La strana programmazione di Gianluigi Quinzi

La strana programmazione di Gianluigi Quinzi

Il marchigiano non ha potuto prendere parte al torneo ATP di Marrakech, dove aveva raggiunto il secondo turno l’anno scorso, perdendo così ben 50 posizioni in classifica. La sua programmazione dei tornei appare tuttavia poco chiara, avvolta nel mistero, e anche discutibile

di Gabriele Congedo

Esattamente un anno fa, proprio al Grand Prix Hassan II di Marrakech, torneo ATP 250, il nostro Gianluigi Quinzi otteneva il migliore risultato in carriera. Il marchigiano era stato infatti bravissimo a vincere le qualificazioni, battendo tra gli altri Donskoy, giustiziere di Federer 3 mesi prima a Dubai, e poi a vincere il suo primo match in un main draw ATP al primo turno contro il francese Mathieu, per poi arrendersi al turno successivo al più esperto connazionale Lorenzi.

Logica avrebbe voluto che Quinzi si iscrivesse anche quest’anno al torneo in terra marocchina, per difendere i 32 punti conquistati lo scorso anno (12 per aver vinto le qualificazioni più 20 per aver raggiunto il secondo turno), che considerato il suo livello di classifica, sono un’enormità. Purtroppo, però, pur essendo presente nella entry list come alternate, la sua classifica non gli ha permesso di entrare nel tabellone di qualificazione, e dunque, -32 punti in classifica, che da Lunedi prossimo lo faranno ulteriormente piombare 50 posizioni più in basso, attorno al n. 330 (Quinzi è attualmente n. 284): un vero peccato. Tuttavia, diversi interrogativi sorgono sulla programmazione dei tornei da parte del 22enne classe ’96 e del suo staff.

Innanzitutto l’alone di mistero attorno all’attività agonistica del marchigiano. Oltre al già citato ATP 250 di Marrakech, questa settimana ci sarebbe stato anche il torneo Challenger di Barletta, dove forse avrebbe potuto anche ottenere una wild card. Ma non ci è dato sapere perchè Quinzi non era in entry list nel torneo in Puglia, che sarebbe stato una valida alternativa a Marrakech; non c’è alcuna comunicazione ufficiale riguardo ai motivi di queste scelte, e i profili social del giocatore non sono aggiornati da tempo. Non ci è dato sapere nemmeno quando e dove lo rivedremo in campo. La sua ultima apparizione è datata inizio Aprile, con la sconfitta al primo turno del Challenger di Alicante ad opera dello spagnolo Samper-Montana. Attualmente, Quinzi è nella entry list di ben 3 tornei Challenger della prossima settimana: Sarasota, Tunisi e Nanchang. In tutti e tre questi eventi Challenger Gianluigi è nella lista alternate, ma è il torneo di Nanchang quello dove è piazzato meglio, quarto fra gli alternate, che vorrebbe dire fare le qualificazioni come testa di serie. Ma come mai così tanto mistero?

Gianluigi Quinzi impegnato nel Challenger di Bergamo quest'anno
Gianluigi Quinzi impegnato nel Challenger di Bergamo quest’anno

L’altro interrogativo che è lecito porsi è sulla scelta dei tornei da giocare. Fino a questo momento, dall’inizio della stagione, Quinzi ha partecipato solo a tornei Challenger e Futures. I risultati tutto sommato non sono stati malaccio ma nemmeno eccelsi: 2 titoli e un quarto di finale negli eventi Futures, mentre nei Challenger è andata peggio, con migliore risultato gli ottavi di finale a Bergamo. Tuttavia viene da chiedersi se non sia il caso che il ragazzo provi a giocare con più frequenza le qualificazioni dei tornei ATP 250, dando a esse la priorità sui tornei di livello inferiore. Probabilmente arriverebbero più sconfitte, ma anche poche vittorie vorrebbero dire punti preziosi, che invece in un Challenger o in un Futures si ottengono andando avanti nel tabellone, e tanta esperienza da mettere in saccoccia. Inoltre, si rischia di rimanere imbrigliati in quel loop, e di ritardare troppo il momento di provare il salto di qualità. Specialmente quello dei Challenger è un mondo assai insidioso, con la presenza di veterani e vecchi volponi, nonchè giocatori ex top 50 che non hanno più molto da dire in classifica ATP e quindi giocano questi tornei per racimolare ancora qualche soldino. Ogni tanto bisogna rischiare, e a mio avviso l’ATP di Marrakech avrebbe potuto essere giocato, sia per i punti che Quinzi vi difendeva col risultato dello scorso anno, sia anche perchè, onestamente parlando, si si tratta di un torneo dal livello non eccelso. Si guardi Arnaboldi, che è riuscito questa settimana a vincere le qualificazioni e raggiungere il secondo turno, così come Quinzi ci era riuscito un anno fa.

Infine, la frequenza di gioco. Già lo scorso anno più di qualcuno aveva notato che Quinzi giocava “i tornei col contagocce”, molti meno rispetto ai suoi coetanei. E in generale Quinzi gioca tornei con meno continuità degli altri, ma perchè?

Forse fa tutto parte di un progetto a molto più ampio raggio e molto più a lungo termine, di cui semplicemente nessuno è a conoscenza, a parte Quinzi, la sua famiglia e il suo staff. In fin dei conti, intervistato dopo la sua ottima prestazione alle Next Gen ATP Finals di Milano, Gianluigi stesso aveva affermato che “in un paio d’anni avrebbe potuto raggiungere i livelli dei suoi più titolati coetanei”, gente che il marchigiano batteva a livello juniores. E noi ci auguriamo fortemente, per Gianluigi Quinzi e per il tennis italiano, che possa essere così; non è ancora troppo tardi.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Angelo Mitarotondo - 3 mesi fa

    Un bidone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Felix Fox - 3 mesi fa

    Il solito ragazzini montato e gasato un bidoncino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mario Roger Dessalvi - 3 mesi fa

    Giuseppe Bonaiuti di che culi parli? Forse vivi in un altro pianeta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giuseppe Bonaiuti - 3 mesi fa

    Tennis Circus non capite niente gianlu sta bene si sta allenando e con la calma dovuta ( dritto da ripulire dopo tanti tornei ) tornerà a spaccare i culi a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca Dal Fitto - 3 mesi fa

      A tutti chi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mario Marchetti - 3 mesi fa

      tornerà?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giuseppe Fabrizio - 3 mesi fa

      Gioca da solo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Denis Cauzzo - 3 mesi fa

    Premesso che sono d’accordo sul fatto che la programmazione di Quinzi sia alquanto misteriosa,chi ha scritto l’articolo è cmq poco informato.Quinzi era iscritto alle qualificazioni a Marrakech (a differenza di quello che riporta l’articolo)ma a differenza dell’anno scorso non è entrato,quindi non le poteva giocare cmq….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gabriele Congedo - 3 mesi fa

      Ciao Denis,
      Grazie mille per la tua segnalazione. Hai ragione, Quinzi era in entry list per Marrakech e non è entrato nelle quali perchè troppo in basso fra gli alternates. Perdona la mia svista, ho provveduto a correggere il pezzo. E’ anche grazie alle segnalazioni di voi attenti lettori che possiamo andare avanti :) Gabriele

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Silvia Morandi - 3 mesi fa

    Tutto vero… Io però ci spero sempre nel salto definitivo forse mi sbaglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Meluccio D'anzuso - 3 mesi fa

    La differenza tra lui e Berrettini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Raffaele Di Sarno - 3 mesi fa

    Tanto comunque non ne vince una

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Ludovico Lambiase - 3 mesi fa

    Claudio Salvini bah

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy