Cento volte Federer. Meriti personali o demeriti altrui?

Cento volte Federer. Meriti personali o demeriti altrui?

Mentre da anni si aspetta un successore, i Fab Three continuano a non avere rivali: Roger Federer, dato più volte per finito, vince il suo centesimo titolo mentre la cosiddetta “Next Generation” tarda ad esplodere. Cosa ci dobbiamo aspettare da questo 2019?

di Redazione Tennis Circus

Alcuni avversari potrebbero essere suoi figli. Roger Federer ha battuto il 4 marzo a Dubai il rivale greco Stefanos Tsitsipas, conquistando, a 37 anni, il centesimo torneo da pro della sua carriera contro un ragazzo di 20 anni. Nella storia solo Jimmy Connors ne ha vinti di più, 109 fra i quali si conta anche qualche esibizione mascherata da torneo, statistiche che non fermano gli appassionati, non solo tifosi dello svizzero, dal pensare che il campione di Basilea sia il più grande di tutti i tempi.

Di Federer è stato già scritto tutto, per la sua capacità di trasferire al gioco eleganza e armonia per oltre 20 anni di carriera, adattandosi a un tennis che diventava sempre più muscolare. Un atleta completo che ha saputo non solo reggere il confronto con i più giovani del circuito, ma anche contro avversari che, se fossero nati in altre epoche, sarebbero stati dominatori indiscussi.

La rivalità che piace a tutti è quella con Rafael Nadal. Se Federer è chiamato re Roger lo si deve anche ai 20 titoli di Slam vinti, ma il maiorchino nella storia è secondo con 17. Entrambi seguiti da Novak Djokovic, con 15 successi Major, altro tennista dei Fab Four. Lo scozzese Andy Murray, ultimo del quartetto, fra infortuni e un ritiro precoce (forse), ne ha vinti solo 3, dietro tanti altri fra i quali ricordiamo nella storia del tennis Sampras con 14, Borg e Laver con 11, lo stesso Connors con 8 insieme a Ivan Lendl, McEnroe con 7.

Roger Federer è ritenuto il migliore anche per il fascino che esercita su chi il tennis lo mastica poco. Gli esperti sono invece preoccupati, perché la carriera dello svizzero, per quanto non sembri, volgerà al termine.

Da anni si cerca il successore, ma al primo posto del ranking Atp i nomi non cambiano: Federer, Nadal, Djokovic. Nel 2017 l’Australian Open è stato vinto da Roger, il Roland Garros da Rafa, Wimbledon ancora da Roger e lo Us Open ancora da Rafa. Nel 2018 la sequenza è stata Federer, Nadal, Djokovic, Djokovic, con il ritorno del serbo dopo un periodo negativo.

E i nuovi? Pervenuti solo sulle pagine dei giornali che li annunciavano trionfalmente. Questi mostri sacri non hanno permesso loro di trovare continuità, per quanto il tennis sia uno sport precoce e la stoffa del campione dovrebbe vedersi subito.

Ricordate Grigor Dimitrov, Jo-Wilfred Tsonga e Juan Martin Del Potro? Marin Cilic, Stanislas Wawrinka, Milos Raonic e Kei Nishikori? Ai massimi livelli qualche vittoria e molti infortuni. Ottimi giocatori e nessun campione. Talento inespresso è anche Fabio Fognini, spesso vittima del suo approccio mentale.

Stesso finale rischia anche la cosiddetta Next Generation. Alexander Zverev ha finora deluso ai grandi appuntamenti. Tsitsipas deve consolidare la sua scia positiva. Borna Coric, Alex De Minaur e Danil Medvedev sono ancora defilati nei palcoscenici importanti.

Nel tennis moderno chiunque può improvvisamente accendersi grazie a una scia positiva, ma rimane il fatto che quasi due generazioni tennistiche siano state fagocitate dai vecchi leoni, come Cronos divorava i suoi figli. Roger, Rafa e Novak risorgono dalle ceneri e dalle crisi personali senza trovare la ragione per smettere e i nuovi non sanno dare loro una spallata. Nessuno crede sia solo per riverenza.

Lo scontro generazionale non ha conosciuto svolte e si teme che nel dopo Federer-Nadal possa iniziare una fase anarchica nel circuito, come quella che le colleghe del Wta stanno vivendo da qualche anno. Un problema anche per la popolarità del tennis, che negli ultimi 15 anni ha conosciuto il suo El Dorado.

Poco importa ai fan dello svizzero. In attesa di sorprese per il 2019, il pubblico apprezzerà ancora Roger, fortunato di continuare a vederlo giocare.

Lorenzo Nicolao

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maria Siniscalchi - 4 mesi fa

    Complimenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Meriti suoi !!!!!
    Meriti suoi !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Domenico Vallino - 4 mesi fa

    Ma perché ci si dimentica sempre di wawrinka? Alla fine ha vinto 3 slam pure lui..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabrizio Cane - 4 mesi fa

      Domenico ,ha un cognome impronunciabile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Trimonti Maurizio - 4 mesi fa

    Come si fa a dire che 100 titoli possano essere demerito altrui? Ma x favore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Shirley Babicz - 4 mesi fa

    Expect? Well not much maybe a win here and there? Not in the top five. No slams. Continue to play. ??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Luca Carboni - 4 mesi fa

    Dei 20 slam, 12 li ha vinti fra il 2003 – con l’uscita di scena di Sampras e Agassi – ed il 2007. Una volta arrivati Djokovic e Nadal, si è rivelato il meno forte dei 3 : 12 anni 8 slam.
    Federer grandissimo, ma ridimensionato in prospettiva storica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giulio Gallo - 4 mesi fa

      Luca Carboni considerando anche i 5 anni di età in più
      E il lungo periodo con la schiena a pezzi però

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luca Carboni - 4 mesi fa

      Giulio Gallo che Federer sia uno dei più grandi tennisti della storia è un dato di fatto.
      Ma Djokovic è Nadal più forti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Curzio Tamagni - 4 mesi fa

      Luca Carboni : fisicamente ma tecnicamente NO !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Angela Serusi - 4 mesi fa

      Luca Carboni non sono più forti, giocano in modo completamente diverso e al massimo si equivalgono, Nole fortissimo in difesa ma non esaltante nel gioco di volo, più o meno anche Nadal, è da vedere se reggono fisicamente quanto Federer visto il loro tennis esageratamente dispendioso ed usurante rispetto al gioco dello svizzero più aggressivo e con scambi meno lunghi. In ogni caso, Nole è colui che ha vinto di più in un lasso di tempo più breve

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Michele Monfasani - 4 mesi fa

      Luca Carboni guarda Federer come ha ridotto quelli di 5/6 anni in meno di lui, li ha mandati dallo psicologo praticamente. Hai idea di cosa voglia dire confrontarsi con ragazzi più giovani? Detto queste di partite nel cesso ne ha buttate una marea o ora rischia grosso di pagarla.. porca puttana

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Luca Carboni - 4 mesi fa

      Angela Serusi ma nessuno dei tre potrá mai eguagliare l’Orso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Guido Pedroni - 4 mesi fa

      Contano più i fatti, gli altri alla sua età? ci saranno ancora? mi pare che nel tennis e in tutti gli sport “macchine” non ce ne siano!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Andrea Varriano - 4 mesi fa

      Tecnicamente è il tennista più forte di sempre, fisicamente nadal e djokovic sono due mostri mentre Roger è più umano

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Massimo Poggio - 4 mesi fa

      Io sono tifoso di Nadal,ma sto discorso non regge,Federer ha 6 anni in più di Nole e 5 in più di Rafa,lascia il tempo che trova dire che “quando sono arrivati Rafa prima e Nole dopo”,Federer ha vinto meno….Non si può stabilire un discorso di chi è più forte di chi con 5 o 6 anni di differenza….Chi ci garantisce che a parità di età Federer non avrebbe sempre sconfitto il serbo per esempio?Oppure esasperando il paradosso,”date” a Nole 38 anni e a Federer 32,per me il serbo non vincerebbe manco un set con Federer.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Alessandro Mazzoli - 4 mesi fa

      Luca Carboni mamma mia….che tocca sentire???? Djokovic e Nadal più forti?????????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    11. Curzio Tamagni - 4 mesi fa

      Luca Carboni : per fortuna !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    12. Luca Carboni - 4 mesi fa

      Senza andare a scomodare l’inarrivabile Vikingo, mi chiedo cosa avrebbe combinato Federer contro Lendl con quelle racchette
      https://youtu.be/P3q9Y5fAdMo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    13. Mariano Como - 4 mesi fa

      Luca Carboni gia tu ne capisci molto…nel momento top di Federer , Djokovic le prendeva sempre, l unico a tenergli testa e stato Nadal…le vittorie del serbo su federer sono arrivate dal 2013 in poi …ma ce da considerare la differenza d Eta…Djokovic anni 38 Federer anni 32 il serbo nn vincerebbe mai…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    14. Mariano Como - 4 mesi fa

      Luca Carboni beh qui si vede che ne capisci poco …Federer ha giocato per molto tempo con un racchetta Wilson factor 90 la più piccola in tutto il circuito..l unica avvicinabile ad una racchetta di legno…Djokovic , Nadal avrebbero avuto molti problemi a giocarci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    15. Andrea Orizzonte - 4 mesi fa

      Si si….ciao ciao. Federer è il SOVRANO indiscusso della CLASSE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. William Viezzer - 4 mesi fa

    Che i restanti 3slam li vinceranno ancora loro tre!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy