Atp Finals Torino, Binaghi: ” Un bene per tutto il Paese. Sono orgoglioso del lavoro di tutti!”

Atp Finals Torino, Binaghi: ” Un bene per tutto il Paese. Sono orgoglioso del lavoro di tutti!”

C’è tanto entusiasmo nel day after l’assegnazione delle edizioni 2021-2025 delle Atp Finals in quel di Torino: Binaghi esprime tutta la sua soddisfazione durante la conferenza nel quartier generale della Fit.

di Mattia Esposito

Il day after dell’assegnazione delle Atp Finals alla città di Torino per il quadriennio 2021-2025, ha visto ovviamente Angelo Binaghi, esprimere la sua soddisfazione per il verdetto del massimo organismo tennistico.

LAVORO DI SQUADRA- “L’assegnazione del compito di organizzare a Torino le ATP Finals dal 2021 al 2025 rappresenta un grandissimo successo internazionale non tanto della Federazione Italiana Tennis quanto dell’intero sistema-Paese”. Così il Presidente della FIT, Angelo Binaghi, ha commentato il verdetto del Board dell’ATP soddisfatto del passo in avanti del capoluogo piemontese, capace di battere la concorrenza di città come Londra, Manchester e Tokyo.
Un successo di squadra, come confermato dal presidente cagliaritano: “Per questa straordinaria vittoria devo ringraziare prima di tutto, nella persona del Sottosegretario con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti, il Governo italiano, senza il cui decisivo supporto non sarebbe stato possibile neppure pensare di candidarci – ha proseguito Binaghi – L’intervento pubblico in favore delle ATP Finals rappresenta il primo frutto del nuovo assetto dello sport italiano e della spinta propulsiva derivante dalla nascita della Sport e Salute SpA”. L’obiettivo, quasi come sfida, era stata lanciata dal sindaco Chiara Appendino qualche settimana fa, e alla fine ci ha visto lungo: “Grande merito va attribuito anche alla Sindaca di Torino Chiara Appendino, la cui appassionata tenacia è stata fondamentale nel mantenere alto lo spirito ‘combattivo’ del gruppo e servirà in futuro per aggregare attorno al progetto le energie del territorio – ha detto ancora il Presidente della FIT – E’ stata lei a farci ripartire con rinnovata caparbietà quando sembrava che non ci fosse più niente da fare. In passato io sono stato un buon giocatore di doppio misto, specialità in cui ho vinto due titoli tricolori assoluti. Ma se avessi trovato una compagna con la grinta di Chiara i risultati sarebbero probabilmente stati ben altri”.

FIT E FUTURO- “Un grazie va anche allo staff della Federtennis, che prima ha predisposto il progetto con l’aiuto del dottor Diego Nepi, e poi ne ha gestito con professionalità e dedizione la lunga e complessa messa a punto degli aspetti legali e finanziari. Non è stato facile, e da parte di tutti noi ci sono voluti pazienza e coraggio. Importantissimo, in questo senso, è stato anche il ruolo dell’Istituto per il Credito Sportivo, in particolare del suo Presidente Andrea Abodi, della Banca Nazionale del Lavoro, storico partner del tennis mondiale, e della Sace.” Un lavoro comune, che ha visto coinvolto  tutta la federazione e che dovrà continuare per l’organizzazione dell’evento, che sarà un bene per tutto il paese“Per ultimo – ha continuato Binaghi – sento il dovere di sottolineare come il Consiglio Federale della FIT abbia coraggiosamente accettato di sostenere questa sfida, così impegnativa e per certi versi rischiosa. Avremmo potuto continuare serenamente lungo la strada di crescita, costante e ininterrotta da quasi vent’anni, che ha portato la nostra Federazione al secondo posto fra quelle italiane. Invece ci siamo rimessi ancora una volta in gioco per proiettare il tennis italiano ancor più in alto nella élite mondiale e dare il nostro apporto al rilancio complessivo del Paese”“Adesso – ha concluso il Presidente della FIT – la palla passa al nostro Settore Tecnico, che entro 3-4 anni deve fare la propria parte portando almeno un giocatore italiano al Pala Alpitour di Torino perché vada a caccia del titolo di campione mondiale dell’anno. I risultati di questi anni, e soprattutto di questo brillantissimo inizio di stagione, ci fanno sperare che le premesse ci siano”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Natalizio Saddemi - 4 settimane fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy