Wada, Fancy Bears e Tennis

Wada, Fancy Bears e Tennis

La disputa in corso tra USA e Russia non conosce limiti: la nazionale russa alle Olimpiadi decimata dai provvedimenti di esclusione per doping di stato. La reazione Russa affidata ad un gruppo di hacker, i Fancy Bears che diramano notizie di atleti autorizzati ad assumere farmaci dopanti. E spunta il nome di Nadal.

L’operazione del gruppo hackers Fancy Bears, russi, scatena la cosidetta tempesta in un bicchiere. Sul loro sito viene diramata una fitta lista di atleti, in particolare di nazioni occidentali e di diverse discipline sportive,  autorizzati dalla WADA, la famigerata agenzia per la lotta e il controllo delle attività dopanti, ad utilizzare farmaci vietati per ragioni terapeutiche.

Difficile non dare una lettura politica di questo gesto. Nazionale russa decimata? Nessun problema, adesso entriamo nel sancta santorum del doping mondiale, la WADA per l’appunto, e facciamo sapere al mondo chi si dopa. Insomma, questa la vulgata più probabile, con gli hackers russi disposti a mettere la loro abilità a beneficio di un revanscismo un tantinello provinciale. Così accade che, come gli atleti russi pescati a subire il doping di stato di mister “lettòne” Putin, anche gli hacker ottengono grosso modo un po’ di pubblicità e scatenato una tempesta in un bicchiere. Insomma, un classico caso di eterogenesi dei fini.

RafaelNadalCertificato2

La vicenda assume contorni meno provinciali (si può essere provinciali anche in una disputa internazionale, ebbene sì) se però, con una certa dose di malizia, si vuole considerare grave la presenza di Rafael Nadal nell’elenco degli atleti che in due occasioni, ovvero 2009 e 2012, periodo in cui le condizioni fisiche del campione spagnolo cominciavano a peggiorare rispetto agli splendori degli anni precedenti, avevano assunto sostanze illecite. Sia chiaro: esattamente come gli altri atleti presenti nella lista, Nadal era autorizzata ad assumere alcuni medicinali, nella fattispecie cortocoidi, per curare il problema al ginocchio. Va detto che per ottenere questo permesso è necessario sottoporsi ad un programma di controllo particolarmente restrittivo, nonché, ovviamente, soffrire di una patologia molto seria.

Viene però un dubbio: perché tenere nascosta la notizia? Certo, divulgare i dettagli medici non si deve, ma glissare e restare in silenzio non va bene, specie per un atleta come Nadal il cui nome è stato più volte accostato sinistramente (e senza alcuna prova) al doping, per giustificare le sue mirabolanti prestazioni fisiche. Oggi un’ombra, e solo quella, viene però gettata sulla moralità dell’atleta spagnolo, la cui salute, divenuta cagionevole, lo costringeva a prendere farmici vietati, tutto però a norma di legge.

Se l’obiettivo dei Fancy Bears era quello di dimostrare che il sistema anti-doping occidentale è una finzione, hanno fallito. Ma se volevano farci venire dei dubbi circa l’abilità comunicativa del CIO e della WADA, ci sono riusciti.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto Larghi - 3 mesi fa

    doping di stato? chi governa la Wada signor Maiale? dovrebbe rispondere a questa semplice domanda invece di usare banali aggettivi come “lettone ” Putin. O dobbiamo parlare di Obama bombarolo? gli atleti delle paraolimpiadi russi che doping hanno assunto? si informi e si tolga le stelle e strisce dagli occhi..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy