Australian Open, ottavi: Tsitsipas compie l’impresa! Elimina Federer e vola ai quarti

Australian Open, ottavi: Tsitsipas compie l’impresa! Elimina Federer e vola ai quarti

Il greco, bravissimo a sfruttare le difficoltà dello svizzero con il dritto, ha espresso un tennis di grande solidità e maturità e ha raggiunto per la prima volta in carriera i quarti di finale di uno Slam. Federer, campione delle ultime due edizioni di Melbourne, pur avendo giocato una partita assolutamente non sufficiente, saluta il torneo tra grandi rimpianti, come evidenziano le dodici palle break sprecate nel corso della partita.

di Michele Alinovi

Prima o poi doveva accadere. Doveva succedere che qualche giovane rampante spodestasse un Dio dal trono olimpico, anzi il Dio di tutti gli Dèi. Dopo due edizioni consecutive agli Australian Open vinte da Roger Federer (e 17 vittorie consecutive), il 20enne greco Stefanos Tsitsipas, n. 15 del mondo, infligge un’amara sconfitta allo svizzero, con il punteggio di 6-7 (11), 7-6 (7) 7-5 7-6 (5) in 3 ore e 50 minuti. Primi quarti Slam in carriera per il nativo di Atene, che insieme a Tiafoe e Zverev è uno dei superstiti di questa NextGen destinata a sostituire, presto o tardi, i mostri sacri che credevamo eterni. Una prova mentale e tennistica eccezionale per il greco, che ha approfittato di un Federer traballante e poco efficace, soprattutto nel dritto, riuscendo ad annullare tutte le 12 palle break concesse al campione di Basilea. Dopo aver perso un lunghissimo primo set, che avrebbe spezzato le gambe a molti contro il n. 3 del mondo è stato in grado di rialzarsi e approfittare della miglior condizione atletica e fisica, demolendo pian piano un Federer lontano dalla sua forma migliore. Con 20 ace, 62 vincenti (uno in più di Roger) e 36 gratuiti (19 in meno dello svizzero) ha meritato una vittoria che, negli anni a venire, potrebbe essere ricordata come simbolo di una nuova era di giovani promesse affamate di vittorie. Per Stefanos l’avventura potrebbe non essere finita qui: ai quarti, infatti, sfiderà l’iberico Roberto Bautista Agut, 30 anni e n. 24 del mondo (ancora imbattuto in questo 2019), esecutore del finalista del 2018 Marin Cilic, ma avversario di certo fattibile, considerato il tennis espresso nell’incredibile incontro odierno.

 

IL MATCH – Già i primi 15 del primo set, di livello altissimo, fanno capire che sarà una lotta: Federer parte sciolto e aggressivo, mentre Tsitsipas, visibilmente teso, riceve due ammonizioni per time violation alla battuta fra un punto e l’altro, la seconda delle quali gli nega la prima battuta. Il greco poi si scioglie e regge benissimo lo scambio con Federer, senza che nessuno dei due riesca a imporsi: arriva dunque il tie-break, dove entrambi alternano bei vincenti a errori di troppo. Sul 12 a 11 per Roger, lo svizzero chiude un lungo scambio e chiude il parziale. Nel secondo set Federer ha più occasioni per ottenere il break e quindi ipotecare l’incontro: in tre game sono addirittura 8 le chance, annullate tutte dal greco con mirabile freddezza. Al tie-break stavolta ha la meglio Tsitsipas, che dopo essere volato 3 a 0 chiude infine 9-7. Il terzo parziale vede un calo di rendimento di Roger, molto in difficoltà sul lato del dritto. Federer si procura comunque altre due palle break nel settimo game, anche se le spreca ancora; nel gioco successivo è il greco a non sfruttare due palle per strappare la battuta. Sul 5 pari Tsitsipas tiene il servizio a 0 e poi, complici due errori di Roger, strappa il servizio e ottiene il set, portandosi in vantaggio. Nel quarto parziale il greco, più lucido e tranquillo, è molto bravo a sfruttare la debolezza del dritto di Federer che, dal canto suo, punta sul servizio per mantenersi a galla. Ci riesce, a fatica, fino al tie-break, dove il NextGen è però bravo a pazientare ed aspettare l’occasione giusta: sul 5 pari un altro dritto sbagliato concede al giovane avversario il primo match-point, che sfrutta subito, regalandosi la vittoria più bella della sua ancor breve carriera.

Australian Open, 20 gennaio – Cronache prima parte

Australian Open (Melbourne, cemento, $59.687.000) – Tabellone maschile – Ottavi di finale:

[6] M. Cilic vs [22] R. Bautista Agut 6-7(8) 6-3 6-2 4-6 6-4

[14] S. Tsitsipas b. [3] R. Federer 6-7(11) 7-6(3) 7-5 7-6(5)

F. Tiafoe b. [20] G. Dimitrov 7-5 7-6(6) 6-7(1) 7-5

[2] R. Nadal b. T. Berdych 6-0 6-1 7-6(4)

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cristina Isidori - 6 mesi fa

    Sì è battuto da solo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele Piovesan - 6 mesi fa

    Il Federer di adesso vale la 30° posizione. Ma é normale anzi a 38 anni é giá tanto. Spero si ritiri prima di fare brutte figure contro ragazzini, che non meriterebbe!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Ferrara - 6 mesi fa

    Gli è rimasto solo il servizio che lo tiene ancora un po’ a galla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniela Bertuola - 6 mesi fa

    Ma questa partita lha regalata Roger ha giocato senza diritto il suo colpo migliore !!ha avuto un sacco di occasioni non fruttate !!non si sa cosa sia successo per perdere il diritto così !!comunque non importa sempre grande Roger

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marco Genovese - 6 mesi fa

    Roger, Roger, ROGEEEEEEEEEEEEER

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Andrea Varriano - 6 mesi fa

    Credo sia stata la peggior performance col.dritto da parte di Roger degli ultimi 10 anni, ciò detto spero che Tsitsipas vinca degli slam perché ha un tennis brillante

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mica tanto impresa eh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Branka Gencic - 6 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giancarlo Versolato - 6 mesi fa

    Ha numeri e personalità per diventare n.1

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mark Falzon - 6 mesi fa

    Con merito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Genovese - 6 mesi fa

      Mark purtroppo hai assolutamente ragione, alla fine del primo set ho avuto un terribile presentimento……

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy