Serve and Volley – Ti te dominet … Nadal

Serve and Volley – Ti te dominet … Nadal

Bentornati alla quarta puntata di Serve and Volley la rubrica di approfondimento dove due giornalisti di Tennis Circus affrontano i temi principali del Tennis Maschile e Femminile. I convocati di oggi sono Roberto Arduini e Piera Camerlingo. Buona lettura!

Ernesto Pellegrini

Ciao Roberto e Piera! Cominciamo l’intervista! Prima domanda: Novak Djokovic ha superato agevolmente i primi due turni. Il suo RG va avanti con molti alti e pochi bassi. Cominciamo a rivedere il vero Nole oppure ritenete che queste vittorie siano frutto di semplice superiorità tecnica?

Djoker sta tornando
Djoker sta tornando

Roberto Arduini

È presto per dirlo, ma Nole pian piano sta tornando. Aspettiamo i veri match, ma ricordiamoci che fino a 1 mese fa, questi match li perdeva e soffriva, non riuscendo mai a vincere e convincere. Nonostante i due giocatori affrontati sono giocatori “normali”, buoni sulla terra, dobbiamo ricordare che sia Granollers e sia Sousa vengono da un inizio stagione di crisi nera, con Granollers che fino a 1 mese fa veniva da 14 sconfitte e 2 vittorie, mentre Sousa peggio ancora, con alcune eliminazioni clamorose come ad Estoril a casa sua contro il modesto Fratangelo. Dunque è presto, aspettiamo.. però intanto i primi segnali positivi ci sono stati.

Piera Camerlingo

A tratti si, abbiamo rivisto il vero Nole, ma vi è bisogno di test molto più probanti per rispondere a questa domanda. Credo di poter affermare che il problema di Djoker sia tutto inquadrabile sul piano motivazionale. Un anno come il 2016 è davvero difficile da smaltire. Ora però, il serbo ha ritrovato la piena forma fisica, resta da vedere quanta energia mentale abbia da spendere per poter arrivare fino in fondo al Torneo.

Ernesto

Secondo voi di cosa ha bisogno Djokovic per tornare il dominatore del passato? E su cosa quindi deve intervenire Agassi?

Piera

Sarà abbastanza complicato per Nole tornare ad essere il dominatore assoluto del Tour, se il nostro pensiero va al biennio 2014-2015. Penso che rivedremo un Nole dominatore in eventi importanti, ma non con quella feroce, paurosa, continuità. Per quanto attiene alla presenza di Agassi, certamente potrà dare a Djokovic un approccio fresco su molti aspetti del suo gioco. Ma anche qui, io credo che a quei livelli vi sia poco da aggiungere se non il dare nuova linfa mentale e qualche accorgimento che viene dalle esperienze, dalle sensazioni che un campione del suo calibro ha nel suo immenso bagaglio. Il feeling tra i due sembra esserci e questo lascia ben sperare.

Roberto

La testa. È tutta questione di testa. Agassi deve dare a Nole di nuovo la fame di vittorie e convinzione nei suoi mezzi, fiducia. E Agassi lo può fare questo, anche vedendo nel suo passato ciò che fece, ritrovando la fiducia. Nello stile di gioco e nei colpi nulla da dire. Nole deve ritornare ad avere fame e basta.

Ernesto

… percorso netto finora anche per Nadal…

Piera

Si, percorso netto come da attese. Rafa è il favorito per questo Slam e ci arriva nel suo miglior momento. Ha programmato la stagione intorno a questo evento ed ha energie enormi da spendere. Si sa però che nel tennis tutto è possibile, dirlo è banale ma ricordarlo fa sempre bene. Nadal sa che non potrà mollare un centimetro in campo, pena lo svanir del sogno più grande , quello della ” Decima”.

Roberto

Percorso netto, bravo e incisivo. Se questo è il Nadal di Madrid-Montecarlo e Barcellona, per gli avversari è dura. Sembra che il match contro Thiem di Roma sia oramai alle spalle. Il match contro Paire non era assolutamente facile, ma è stato bravo e preciso dal primo 15 fino a fine match. Se non vince la decima in questa stagione, sarà dura farla nella prossima o in futuro. Ora i suoi avversari sono tutti alle prese con problemi da risolvere.

Ernesto

A proposito di problemi, quanti ne deve risolvere Murray?

Il N°1 del Ranking ATP è ancora Murray
Il N°1 del Ranking ATP è ancora Murray

Piera

Una mole immensa! Il buon Andy ha espresso un gioco pazzesco lo scorso anno, Finale a Parigi e poi il titolo a Wimbledon. Da lì in avanti, con Nole visibilmente in calo, lo scozzese ha compiuto uno triplo salto mortale nella programmazione e ha speso tutto, diciamolo chiaramente. Aggressivo e propositivo come non mai, ora paga dazio. Problemi da risolvere? Tanti, nel fisico e nella testa. Li risolverà , anche se forse non in tempi brevissimi.

Roberto

Murray ne deve risolvere tanti di problemi. In netto calo fisico evidente. Purtroppo la super stagione fatta lo scorso anno sta lasciando ferite su ferite. Fatica con chiunque giochi, non ha un gioco e la sua difesa non é quella dei giorni migliori, ma per Wimbledon lo rivedremo al top, ne sono sicurissimo.

Ernesto

Nonostante l’ottimo lavoro di Edberg, Federer ha cambiato coach per tornare a vincere. Nole sembra aver ritrovato stimoli con Agassi. Potrebbe un cambio di coach aiutare anche Murray?

"Il miglior allenatore che ho avuto"
“Il miglior allenatore che ho avuto”

Roberto

No non credo. Serve semplicemente che il suo fisioterapista rifaccia miracoli come lo scorso anno. Nel caso di Federer e Nole ci stava, perché in quei casi parliamo di giocatori che hanno avuto cicli e strisce di vittorie. Murray con un anno pazzesco che ha fatto, non credo abbia la pancia piena, semplicemente fisicamente non è al top.

Piera

Sono d’accordo con Roberto. Non è assolutamente una questione di coach ma di mancato riposo. I guai di Murray sono tutti lì.

Ernesto

Vi chiedo un parere su Hyeon Chung che oggi ha strapazzato Istomin e ha dato comunque del filo da torcere a Nishikori.

La sorpresa Chung (foto Roberto Dell'Olivo)
La sorpresa Chung (foto Roberto Dell’Olivo)

Piera

Giovane interessante, ma direi una spanna sotto alcuni suoi coetanei. Sinceramente non mi fa impazzire. Mezzi fisici e mentali non gli mancano; solido sicuramente , ma il suo tennis mi sembra ancora un pò limitato rispetto a quello di giovanotti più affermati. Per me futuro ottimo, comprimario di Top Players destinati a segnare il periodo immediatamente successivo al ritiro dei fenomeni attuali.

Roberto

Chung è un giocatore che sta facendo bene, benissimo, ma non è “trattato” (discusso) dai media come per i vari Zverev, Thiem. Il giocatore non si discute, è terribilmente solido e costante con belle accelerazioni. Cosa gli manca? Quel pizzico di talento per renderlo al pari dei soliti, ed il carattere, che anche dalle interviste, parla poco e con solite frasi fatte. Per quel pizzico di talento in più ci vorranno stagioni e verrà da se? O non lo avrà mai e rimarrà un buon top 20 (10?) per tutta la sua carriera? Lo scopriremo solo vivendo.

Ernesto

Per chiudere la parentesi uomini vi chiedo una riflessione su uno dei momenti-simbolo di questa prima settimana.

L'infortuato Almagro consolato da DelPo
L’infortuato Almagro consolato da DelPo

Roberto

Almagro è un giocatore sfortunatissimo, che meritava di più dalla sua carriera. Del Potro, idolo e beniamino del popolo (mi metto in primis) sa cosa significa soffrire e avere qualche infortunio. Il gesto fatto da lui deve cominciare ad essere un gesto “normale”, non una novità, tutti devono cominciare a fare gesti del genere. Veniamo da una settimana dove i brutti gesti ne abbiamo visti molti, da Hamou a Lokoli- Klizan. Questo è tennis invece, questo è sport e rispetto per l’avversario.

Piera

Momento agrodolce ma, soprattutto, momento di sport, quello vero! Delpo immenso come sempre a confortare Almagro per una situazione che lui, purtroppo, conosce bene. Immagine da far vedere e rivedere ai ragazzini che, troppo spesso, sono istruiti a ben altri comportamenti che con lo sport non hanno nulla a che fare.

Ernesto

Abbiamo spesso evidenziato nelle puntate precedenti la mancanza di costanza di risultati fra le donne in questo inizio di stagione. Tra le tenniste attualmente impegnate al RG quella che sembrerebbe avere le potenzialità per invertire questa tendenza è la Svitolina. Siete d’accordo?

La rivelazione della terra rossa
La rivelazione della terra rossa

Roberto

La Svitolina sinceramente a me non piace e convince. In questo momento sta solamente approfittando del basso livello che vi è nel tennis femminile. Se devo scegliere una donna, dico Simona Halep. In questo momento è nettamente la migliore nel circuito, per costanza, gioco e rendimento. Fino a quando non torneranno le big, a regnare sarà lei.

Piera

Penso anch’io che la Svitolina non abbia le potenzialità per invertire una tendenza che è originata dalla mancanza di forti personalità nel circuito Wta. Per forti personalità intendo giocatrici carismatiche e dominanti in continuità. Sinceramente attendo con impazienza il rientro di Vika e vedremo anche Sharapova ritornare ai suoi livelli. Per quanto riguarda il Roland Garros non vedo una vera favorita, nemmeno la Halep .Il lotto delle favorite comprende almeno 5/6 giocatrici, a mio modesto avviso.

Ernesto

Nelle ultime settimane un nome forte sottolineato da più parti è quello di Kiki Mladenovic. Quante possibilità di vincere in casa?

Regina in patria?
Regina in patria?

Roberto

Avendo sconfitto la Muguruza le do il 40% di possibilità (60% Halep), contro la spagnola è stata dura, dato che Garbine mi è sembrata una ritrovata sotto l’aspetto mentale e del gioco.

Piera

Francamente non vedo la Mladenovic pronta a vincere uno Slam. Ottima la sua stagione finora, ma la pressione ed il livello sono ben diversi dai Premier. Tuttavia , la inserisco nel lotto delle favorite, anche se con poche chance.

Ernesto

Qualcuno ha evidenziato il fatto che Kiki accusi problemi fisici quando entra in difficoltà…

Piera

Maliziosamente? Di certo Kiki non appartiene alla schiera delle “tranquille in campo”, tutt’altro. Comunque sia, a quei livelli tutte sanno come “difendersi” da strategie come questa, se di strategia si tratta.

Roberto

Ricordiamoci che il tennis è uno sport pulito, forse uno dei più puliti al momento. Dunque non vorrei credere a qualcosa del genere, anche se la Bertens come carattere non è una tipa tranquilla, ma fin quando non abbiamo prove, non possiamo dirlo.

Ernesto

Nonostante l’uscita contro la Mladenovic, convincente settimana per la Muguruza…

La vincitrice dell'edizione 2016 del Roland Garros
La vincitrice dell’edizione 2016 del Roland Garros

Piera

Era la defending Champion e, dopo i disastri recenti, era doveroso per lei affacciarsi alla seconda settimana come minimo. Partiva favorita con la Mladenovic e il match che ha detto tutto sulle sue chance di arrivare in fondo. Si sta comunque ritrovando, contro Kiki doveva stare attenta a non specchiarsi troppo in un gioco assai simile al suo.

Roberto

Finalmente per la spagnola! La aspettavo da mesi e non mi son sorpreso sinceramente del suo ritorno ad alti livelli. Sappiamo che lei ha problemi sui campi veloci, dove deve migliorare tantissimo, ma qui, sulla terra rossa, può spingere e attaccare come solo lei sa fare, demolendo le avversarie. Dopo la Halep la vedevo come favorita.

Ernesto

Ultima domanda: chi arriverà in finale? Uomini e donne… il vostro pronostico!

Roberto

Halep- Wozniacki (… già … Mladenovic fuori)
Uomini: Wawrinka- Nadal, con Cilic pronto a inserirsi come possibile sorpresa.

Piera

Anche per me Halep-Wozniacki tra le donne. Per gli uomini dico Murray-Nadal con Wawrinka possibile (relativa) sorpresa.

Ernesto

Grazie Ragazzi!!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy