia Putintseva (che ha ceduto a Ysaline Bonaventure, proveniente dalle qualificazioni), la numero 7, Mona Barthel (battuta da Varvara Lepchenko).

Risultati:

[1] C. Wozniacki b M. Brengle 6-3 6-0

[WC] S. Kenin b [Q] J. Fett 6-4 6-4

V. Lepchenko b [7] M. Barthel 6-2 6-2

[4] A. Radwanska b B. Haddad Maia 6-2 4-6 6-2

T. Townsend b C. McHale 1-6 6-4 6-4

V. Cepede Royg b L. Arruabarrena 6-3 6-3

[Q] S. Vickery b [5] L. Davis 6-1 6-2

[Q] Y. Bonaventure b [6] Y. Putintseva 6-3 6-3

J. Larsson b K. Nara 7-6 (5) 6-3

[3] B. Strycova b [WC] S. Errani 6-4 6-7 (3) 6-4

P. Hercog b A. Van Uytvanck 6-4 7-5

[Q] V. Kuzmova b [WC] J. Lewis 6-4 6-3

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy