Atp Pechino: ok Isner e Tsitsipas, Zverev annienta Auger-Aliassime

Atp Pechino: ok Isner e Tsitsipas, Zverev annienta Auger-Aliassime

Vince ancora in rimonta Tsitsipas. che si libera in tre set del campione in carica del torneo, Nikoloz Basilashvili ed accede ai quarti. Avanti anche i bombardieri americani Isner e Querrey. Vittoria netta, invece, di Sascha Zverev ai danni di Auger-Aliassime, capace di conquistare appena quattro giochi.

di Antonio Sepe

Si sono disputati quest’oggi a Pechino i quattro match di secondo turno che hanno delineato il quadro dei quarti di finale ed hanno lasciato in gara appena otto giocatori. Non scendevano in campo tennisti italiani visto che Fognini aveva già staccato il pass per i quarti nella giornata di ieri, battendo in due set il russo Rublev, mentre Berrettini e Cecchinato avevano dovuto salutare l’evento cinese già al primo turno. Ad aprire le danze del singolare maschile nella giornata odierna ci ha pensato John Isner, che ha superato in due set un solido Evans. Primo set vinto al tie-break dall’americano, che pur non avendo avuto a disposizione neppure una palla break, è riuscito ad imporsi al jeu decisif per 7 punti a 3. Qualche rimpianto invece per Evans, che non ha sfruttato nessuna delle due chances di break avute sul 4 pari. Nel secondo parziale, invece, Isner ha ottenuto il break decisivo appena prima del tie-break, chiudendo 7-5 ed aggiudicandosi il match in poco meno di due ore di gioco. Ben 21 aces e l’84% di punti vinti con la prima di servizio per il gigante statunitense, che vola ai quarti.

Sempre in rimonta avanza Stefanos Tsitsipas, che dopo aver sconfitto all’esordio Lajovic, perde un set ma prevale anche sul campione in carica di questo torneo, il georgiano Basilashvili. Dopo aver ceduto il primo parziale per un break subito in apertura, il greco ha dominato le due restanti frazioni di gioco, vincendola con i rispettivi punteggi di 6-3 e 6-2, mandando al tappeto il suo avversario, proseguendo il suo cammino in questo torneo nonchè avvicinando sempre di più le Finals. Sulla sua strada ora l’ostico Isner, contro il quale ha perso in entrambi i confronti in carriera.

Stefanos Tsitsipas

Approda ai quarti anche Sam Querrey, che un po’ a sorpresa sconfigge l’argentino Schwartzman in un match piuttosto rocambolesco. Nel primo set, infatti, il sudamericano si è trovato avanti 3-0 con doppio break, prima di gettare alle ortiche non solo il vantaggio ma anche diverse palle break che avrebbero potuto rincarare la dose. Al tie-break, poi, ad imporsi è stato Querrey per 7-2. Nel secondo parziale, invece, è stato il gigante statunitense a fallire incredibilmente un’occasione. Dopo aver difeso senza alcun problema il break ottenuto in avvio, Querrey è crollato nel momento di servire per il match, rimettendo in partita il suo avversario ed arrendendosi al tie-break per 8 punti a 6. Infine, nella frazione decisiva la differenza l’ha fatta il cinismo di Sam, che ha sfruttato l’unica palla break in suo favore al contrario di Schwartzman, che ha mancato entrambe le opportunità. Il set si conclude dunque con lo score di 6-3 e con l’americano che festeggia il passaggio del turno.

Era il match che più di tutti prometteva scintille non a caso gli organizzatori lo avevano riservato alla sessione serale del programma odierno. Al contrario, però, Zverev e Auger-Aliassime non hanno dato vita ad un gran match in quanto il tedesco si è imposto rapidamente in un’ora di gioco, lasciando le briciole al suo avversario e volando ai quarti. Incontro a senso unico dominato da un ritrovato Sascha Zverev, che dopo un inizio a rilento ha premuto sull’acceleratore in maniera prepotente ed ha seminato il canadese, inanellando un surreale parziale di 11 games a 2 che ha sancito il 6-3 6-1 finale di questa sfida. Da tenere d’occhio più che mai il tennista teutonico, super motivato nel tentativo di qualificarsi per le Finals e, quantomeno, tentare di difendere i tanti punti dell’anno scorso, ma anche poichè può vantare un repertorio molto ampio che lo rende uno dei giocatori potenzialmente più ostici e pericolosi da affrontare. Ovviamente le giornate no possono capitare, e in questa stagione soprattutto Zverev non è nuovo a ciò, ma non si arriva al numero tre del mondo per caso, vincendo vari Masters 1000 e le Atp Finals. Attenzione quindi a Sascha.

ATP 500 Pechino – Secondo turno

J. Isner b. (Q) D. Evans 76(3) 75

(3) S. Tsitsipas b. N. Basilashvili 46 63 62

S. Querrey b. D. Schwartzman 76(2) 67(6) 63

(2) A. Zverev b. F. Auger-Aliassime 63 61

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy