Rod Laver: “Kyrgios potrebbe essere il prossimo n° 1”

La legenda del tennis australiano ha elogiato Nick Kyrgios in un’intervista rilasciata a SMH, auspicando per lui un brillante futuro. Lever ha commentato anche il particolare momento che sta attraversando Bernard Tomic.

di Franco Campagna

Le buone prestazioni evidenziate da Nick Kyrgios dall’inizio di questa stagione hanno portato una leggenda come Rod Laver a spendere parole di elogio nei confronti del giovane talento australiano, tanto da riporre in lui una fiducia mai espressa fino ad ora. Il talentuoso Aussie ha vinto il titolo a Brisbane e ha disputato un buon Australian Open, dove ha perso all’ottavo di finale, in quella che forse è stata la miglior partita del torneo contro Dimitrov. Questo ha fatto si che Rod Laver notasse in lui un cambiamento che lo porterà e crescere nel circuito. Laver crede che Nicholas sia prossimo a “fare qualcosa di importante” nel tennis. “Penso che il suo focus mentale sia cambiato dopo aver vinto Brisbane – sembra che sia più predisposto, più coinvolto in quello che fà – battere Tsonga a Melbourne è stato un grande inizio“, continua Laver . “Penso che sia pronto a fare qualcosa di importante, lo deduco dal modo in cui gioca, ora è concentrato sul suo gioco e non lascia che altri aspetti lo influenzino“, continua. Sia nella Davis Cup che durante la Laver Cup, Kyrgios ha dimostrato una grande capacità di lavorare in squadra e ogni volta che partecipa alle competizioni a squadre, si diverte. “Nick ha fatto vedere alla Laver Cup che gli piace essere al centro dell’attenzione, ama l’atmosfera delle competizioni a squadre e gli piace giocare il doppio, giocare il doppio è un fatto positivo,” afferma il campione australiano, che si dice convinto che Kyrgios possa ottenere qualsiasi risultato grazie al suo talento. “Penso che possa raggiungere il n° 1, molte altre persone l’hanno già detto, ma adesso ha iniziato il cammino per poterlo diventare, ha già battuto Nadal, ha battuto Federer, si è misurato contro quasi tutti i migliori ed è prossimo al raggiungimento del suo miglior livello”, spiega. Kyrgios parteciperà al primo turno della Davis Cup, di fronte al suo pubblico, contro la Germania di Zverev. In Australia nutrono buone speranze sul 2018 di Nick. Hewitt lo aiuterà a programmare il calendario, in modo da poter esprimere il meglio di sé. “Nick è un tipo di giocatore particolare che non ha bisogno di molti tornei di preparazione. Quando la tua carriera è in ascesa e stai cercando di scalare la classifica per entrare nelle posizioni che contano, molti piccoli tornei ti offrono tanti soldi per convincerti a partecipare ma adesso lui ha più bisogno di concentrarsi e pensare a cosa è meglio per il suo gioco e la sua carriera “, dice Hewitt. Laver, ovviamente, crede che Kyrgios abbia ancora bisogno di molto lavoro per arrivare al top. “Non credo che abbia già dimostrato di essere completo per vincere i grandi tornei. E’ vero che ha raggiunto un buon equilibrio ma ha ancora molti alti e bassi , ” ammette. Prima di congedarsi, Rod ha anche parlato di Bernard Tomic , ultimamente fa notizia solo per cose che non riguardano il tennis. Tomic attualmente è impegnato in un reality show nella giungla. “Quando era giovane, dimostrò di esser capace di vincere le partite, era una grande promessa ma per qualche motivo non ha preso la strada del campione. Penso che la sua attitudine non fosse quella giusta, quella di mettere il tennis al primo posto. Forse se si prendesse sei mesi di pausa per rimettersi in forma e ricominciasse, potrebbe avere un’altra chance“, conclude.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Raffaella Di Michele - 3 anni fa

    vedremo ci credo poco glielo auguro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Jolanda Giglio - 3 anni fa

    Se gli cambiano la testa forse!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Canuti - 3 anni fa

    Filippo Landi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filippo Landi - 3 anni fa

      Sarà…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Franco De Ambrogio - 3 anni fa

      Laver

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Marco Canuti - 3 anni fa

      Embè?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vincenzo Micillo - 3 anni fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Cristina Pozzoli - 3 anni fa

    Non deve cambiare testa Nick, deve solo imparare ad usarla… In questo inizio di stagione sembra più centrato… Ma che non cambi la testa, perché è lei che partorisce le sue magie… Anche John Mc non sarebbe stato John Mc con un’altra testa… Mia opinione ovvio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alessandra Bragion - 3 anni fa

    Sembra che giochi per far un piacere alla gente ! L’ho visto invece diverso alle Lever CUP quando aveva McEnroe e la squadra che lo motivava e caricava .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Steve Togni - 3 anni fa

    L ho visto contro dimitrov agli australian… Beh ha vinto il bulgaro ma hanno fatto una partita che valeva la finale !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Silvio Mia - 3 anni fa

    Se attacca il cervello sicuramente. Ha un tennis spettacolare e può puntare alla prima posizione, anche se la vedo dura dato il suo atteggiamento in campo… Mi aveva subito impressionato quando vinse con Nadal a Wimbledon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Viviana Colnaghi - 3 anni fa

    se cambia testa può essere il gioco cè….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Eugenia Manescalchi - 3 anni fa

    ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy