Wta Bucarest e Gstaad: in Romania quarto di finale tra Siegemund e Martic. In Svizzera avanza Bouchard

Wta Bucarest e Gstaad: in Romania quarto di finale tra Siegemund e Martic. In Svizzera avanza Bouchard

A Bucarest quarto di finale tra Laura Siegemund e Petra Martic. Match complicato quello di Petra Martic, che ha impiegato oltre due ore e mezzo per piegare Claire Liu. La giovane tennista americana, al secondo turno di Wimbledon aveva portato Angelique Kerber al terzo set. A Gstaad, approdano ai quarti Bouchard, Cornet, Stosur, Kudermetova, Sorribes Tormo e Minella.

di Monica Tola

Programma fortemente condizionato dalla pioggia a Bucarest. Per via delle interruzioni e i ritardi accumulati, gli organizzatori hanno cancellato e rinviato a domani il match tra Vera Zvonareva e Ons Jabeur. Già delineato un quarto di finale: a sfidarsi saranno Petra Martic e Laura Siegemund. A Gstaad approdano ai quarti Eugenie Bouchard, Alizé Cornet, Samantha Stosur, Veronika Kudermetova, Sara Sorribes Tormo e Mandy Minella.

WTA BUCAREST

SFIDA AI QUARTI TRA LAURA SIEGEMUND E PETRA MARTIC – Quarto di finale tra Laura Siegemund e Petra Martic. E’ curioso osservare che entrambe sono arrivate a toccare questo traguardo dovendo fare i conti con lo stesso imprevisto: una interruzione per pioggia che ha spezzettato in due parti i match che rispettivamente le hanno opposte a Anna Karolina Schmiedlova e Claire Liu. Acquazzone provvidenziale per Laura Siegemund. Quando gli organizzatori hanno stabilito che non era possibile andare oltre e ci si sarebbe giocoforza dovuti fermare, la Schmiedlova era in totale controllo dell’incontro. La tedesca aveva vinto il primo set, ceduto il secondo e nel terzo, al momento dello stop, era sotto 2-1 con break da recuperare. Dagli spogliatoi è rientrata una sola giocatrice. Già, perché la pausa ha rotto l’incantesimo slovacco e la numero 85 Wta non ha più giocato. Dal 2-1 e servizio, in diciassette minuti, Laura Siegemund ha infilato uno score di sei giochi a zero e annichilito l’avversaria. Giornata complicata per Petra Martic, che ha faticato non poco per piegare Claire Liu, giovanissima tennista statunitense che al secondo turno di Wimbledon si è presa la gran bella soddisfazione di portare Angelique Kerber al terzo set. Due ore e 36 minuti di gioco. Un primo set dominato da Petra Martic, mentre nel secondo la diciottenne statunitense si è scrollata di dosso la tensione e ha dato filo da torcere alla tennista di Spalato. Una seconda frazione lottatissima, nella quale Martic e Liu si sono sfidate a viso aperto. Tanti errori da parte di entrambe, ma anche tantissimi vincenti e punti spettacolari. La piccola Liu, per niente intimorita, ha costretto Petra Martic a servire due volte per l’incontro, per due volte le ha strappato i delicatissimi turni di battuta (servizio quasi ininfluente, nella seconda frazione, con 8 break su 12 giochi disputati), ha salvato tre match point e allungato al tie-break. Jeu-décisif portato a casa dalla tennista americana. Il combattimento è proseguito nel terzo set e Petra Martic sembrava aver preso definitivamente il largo portandosi in un attimo avanti 4-0. Ma sul 4-2 e servizio per la croata, riecco la pioggia. La pausa, per quanto breve, ha deconcentrato la Martic. Sempre con i piedi abbondantemente fuori dal campo, Petra Martic si è esposta agli angoli corti e stretti di Claire Liu. Se non sono stati vincenti diretti, sono stati colpi che hanno fatto da apripista al cambio di direzione dell’americana a campo completamente aperto. La Martic ha rischiato grosso perché dal 4-2 della ripresa, si è ritrovata 4-4 servizio e 15-40. Due insidiosissime palle break che se finalizzate avrebbero spedito Claire Liu a servire per i quarti di finale e portare a casa uno scalpo importante. Petra Martic le ha annullate e con quelle opportunità svanite si è spenta la verve agonistica della giovane americana. Sul 5-4 Martic, la Liu è andata in battuta per rimanere nel match ma ha ceduto di schianto.

Il programma non è stato completato a causa dei ritardi accumulati per via delle interruzioni. Il match tra Vera Zvonareva e Ons Jabeur è stato rinviato a domani. Si è invece appena concluso l’incontro tra Sorana Cirstea e la belga Maryna Zanevska. Ad avere la meglio in due set è stata la beniamina di casa. Sorana Cirstea raggiunge così Martic e Siegemund ai quarti.

Risultati – Secondo Turno:

L. Siegemund b A. Schmiedlova 6-4 3-6 6-2

[4] P. Martic b [Q] C. Liu 6-2 6-7 (5) 6-4

[5] S. Cirstea b M. Zanevska 6-2 7-5

WTA GSTAAD

QUARTI DI FINALE PER EUGENIE BOUCHARD – Eugenie Bouchard elimina la testa di serie numero 8, Viktorija Golubic e, dopo un lungo digiuno di risultati, torna ai quarti di finale in un torneo Wta. Tanti i demeriti della tennista svizzera, che proprio a Gstaad ha vinto nel 2016 l’unico titolo conquistato finora in carriera. Viki Golubic ha fatto e distrutto. In entrambi i set, la vencinquenne di Zurigo è stata avanti 5-2 e dominando il match. La talentuosa elvetica ha tolto ogni punto di riferimento a una poco reattiva Eugenie Bouchard, non proprio tirata a lucido e tutt’altro che una scheggia negli spostamenti. Quando è stata costretta a correre, a fronteggiare smorzate, attacchi in controtempo, lo slice tagliente dell’avversaria, la canadese è andata fuori giri ma è stata graziata in entrambi i parziali da Viktorija Golubic. Dal 5-2, la svizzera ha smesso di muovere e comandare il gioco, si è fatta tradire dalla fretta e ha commesso una infinità di gratuiti. Alcuni davvero grossolani. Doppi falli a parte, la Golubic ha sprecato l’impossibile e ceduto entrambi i set al tie-break, dopo aver vanificato 7 set point. Due nella prima frazione, cinque nella seconda. Eugenie Bouchard, messa nella condizione di colpire da ferma, non ha potuto che approfittarne.

LE ALTRE PARTITE – Fuori Johanna Larsson, numero 2 del seeding. Prova opaca della tennista svedese che non ha creato alcun problema a Mandy Minella. Esce di scena Viktoria Kuzmova, testa di serie numero 3. La slovacca ha perso in due set ed entrambi i parziali al tie-break per mano di Veronika Kudermetova. Nessun problema per Alizé Cornet, numero 1 del seeding. Doppio 6-3 della transalpina a Conny Perrin, qualificata svizzera. Quarti di finale anche per la testa di serie numero 5, Samantha Stosur. Nella sfida tra veterane, l’australiana ha concesso appena 5 giochi a Patty Schnyder. La Schnyder, 39 anni, era l’ultima tennista svizzera rimasta in tabellone. Doppio 6-2 di Sara Sorribes Tormo alla tedesca Tamara Korpatsch.

Risultati – Secondo Turno:

[1] A. Cornet b [Q] C. Perrin 6-3 6-3

[5] S. Stosur b [WC] P. Schnyder 6-4 6-1

[Q] V. Kudermetova b [3] V. Kuzmova 7-6 (4) 7-6 (5)

E. Bouchard b [8] V. Golubic 7-6 (2) 7-6 (7)

S. Sorribes Tormo b T. Korpatsch 6-2 6-2

M. Minella b [2] J. Larsson 6-3 6-4

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy