Nadal: “Non so fino a quando giocherò”

Rafa Nadal, dopo il ritiro per infortunio patito durante i quarti di finale dello Slam australiano, è rientrato a casa, a Palma di Maiorca. Interecettato dai media, è tornato sulla questione degli infortuni che stanno colpendo buona parte dei top-giocatori, e ha sottolineato che non sa ancora quando si ritirerà dal mondo del tennis.

di Aureliano Fiorini

Le prossime saranno due settimane di riposo per Rafa Nadal. Lo Slam australiano ha infatti riportato a galla vecchie ruggini dello scultoreo corpo dello spagnolo. Costretto al ritiro nel match dei quarti contro Marin Cilic, Nadal si è sottoposto ad ulteriori accertamenti per capire la causa del dolore all’anca, che si è rivelata essere una infiammazione dell’ileopsoas.

La miglior cosa da fare adesso è un po’ di sano riposo, e per questo Rafa è volato a Palma di Maiorca insieme al suo staff.

In questi giorni è in corso una riflessione sulla quantità di infortuni che stanno colpendo il mondo del tennis, sollevata anche dallo stesso spagnolo in conferenza stampa. Interrogato Mundo Deportivo, Nadal ha avuto modo di chiarire ulteriormente il suo pensiero: “quando ci sono più infortuni vuol dire che è cambiato qualcosa. È evidente che ci sono più infortuni, ma non voglio sfogarmi per la mia situazione, ho 31 anni e non sto chiedendo di nuovo cambiamenti di superficie, di calendario o delle palle. Voglio sottolineare che se c’è la possibilità di fare qualcosa nei prossimi anni, facendo cambiamenti che porteranno benefici per i giocatori di tennis del futuro, sarebbe molto positivo garantire loro un miglioramento dell’impatto del tennis sul loro fisico”.

“Non so esattamente fino a quando giocherò. Non posso ancora sapere se saranno tre, quattro o cinque anni, ma quando arriverà il momento lo saprò e non avrò alcun timore nel comunicarlo. Adesso però non ho alcuna intenzione di andare in pensione. Noi giocatori siamo super privilegiati per le strutture e per i vantaggi che ci offre praticare questo sport, che ci dà tanto entusiasmo fin da quando eravamo bambini”.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Felix Fox - 3 anni fa

    Caro rafa il tuo tennis è basato sul fisico e sulla forza non avendo tanta classe.per fare il tanto che hai fatto tu sei spremuto al massimo e ora a arriva il conto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca Donati - 3 anni fa

      Non tifo Rafa, ma chi dice che non ha classe (che è un giudizio soggettivo) e talento, deve davvero cambiare sport. Non si vincono 16 slam per caso!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Viviana Colnaghi - 3 anni fa

      giusto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pavel Ana - 3 anni fa

    Più tardi possibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giuseppe La Barbera - 3 anni fa

    Magari!!
    Prima ti ritiri meglio è

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cristina Piano - 3 anni fa

      Meglio per chi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mariolina Caboni - 3 anni fa

      Prima si ritiri lei

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Mirko Cappilati - 3 anni fa

      Sono un grande tifoso di FEDERER. Ma chi dice che NADAL non è forte e non ha talento e un antisportivo.fin che ce NADAL e FEDERER ce il tennis

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Viviana Colnaghi - 3 anni fa

      due talenti, chi dice male dell’uno o dell’altro non ha capito niente e sono antisportivi…lasciamoli perdere…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy