Preview finale Miami: l’occasione fa l’uomo ladro

Preview finale Miami: l’occasione fa l’uomo ladro

Federer non gioca un tie-break da più di un mese. Per vincere non dovrà ricominciare a farlo stasera.

di Jacopo Crivellari, @JacoCrivellari

Si conoscono, Roger e John. Entrambi fanno parte della “Old Gen”, che ancora una volta, manco a dirlo, si è imposta sui baldanzosi giovani le cui buone speranze sono rimaste tali. Federer e Isner si sono scontrati otto volte in contesti ufficiali, e in sei di queste ha prevalso il primo. Per trovare, però, un match davvero degno di chiamarsi tale (escludendo quindi la Laver Cup 2017, che sarà sì importante ma che sempre esibizione rimane) bisogna tornare a Bercy 2015; in quella partita John vinse grazie ai tie-break del primo e del terzo set.

Ecco, il tie-break, appunto. Due parole alla presenza delle quali i fan di Isner (su, palesatevi, voi tre) sorridono da orecchio a orecchio, soprattutto in questa settimana. L’americano ha giocato dieci set e ne ha vinti nove al gioco decisivo; i suoi avversari sono arrivati anche al sette, è vero, ma poi hanno sempre perso. Nessuno escluso. L’elvetico, invece, non ne ha giocato nessuno né in questa né nella scorsa settimana; per trovare l’ultimo spareggio bisogna tornare negli Emirati Arabi Uniti, per la precisione a Dubai, in cui il marito di Mirka ha vinto  quel primo set lasciando a sei Fucsovics. Era il ventotto febbraio, quarti di finale. Ciò significa che Roger non gioca un tie-break da un mese e tre giorni. Eppure le quote dicono che giocando un euro sulla sua vittoria si vincono 40 centesimi, e giocando la stessa cifra sul successo di Isner se ne vincono 3 e 50.

O c’è qualcosa che non quadra o i bookmakers pensano che Federer sia così bravo da non arrivare al gioco decisivo, dove evidentemente il watusso-americano sarebbe favorito. Partendo dal presupposto che i quotisti non regalano soldi, Roger è favorito. È andato in crescendo dalla partita con Albot, e negli ultimi match è riuscito anche ad alzare la percentuale di palle break realizzate (soprattutto nell’ottavo con Medvedev, in cui ne ha trasformate tre su tre), suo tallone d’Achille da quando gioca a tennis. Dall’altra parte, invece, l’impressione è che Isner avrebbe potuto perdere da Auger-Aliassime, se quest’ultimo non avesse avuto paura di arrivare in finale  per la prima volta in carriera. Federer stasera giocherà la cinquantesima finale in un Masters 1000 della sua vita. Qualcosa mi dice che quella paura lui non ce l’avrà.

Il rischio è che i due si mettano a servire come delle macchine e che tutto si decida in quei dieci minuti di partita vera chiamati tie-break, dopo quaranta di noia mortale. Non penso, però, che Roger sia d’accordo. Lo svizzero sa di dover capitalizzare ogni singola chance che gli capiti sul piatto corde, e sa anche che con John  fare un punto in un game di risposta potrebbe trasformarsi in un occasione. Che fa l’uomo ladro. E Federer campione di Miami per la quarta volta.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Edo Risto Federer - 4 mesi fa

    Isner 7-6 7-6

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Danilo Botta - 4 mesi fa

    In una finale di un mille, non c’è niente di sicuro… A mio modestissimo avviso…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Peppo Strano - 4 mesi fa

    ROGER VINCERA’ IN DUE SET, CON PROBABILMENTE UN TIE BREAK

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Michele Gosetto - 4 mesi fa

    Ben detto Paolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo Serafini - 4 mesi fa

    Ognuno gioca con i mezzi che ha… E definirlo anti tennis mi sa di dispregiativo quasi da puzza sotto il naso… E un lavoratore onesto del tennis… Non avrà il talento di sua immensità Federer… Ma è una persone gentile educata e corretta….. Grande John…… Ricordiamoci anche di giocatori di talento che fine hanno fatto lui e ancora qui a giocarsela con Roger… Chapeau

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonio Di Giovanni - 4 mesi fa

      non potevo leggere di meglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Irene Pigozzo - 4 mesi fa

      Sono d’accordo sulla persona, nulla da dire, ma il suo tennis proprio non mi piace nel modo piu’ asssoluto. Contro Aliassime l’avrei preso a racchettate anche se la partita se l’è mangiata l’inesperto Canadese

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Nicola Bonelli - 4 mesi fa

      Concordo sul fatto che Isner sia una persona con l’aria simpatica, gentile, educata con comportamenti mai sopra le righe …come tennis buon per lui di essere così alto e di avere un servizio redditizio, ma non è un tennis da esteti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Andrea Orizzonte - 4 mesi fa

      Dovrebbero fare un torneo solo per fuoriclasse…per chi ama il gesto l’eleganza la classe. Tutto il resto mi deprime

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mina Cucci - 4 mesi fa

    Sono sicura non ce né sarà bisogno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Antonio Di Giovanni - 4 mesi fa

    non avrà bisogno del tie…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonio Di Giovanni 7-5 6-4

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Antonio Di Giovanni - 4 mesi fa

      Dany Heisenberg Calcamucci io dico 6-4 6-4

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Irene Pigozzo - 4 mesi fa

      Chiude prima di arrivare al tie break, tranquilli!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Antonio Di Giovanni basta che vinciamo il 101

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Antonio Di Giovanni - 4 mesi fa

      Dany Heisenberg Calcamucci incrociamo le dita

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Emanuela Filippi - 4 mesi fa

    Per me isner è l’anti-tennis

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy