“Federer il più grande tennista degli ultimi venti anni nonostrante i record battuti da Novak Djokovic”

“Federer il più grande tennista degli ultimi venti anni nonostrante i record battuti da Novak Djokovic”

Nonostante l’impressionante serie di successi del numero uno del mondo, il serbo Novak Djokovic, lo svizzero Roger Federer rimane, secondo noi, il più grande di tutti. Ecco perchè!

45 commenti
Primo giorno di Campus estivo. Tra le domande di rito ( avete mai visto una partita, avete mai giocato…) chiedo quali nomi conoscete di tennisti famosi. Numerosi i Djokovic, per tutti il più forte in assoluto, qualche Murray (anche lui abbastanza bravo), un remoto Nadal e nessun “Roger Federer”!
VINCERE NON È TUTTO – Pensandoci bene, quando presi per  la prima volta in mano una racchetta, conoscevo a mala pena i nomi di Borg e Panatta (recente vincitore del Roland Garros). Poi, lentamente, arrivarono i McEnroe, i Lendl, gli Edberg e così via… Fino ai giorni nostri, in cui mi appassiono anche per sconosciuti numeri 300 del mondo o giovani promettenti. Sempre alla ricerca del colpo spettacolare che mi riesca a stupire per grazia, stile, coordinazione ed efficacia. Ecco quindi che mi trovo a godere vedendo giocare, Dolgopolov, Monfils…
Meravigliato della risposta dei ragazzi,  propongo io il nome di Federer. Sento, però,  rispondermi: “ormai non gioca più!”.
 “Come!?! ma, se la  settimana scorsa è arrivato in semifinale!” Ribatto io. “Ma non ha giocato il Roland Garros!” dicono loro.
Ok. Sicuramente i ragazzi conoscono il nome del serbo perchè in questo momento ne parlano i Tg, i genitori ma probabilmente non hanno mai visto giocare una partita intera.
SU15_TN_RFederer_Wimbledon_5064_original2000
Mi consolo, quindi, pensando che probabilmente cambieranno idea quando avranno la possibilità, il tempo e la voglia di vedere un intero match; non appena inizieranno ad appassionarsi, davvero, a questo magnifico sport non potranno non innamorarsi dele splendide giocate di “Re Roger da Basilea” , dimenticando presto i numeri da record dell’automa Novak Djokovic.  Certo, è vero, nello sport bisogna vincere. Non basta solo partecipare per diventare i numeri uno. Se Federer non avesse dominato il tennis per tutti questi anni sarebbe rimasto un emerito sconosciuto. Ma toglietegli le vittorie a e cosa resta: un tennis meraviglioso! Toglietele a Djokovic  e rimarrebbe qualche curiosa espressione facciale, qualche siparietto con i ball boys  (fatto comunque solo ora che le cose gli vanno bene) o qualche recupero in spaccata.

DJOKOVIC VS FEDERER. Djokovic gioca a tennis con una regolarità ed una precisione incredibili. Federer crea il tennis. Impersonifica nell’immaginario di milioni di appassionati il tennis stesso. Sebbene i suoi record  non potranno rimanere imbattuti in eterno le sue giocate spettacolari e le sue magie saranno per sempre ricordate da chi il tennis lo ama. Si pensa a Federer quando si vede fare un bel punto. Non a qualcun altro! Djokovic può essere l’uomo dei record. Ma Federer è e sarà per sempre un artigiano del bello. Un artista con un stile talmente ricco da essere inimitabile. Una leggenda vivente. Sento parlare del diritto alla Federer o della sua ultima volèe. Chi mi saprebbe dire così su due piedi un colpo davvero incredibile unico di Djokovic ?

federer2

Non riesco ad immaginare il serbo, all’età di Federer continuare a giocare nonostante il filotto di finali perse. Non credo che possa trovare la motivazione necessaria per accontentarsi del secondo posto dopo tutto quello che sta vincendo. Soprattutto con la stessa flemma  dello svizzero. Non vedo quali vantaggi potrebbe trarne l’uomo Djokovic cresciuto sotto i bombardamenti, od ancora il giocatore, lo sportivo Djokovic. Per molti un perdente fino a qualche anno fa. Ad un passo dal grande Slam nel 2011 ed ora di nuovo in corsa per un posto nella leggenda. Credo, anzi, sono convinto che il carburante che mette in moto il motore del serbo sia la voglia di diventare il GOAT. Il numero uno. Non potrebbe concepire il secondo posto. Dopo tutto il lavoro svolto. Forse, semplicemente, se Novak completasse il Grande Slam si ritirerebbe se non riuscisse a rimanere competitivo contro se stesso.

SU15_TN_RFederer_Wimbledon_7113_No_Type_native_1600

Federer, invece, ha già vinto tutto. Vuole vincere ancora. Almeno un altro slam. Ma in campo trovo la forza nel suo sconfinato amore per questo sport. Come un neonato,  esplora continuamente il mondo circostante che nel suo caso è il campo da tennis: la racchetta, le palline, sempre alla ricerca di qualche nuova soluzione!

UNO, DIECI, CENTO FEDERER. Se volessimo scegliere tra un giocata dello svizzero avremmmo l’imbarazzo della scelta: servizio, tweener, volee….A dispetto dell’età che avanza riesce a trovre continui adattamenti al suo gioco, già  magistrale, per restare competitivo. Potremmo immaginare tanti Federer diversi che hanno interpretato vari momenti della sua lunga carriera. Una volta sono i drop shot, ultima risorsa per contrastare la potenza dei colpi dei suoi avversari e spezzare il loro ritmi. Lui che della potenza non ha mai fatto una bandiera. Anche da un punto di vista fisico. I muscoli di Roger sono quelli di un uomo normale. Quelli di Nadal sono extraterrestri. Un’altra volta inventa i tweener dopo essere stato superato con pallonetti millimetrici. Con l’età che avanza inizia  giocare il serve&volley, antica arte ormai dimenticata, per poter accorciare gli scambi ed abbreviare i match. O, ancora la SABR per mettere pressione agli avversari e chiudere presto i punti!

FEDERER=TENNIS. Federer riesce, continuamente, partita dopo partita a generare un tennis meraviglioso. Senza tempo. Come le opere d’arte. Senza mai ripetersi. Il tennis che tutti vogliono vedere. Perchè Federer non ha solamente cambiato il tennis ma, anche il modo in cui gli appassionati guardano il tennis stesso.  Lo vedete mentre si muove in campo con una calma mai vista. Si trova a suo agio. E’ nel suo ambiente naturale. Ha pazienza. E forza per rialzarsi dopo le sconfitte. Federer ha impedito che il tennis morisse diventando un gioco di fucilate da fondo campo fatto di scambi monotoni e sempre identici. Oggi, nessuno si accontenta di vedere due picchiatori. Vogliamo vedere  un “bel tennis”. Vogliamo divertirci. Quando qualcuno al Club gioca bene, a tutto campo, riuscendo a “mandare la palla dove vuole” con la racchetta…diciamo: gioca come Federer! Anche quando viene sconfitto, lo svizzero, difficilmente non delizia il pubblico con una sua magia. Classico, pieno di grazia e di talento.  E tutti ci dispiaciamo, perchè:  “Si, Djokovic è simpatico,  non sbaglia mai. Ma, Federer gioca davvero bene! Scende a rete, recupera, fa il rovescio in back…..Se avesse qualche anno meno il serbo non avrebbe dove andare!”

federse10

L’INGRESSO IN CAMPO. La classe di Federer si vede fin dal suo ingresso in campo.  Sono indimenticabili, a tal proposito le sue “passerelle” in quel di Wimbledon. Pantaloni lunghi rigorosamente bianchi. Giacca, gilet o blazer che solo indossati da lui non risultano ridicoli con le scarpe da tennis.  Porta con se una sorta di regale stoicismo come se stesse andando ad immolarsi per i suoi fans ma, allo stesso tempo, è totalmente focalizzato per dare il meglio di se durante il match. Scriveva Foster Wallace: “L‘estrema cura  che Roger Federer mette nell’appendere la giacca alla spalliera della sedia vuota a bordo campo, così perche non si sgualcisca ha un che di infantile ed estremamente tenero.”

BASTEREBBE IL RISCALDAMENTO. Durante i minuti di riscaldamento, i suoi avversari saltellano in campo, Federer sembra, già, fluttuare nell’aria mentre muove la sua racchetta. I suoi occhi neri sembrano essere assenti. Determinati. Non tradiscono una emozione od un turbamento.Tutto questo basterebbe già da se a ripagare, abbondantemente, il prezzo pagato per il biglietto o per l’abbonamento alla pay-tv, ma, il match deve ancora iniziare!!

Roger_Federer_at_the_2009_Wimbledon_Championships_11

UN SERVIZIO REGALE.  Un servizio da manuale quello dello svizzero. Non è tra i più potenti del circuito. Ai livelli di Karlovic o Isner o Raonic per intenderci. Ma è tra i più efficaci. Impressionante la percentuale di ace e di punti vinti direttamente con il servizio.   Il movimento è tra i più classici. “Ha una velocità e un grado inarrivabile di varietà e precisione, i movimenti sono flessuosi e sobri e si distinguono solo per il guizzo anguillaceo dell’intero corpo al momento dell’impatto”.  Riesce a servire bene anche da sinistra. Solitamente, terreno prediletto dei mancini. Ma anche lui  da quella parte del campo riesce a mandare fuori campo gli avversari. Dopo avere lanciato la palla in aria ed inarcato la schiena, sembra come fermarsi per un attimo, eterno, prima di colpire la palla . Come se quest’ultima lo aspettasse mentre lui decide dove mandarla.  E se non farà direttamente il punto dopo essere atterrato come un gatto sul campo di gioco cercherà di chiudere il punto a rete.

Federer_2963015b

LA CALMA E’ LA VIRTU DEI FORTI. Federer in campo non suda. E’ incredibile la quantita di punti che riesce a giocare senza versare una goccia di sudore. Come ci riesce!? Guardate lui e guardate ad esempio Nadal! Questo perchè riesce ad essere sempre al punto giusto nel momento giusto,tirando il colpo più giusto. Ma , tutto ciò,  non è dovuto solamente ad una incredibile condizione atletica. E’ frutto, semmai, dello stesso genio dello svizzero. Federer costruisce i punti. Conosce anche tre colpi prima come si evolverà lo scambio. Perchè non si limita a mandare la palla dall’altra parte, aspettando che l’avversario la mandi fuori od a rete ma tesse la sua trama. Portandolo a tirare la palla dove lui, l’aspetta già pronto per tirare un winner. E, poi, la sua incredibile capacità di anticipazione, di lettura della palla  e dei movimenti degli avversari.

LARGO AI GIOVANI. Per tutti questi motivi credo che non possano bastare i titoli vinti da Djokovic per candidarlo a GOAT. Ma Re Roger resta il GOAT incontrastato. Forse Djokovic completerà il Grande Slam, impresa non riuscita allo svizzero. Forse Djokovic supererà il record di 17 slam vinti dallo svizzero. Forse…Forse è  vero come alcuni dicono che Federer ha vinto alcuni slam affrontando avversari piu facili di quelli che sta affrontando oggi il serbo. Ma, è il modo in cui ha vinto queste partite a consacrarlo come migliore giocatore indiscusso degli ultimi venti anni, senza rivali. Ad un artista può bastare una sola opera per entrare nella storia. Non è tenuto a fabbricare successi in serie. Federer è  un artista. Forse Djokovic sarà ricordato come uno dei più grandi sportivi di tutti i tempi, anzi  sicuramente lo sarà per le imprese che sta compiendo. Ma Roger ha inventato un nuovo modo di giocare a tennis. Un vero appassionato non può che restare estasiato contemplando le sue opere d’arte.  Sono sicuro che baratterebbe facilmente qualche partita di Djokovic per una volée del maestro elvetico.  Attendiamo, quindi, le nuove generazioni che non stanno tardando a farsi sentire. Sono incoraggianti i successi che i ventenni del circuito hanno conseguito negli ultimi tempi. Thiem, Fritz, Zverev, Tifaoe… Chi sarà il prossimo “numero uno”?

 

 

45 commenti

45 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Oliviero Pagliaroli - 1 anno fa

    Parafrasando Alessandro Manzoni: “Lo stile è come il coraggio, se non lo possiedi non puoi dartelo…” Senza polemiche ma credo che questa frase possa mettere d’accordo tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Davide Bonetti - 1 anno fa

    concordo…roger ha vissuto un epoca con rivali che entraranno della storia. record d slam pur avendo un nadal che l ha vinto 9 volte…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giuliana Cau - 1 anno fa

    A prescindere dal tifo, un articolo giornalistico dovrebbe essere un tantino più distaccato e meno di parte. I meriti di Federer sono indiscutibili, ma dire che “una volta che Djokovic smetterà di giocare, di lui si ricorderanno solo le faccette e i balletti coi raccattapalle, che ora fa perché gli va tutto bene” è demenziale. E aggiungo, che i ragazzi che vengono citati nell’articolo, essendo meno maliziosi degli adulti, saprebbero dare le loro valutazioni, se solo gli venisse dato modo di farlo, a meno che il target nn si aggiri intorno ai 10 anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tennis Circus - 1 anno fa

      scusa Giuliana Cau gli articoli possano anche essere provocatori ma non per questo offensivi. Tu, così su due piedi, sapresti dirci qualche colpo ricordi di Novak Novak Djokovic. I ragazzi in un campus vanno per

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tennis Circus - 1 anno fa

      definizione dai 4-5 ai 15 anni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Tennis Circus - 1 anno fa

      proprio perche non sono maliziosi definiscono più bravo il vincitore. Tranne quando non sono loro a perdere. Allora chi ha vinto: ha barato, è stato aiutato, ha approfittato di qualche loro sbgalio. etc etc etc . !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Giuliana Cau - 1 anno fa

      Io nn ho detto che l’articolo è offensivo, ho detto che nn è obiettivo. Il miglior colpo di Djokovic: la risposta su servizio, seconda o pari solo a quella di Agassi. Verrà ricordato solo x le scenette? Nn credo, dato che dopo 47 anni ha compiuto il grande Slam, vincendone 4 di fila. Tutti sappiamo chi è e cosa sa fare Federer, ma chi segue bene il Tennis sa anche chi è Nole, e che il suo punto di forza nn sono solo gli spettacoletti col pubblico. Ai ragazzi giovani, lo dico perché in mezzo a loro ci vivo, piace l’atletismo e piacciono anche gli atleti che giocano col pubblico, perché li rende più naturali.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Tennis Circus - 1 anno fa

      per un campione diu tale peso mi sembra un tantino riduttivo trovare nella risposta al servizio il migliore colpo. Allora mi daresti ragione quando parlo della classe dello svizzero. Agassiaveva anche un bel diritto e non si e mia sognato di insidiare Pete Sampras come gioco. A parte che ancora gli mancano due slam per completare quel mitico grande slam. Nole ha finora realizzato il career grande slam. Già realizzato anche da Ndal, federer….Poi comuqnue dobbiamo capire quando sono sinceri questi siparietti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Giuliana Cau - 1 anno fa

      Possiamo aggiungere il rovescio incrociato inside/out, la palla corta di rovescio, il rovescio/rovesciato, la capacità di scivolare sul cemento come se fosse terra battuta. Dopo Laver è l’unico ad aver vinto 4 slam di fila e detiene il record dei masters mille. Sui siparietti nn credo di aver torto nel dire che ai ballboys nn sembri vero che ci siano giocatori così. Qui nn è discussione il talento di Federer, ma quello di Djokovic, che nn deve essere x forza uguale a quello dello Svizzero x meritare considerazione .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Sandrino Pace - 1 anno fa

    E #Agassi? e #Sampras? PARLIAMONE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Corrado Galasso - 1 anno fa

    Di sempre ……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Lorenza Ciampalini - 1 anno fa

    Roger é Roger. Punto e a capo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Carlo Lai - 1 anno fa

    NESUN DUBBIO! ROGER:INARRIVABILE!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Luca Mucari - 1 anno fa

    Non sono proprio d’accordo . Le vittorie di sampras nell’epoca dei vari Mcenroe, agassi , becker , ivanisevic , connors , edberg , courier , rafter , e sicuramente ne dimentico qualcuno hanno dieci volte più peso delle vittorie di federer che si confrontava con un safin a fine carriera , un roddick discontinuo e un Nadal pallettaro. Ma di cosa stiamo parlando ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Alessandro Bianchini - 1 anno fa

    Siamo alle solite….difficile fare paragoni tra le varie epoche dello sport…cambiato attrezzi,mezzo, metodi d’allenamento…certo che Federer e’ un grandissimo, dopo Borg per me e’quello che ha lasciato maggiormente il segno avendo vinto 17 slam, lo svedese in modo diverso stravolgendo questo sport probabilmente insuperabile per questo verso e poi carisma da vendere…Iceborg for ever!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Anna Altieri - 1 anno fa

    D’accordissima!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Francesca Angerame - 1 anno fa

    NON C’È ALCUN DUBBIO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Chiara Mangiapane - 1 anno fa

    Roger è il più grande di sempre, punto. È inutile che dite di no, tutti lo amano!!!❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Bjeletic Dragisa Beli - 1 anno fa

    Ha ragione Fabio Locci articolo vomitevole!!!
    Perché Nole arriva dalla Serbia, se arrivava dalla Francia, Germania, America si parlerebbe diversamente di lui…sarebbe più grande di tutti i tempi!!!
    Ormai tutti parlano che Federer (che mi piace) più elegante tennista di tutti i tempi anche quelli che non hanno mai visto un match di tennis perché sentono parlare altri.
    Quando Federer vinceva tutto concorrenza era scarsissima è inizio non c’era Nole adesso quando vince Nole c’è oppure Federer e Nadal, certo più vecchi però quando vincevano loro anche Nole era giovane e non forte come oggi!!!!
    P.S. Tifare va bene però anche un po’ realtà e sincerità!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tennis Circus - 1 anno fa

      bjeletic perchè vomitevole! ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Matteo Odolini - 1 anno fa

    Non la penso come voi nole é più forte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tennis Circus - 1 anno fa

      se la pensassimo tutti allo stesso modo staremmo messi male. Grazie per il commento!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Alessandro Corona - 1 anno fa

      Come si può dire che Djokovic sia più forte? Se ancora 2/3 spesso Roger vinca, nonostante abbia 35 anni e il serbo sia nel miglior momento della carriera. Ma a carte d’identità invertite Djokovic vincerebbe qualche match? Non vincerebbe neanche un set

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Matteo Odolini - 1 anno fa

      Invece ne vincerebbe di set

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Impollonia Alessandro - 1 anno fa

    Infatti Federer nel suo apice affrontava grandi giocatori,oggi Nole praticamente nessuno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Fabio Locci - 1 anno fa

    Che articolo vomitevole.E lo scrive uno che tifa,anche, Federer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tennis Circus - 1 anno fa

      perchè lo sarebbe ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Andrea Deibianchi - 1 anno fa

    Quando lui vinceva tutto nadal stava al massimo della carriera c’era hewit safin roddick coria e lo stesso nole….ora djokovic vince perchè non ha rivali!! Forza roger

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabio Locci - 1 anno fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luca Mucari - 1 anno fa

      Non sono proprio d’accordo . Le vittorie di sampras nell’epoca dei vari Mcenroe, agassi , becker , ivanisevic , connors , edberg , courier , rafter , e sicuramente ne dimentico qualcuno hanno dieci volte più peso delle vittorie di federer che si confrontava con un safin a fine carriera , un roddick discontinuo e un Nadal pallettaro. Ma di cosa stiamo parlando ???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Andrea Deibianchi - 1 anno fa

      Sempre meglio di djokovic che si confronta con nessuno, il suo rivale principale è murray ecco spiegate le vittorie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Fabio Locci - 1 anno fa

      Ti sfugge una cosa..stranamente una volta esplosi nadal e djokovic, Federer ha vinto appena tre slam..e parlo del 2009,quando aveva appena 27 anni..Non proprio un età da tramonto..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Fabio Locci - 1 anno fa

      Ecco spiegate le vittorie di Federer (che mi piace, e molto, come giocatore. Ma i suoi seguaci, il tifo è un altra cosa, sono insopportabili )

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Ratko Mila Balaban - 1 anno fa

      Andrea Deibianchi KLOŠARU JEDAN TVOJE JEDINO ZANIMANJE JE DA MRZIŠ KRALJA TENISA ĐOKOVIĆA I NEPRIHVATAŠ NJEGOVE REKORDE ! ! ! ***

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Andrea Deibianchi - 1 anno fa

      Nadal quando ha giocato bene tipo nel 2012 e 2013 e 2014 nole ha vinto solo un grand slam all’anno poi è calato lui è calato il re e nole vince

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Alan Casazza - 1 anno fa

      Lo stesso si può dire di Djokovic. Il serbo era un giocatore alla ribalta e i primi slam/masters 1000 li ha vinti quando Federer e Nadal erano giocatori praticamente imbattibili (primo slam Australian open 2008 e primo 1000 Miami 2007)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Andrea Deibianchi - 1 anno fa

      Nell’australian open 2008 federer aveva la mononucleosi quelle settimane gia è tanto che è arrivato alle semi se stava in forma ciao ciao nole….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Nicola Nolè - 1 anno fa

      Vatti a leggere i confronti tra djokovic e federer e datti una risposta per favore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    11. Andrea Deibianchi - 1 anno fa

      Leva i confronti degli ultimi tre anni e vatti a leggere tu i numeri! Ora ha 35 anni cosa ti aspetti che lotti 3 su 5 al massimo come un 26enne? Ma x favore sete ridicoli

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    12. Oscar Symbol Mariani - 1 anno fa

      Mi tolgo dal gruppo veramente insopportabile state su sto gruppi solo per rompere il cazzo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    13. Alessandro Corona - 1 anno fa

      Inoltre Federer a 35 anni è l’unico che tenga ancora testa. L’anno scorso l’ha battuto 3 volte, nel 2014 4. Il serbo a 35 anni sarà in spiaggia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Gregorio Stella - 1 anno fa

    Fabio Cangeri parli ancora?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Alessandro Corona - 1 anno fa

    Beh nettamente, ha ancora largo vantaggio nei record

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Emanuela Anelli - 1 anno fa

    No

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy