Edberg su Federer: “Roger è ancora motivato dalla passione. Darà il massimo per tornare al top nel 2021”

L’ex tennista svedese parla della sua collaborazione professionale con Roger Federer avvenuta nel corso delle stagioni 2014-2015, rivelando anche il suo pensiero sul ritorno in campo dello svizzero che probabilmente avverrà a gennaio 2021.

di Diletta Tanzini

A pochi giorni dall’inizio delle ATP Finals di Londra, ultimo grande torneo di questa bizzarra stagione, è Stefan Edberg a parlare del recordman delle Finals, in quanto unico detentore di 6 titoli, e grande assente di quest’anno: Roger Federer. Com’è ormai risaputo, lo svizzero ha saltato quasi completamente la stagione 2020 a causa della doppia operazione subita al ginocchio: proprio sulla sua ripresa e sulla collaborazione tra i due, ha rivelato dettagli in più Stefan Edberg. L’ex tennista svedese, che ha lavorato con Federer nelle stagioni 2014 e 2015 con ottimi risultati, ha dichiarato a proposito della loro collaborazione professionale: “Il 2013 era stato per Roger un anno molto difficile per i problemi alla schiena, aveva perso un po’ la retta via, aveva magari bisogno di un po’ di ispirazione. Probabilmente stava pensando a come sviluppare il suo gioco. Nello stesso momento aveva anche cambiato racchetta, cosa che penso sia stata molto importante. In quella situazione, poi, nel 2014, sono entrato in gioco io. Avevo ovviamente riflettuto su come far diventare Roger un giocatore migliore, ma credo che lui avesse già in testa ciò che andava fatto. Ecco com’è iniziata la nostra collaborazione, procedendo così, giorno dopo giorno. Abbiamo parlato e abbiamo deciso insieme di apportare dei cambiamenti al suo gioco. Lui voleva diventare un giocatore più aggressivo, come lo sono stato io, perchè con l’età le cose da fondo campo si fanno più difficili. Aveva già un ottimo servizio e un’ottima volèe, ha lavorato per guadagnarsi una posizione più avanzata e aggressiva in campo. Per lui, però, si trattava più che altro di ricevere nuovi stimoli, nuove idee, avere nuova ispirazione. Inoltre, di nuovo, il cambio di racchetta è stato fondamentale, adattandosi in tal modo alle nuove tecnologie”.
L’ex tennista svedese ha poi aggiunto sulla personalità di Federer e a proposito del suo ritorno in campo nel 2021: “Roger è sempre desideroso si sapere e fare di più. Ha ancora una grande passione per questo sport e vuole continuamente migliorare. Anche oggi sono sicuro che stia lavorando sodo per tornare in forma e che stia dando il massimo per riuscire a raggiungere grandi traguardi nel 2021.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy