Tanti auguri a Guga Kuerten

Tanti auguri a Guga Kuerten

Il campione sorridente compie quarant’anni. La sua carriera è stata breve ma piena di successi; la sua vita un raro esempio di generosità.

3 commenti

TALENTO E VOLONTA’ –  “Credo di aver trovato un modo di mettere in relazione il tennis e la vita intorno a me. Ho iniziato a capire e il tennis mi ha fatto incontrare tante  persone, mi ha mostrato esperienze che mi hanno portato a realizzare che il tennis non è tutto nella vita, ma sicuramente si trova in ogni singolo aspetto di essa”. Ecco il modo in cui ci piace pensare e presentare Gustavo “Guga” Kuerten, brasiliano di Florianopolis. Un uomo , prima che un tennista, che ha incontrato, sperimentato e  guardato la vita attraverso il suo immenso amore per il tennis. Gustavo nasce il 10 settembre 1976 , figlio di un giocatore di tennis amatoriale e arbitro. Purtroppo, nel 1985, il suo papà Aldo morì di infarto, lasciando orfani Gustavo, Raphael  e  Guilherme. Quest’ultimo  soffriva di paralisi cerebrale e la condizione di suo fratello, morto nel 2007,  sarà per Gustavo  ispirazione per il suo grande impegno verso chi è vittima di questa patologia. Guga, come era affettuosamente chiamato, inizia a giocare a 6 anni e , tra mille difficoltà da lui raccontate nella sua autobiografia “Guga, un brasiliano”, riesce a raggiungere i suoi primi successi. Suo allenatore sarà Larry Passos, prima amico di famiglia e poi coach.

kuerten 2TRE VOLTE RE A PARIGI-  Sorridente ed affabile fuori dal campo, Kuerten in campo era giocatore cinico e spietato. I suoi erano gli anni del tennis in evoluzione. Materiali diversi, diverso il modo di cercare e colpire la palla e, in un tennis ancora lontano dal “power tennis”, Gustavo emerge con il suo grande talento. La sua figura alta e magrissima , esprimeva un tennis completo. Buoni il servizio ed il dritto, Guga possedeva un rovescio ad una mano devastante. In più , la sua sensibilità era tale da consentirgli vere magie nei pressi della rete e ciò lo aiutò a diventare anche un eccellente doppista. Ventinove le finali Atp raggiunte e venti  i titoli vinti in singolare, cui si aggiungono gli otto conquistati nel doppio. Da ricordare  vi sono gli Internazionali d’Italia e l’Open di Monte Carlo, entrambi conquistati nel 1999.  Ma tre sono le sue  gemme più preziose, ovvero i tre titoli del Roland Garros vinti nel 1997, nel 2000 e nel 2001. Il 4 dicembre del 2000 , Guga corona il suo sogno e conquista la vetta del ranking mondiale.

Monaco, MONACO: Brasilian player Gustavo Kuerten hits the ball against Croatian player Mario Ancic during Masters series Monte-Carlo 12 April 2005 in Monaco. AFP PHOTO PASCAL GUYOT (Photo credit should read PASCAL GUYOT/AFP/Getty Images)
IL CALVARIO DEGLI INFORTUNI- Purtroppo, il suo fisico usurato da un calendario fitto e massacrante , va incontro a molti e gravi infortuni. I suoi muscoli cedono più e più volte , e così le sue anche.  Guga sarà costretto a diversi interventi chirurgici e, ancora oggi , porta i segni di quel calvario. “Non posso correre 100 metri in una strada dritta“, queste le sue terribili parole.  La sua carriera conosce così un rapido tramonto. Il brasiliano solare, dai riccioli d’oro , sarà costretto a fermarsi , per sempre. Kuerten ottiene la sua ultima vittoria nel torneo di casa , a Florianopolis , nell’aprile del 2008 e chiude la sua parabola tennistica nel maggio di quello stesso anno, là dove aveva trionfato, ovvero al Roland Garros.Tutto finisce a soli trentadue anni e , osservando oggi un ranking pieno di ultratrentenni nelle prime posizioni, viene spontaneo chiedersi come ciò sia potuto accadere. La risposta è forse nello stesso pensiero di Guga, un pensiero crudo e diretto. Il ritmo di gioco  cui erano sottoposti i giocatori allora  ne ha, di fatto,  falcidiato la carriera. Kuerten, su questo, non ha dubbi : “Sono sempre più convinto che , anno dopo anno, l’ATP ha spezzato il gruppo composto da me, Rios, Norman e Safin. Molti tennisti eccellenti hanno appeso la racchetta al chiodo”. Bellissimo ma breve, troppo breve; questo il cammino di Kuerten. Tuttavia, è lo stesso Guga a spazzar via ogni rimpianto. Il suo sorriso, lo stesso di sempre, lo accompagna ovunque. Un sorriso cui non si può rispondere se non con un infinito …Grazie.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Federico Colombo - 1 anno fa

    Nn capisco perchè ATPNha spazzato via lui Safin Rios ecc.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tennis Circus - 1 anno fa

      Secondo Kuerten i ritmi di gioco cui erano costretti i giocatori li massacravano fisicamente. Non dimentichiamo che la loro preparazione fisica non è nemmeno lontanamente paragonabile a quella dEinaudi giocatori odierni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Federico Colombo - 1 anno fa

      Si,immaginavo.Eppure agassi ha giocato fin 36 aa,Safin nn aveva semplicemente voglia.Nn penso sia tutta colpa dell’Atp.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy