James Blake, la vita dopo il ritiro

di Simone Marasi, @Simone_Marasi

James Blake ha passato ben 14 anni all’interno del circuito e ha avuto modo di confrontarsi contro campioni del calibro di Agassi, Federer e Nadal. Nonostante il ritiro avvenuto quasi due anni fa, l’americano di New York è piuttosto impegnato tra famiglia e sport. In un’intervista esclusiva a Tennisnow.com l’americano si racconta, parlando della sua vita e dei suoi progetti futuri, oltre che del tour tennistico che lo vedrà impegnato per gli USA fino a maggio, in compagnia di altre leggende del passato.

Tu non sei impegnato con il tennis, ma da quello ho sentito ora sei più impegnato che mai. Qual è stata la tua esperienza lontano dal gioco, che cosa fai e cosa ti piace di più nella tua nuova vita?

Le cose sono andate alla grande. Sono decisamente più impegnato di prima. Mi mantengo occupato ancora in campo, e fuori la vita familiare mi ha tenuto molto impegnato (James ha due figlie). E’ stato un piacere essere fuori dal campo e non avere un calendario prestabilito. Ogni giorno è un nuovo giorno con i bambini, quindi è divertente.

Sta per iniziare per il secondo anno il campionato PowerShares. Chi ti ha impressionato di più in campo nella prima edizione, e chi ti ha impressionato di più come intrattenitore?

Direi Andy (Roddick, ndr) continua ad essere il favorito in termini di tennis giocato. E’ ancora un ragazzo giovane e può ancora servire a circa 140 mph. Direi che John McEnroe è incredibilmente impressionante per la sua età (McEnroe ha compiuto 56 anni il 16 febbraio). Per giocare ancora ed essere competitivo a 55 anni è semplicemente incredibile. Per quanto riguarda l’intrattenimento abbiamo sempre McEnroe che offre un grande spettacolo per il pubblico.

blake3

Sono rimasto impressionato, ho giocato un’esibizione con Michael Chang recentemente. Era un ragazzo che teneva più a se stesso durante il tour ufficiale, ma è definitivamente uscito dal suo guscio e ora si sta divertendo in campo tra i senior.

Sei impressionato dall’amore che i fan nutrono ancora per questi giocatori?

Funziona davvero bene con un evento di una serata. E’ perfetto. I fan assistono a tre set di alta qualità tennistica. È perfetto anche per i giocatori. Possiamo ancora dare vita a un grande spettacolo. Potremmo non essere in grado di giocare il nostro miglior tennis in un tre su cinque, ma per uno o due set a notte, possiamo ancora mettere su un buono spettacolo. I tifosi hanno un grande voglia di vedere ancora alcuni dei loro idoli e un po’ di grande tennis.

Ti ho sentito dire che il tennis americano non dovrebbe concentrare le proprie energie sulla creazione di un tennis di tipo terraiolo solo perché i giocatori europei che sono stati formati sulla terra stanno avendo successo nel tour ora. Hai detto – e correggimi se sbaglio – che gli Stati Uniti dovrebbero insistere su ciò che già hanno e preferire le superfici più veloci. Se il maggior allenamento sulla terra non è una soluzione, hai qualche idea di come procedere? 

Se loro si sentono come se fossero giocatori terraioli penso che dovremmo dare loro l’opportunità di allenarsi sulla terra e mettere quelle risorse a disposizione, ma non credo che sia qualcosa per cui dovremmo spingere attivamente perché la storia dimostra che diamo il meglio sulle superfici veloci. Abbiamo avuto un sacco di campioni agli US Open rispetto a campioni del Roland Garros. Abbiamo tre dei quattro Slam su quelle superfici. Penso che ci atteniamo a quello che funziona meglio per noi, e questo è stato generalmente una nostra caratteristica, perché ci siamo allenati in quel modo da molto giovani.

Penso che se cominciamo a forzare ciò che non è naturale su di loro, non necessariamente andaremo a creare i migliori giocatori sul rosso del mondo. Se i giocatori vogliono praticare di più sulla terra e vogliono competere con tutti gli spagnoli, gli argentini e tutti i ragazzi che hanno giocato sulla terra battuta tutta la loro vita, abbiamo solo bisogno di avere le risorse per farlo. Ma non credo che si debba spingere sui ragazzi affinché giochino come Pete Sampras o Roger Federer.

blake1

Il tuo nome è stato tirato in ballo come possibile capo dello “sviluppo giocatori” con la USTA. C’è qualcosa di interessante sul tuo nome e lo sviluppo le parole giocatore nella stessa frase per te?

Sì, è molto interessante, perché per me è un lavoro che potrebbe farmi alzare dal letto entusiasta ogni mattina, qualcosa dove si spera di poter fare la differenza e operare un cambiamento positivo su quello che riguarda la USTA e il reparto di sviluppo dei giocatori. Onestamente penso che siano già sulla strada giusta. Potrei cercare di aiutare e spingere in avanti, facendo in modo che un sacco di cose vadano nel modo giusto e poi lasciare che i giocatori facciano il resto del lavoro. Lasciare che i giocatori facciano il vero lavoro duro permette di dare loro delle opportunità. Penso che sia la cosa più importante che quest’organismo sia in grado di fare.

Mi piacerebbe sentire la tua su Indian Wells e il ritorno di Serena. Personalmente ho sperato di voler vedere questo per tanto tempo, giusto per vedere entrambe le parti rincontrarsi e per dimostrare che siamo tutti dalla stessa parte, tutti insieme nel tennis come nella vita. Sei eccitato, ed è significativo per te?

Sì, sono felice che sia tornata principalmente per il tennis, e per lei, spero che significhi che lei sia tornata in un buon rapporto con i tifosi di Indian Wells perché è, a mio parere, la più grande campionessa che abbiamo mai avuto in campo femminile. Credo che entro la fine della sua carriera possa superare il record di Slam vinti, e penso che sia bello avere una presenza del genere in California.

Di Simone Marasi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy