Nicolas Almagro: “Ho 10 milioni in banca, non mi cambiano niente 50.000$ in più”

Nicolas Almagro: “Ho 10 milioni in banca, non mi cambiano niente 50.000$ in più”

Botta e risposta in sala stampa tra Nicolas Almagro e chi lo ha accusato di essere sceso in campo solo per intascare il premio partita. Da che parte stai?

15 commenti

Curioso quanto spiacevole episodio accaduto in conferenza stampa a Nicolas Almagro. Lo spagnolo, da tempo alla ricerca della forma perduta è stato accusato di essere sceso in campo per intascare il premio partita.

I FATTI.  Almagro risente dal 2014 di un’infortunio raro e doloroso: un ispessimento con edema e gonfiore al calcagno. Sono tre anni infatti che il murciano, in campo sempre più nervoso, non raggiunge più i suoi livelli. A Melbourne si è ritirato dopo appena venti minuti, sotto di quattro giochi a zero, al primo turno degli Australian Open. Due settimane fa, dopo avere avvertito un fastidio durante un match a Doha, Almagro che sulla terra battuta ha dato filo da torcere persino al Nadal dei tempi migliori, si era sottoposto ad una TAC. Ieri è sceso ugualmente in campo contro il francese Jeremy Chardy ma i risultati non sono stati dei migliori. Dopo avere perso quattro games di fila, si è ritirato, ufficialmente per problemi alle caviglie.

alago

“Ho provato a giocare durante la settimana. E’ stata molto dura, ho fatto una risonanza magnetica e il risultato non era buono. Questo è tutto. Avevo considerato l’opportunità di ritirarmi ma durante la settimana mi ero comunque allenato. Così sono sceso in campo. Ma ho sentito di nuovo il problema e mi sono dovuto ritirare.”

LA POLEMICA. Agli Australian Open è previsto un premio partita di 50.000$ australiani (circa 35.000 € ) per chi esce al primo turno, non importa se in cinque set dopo 5 ore di partita od in appena venti minuti. Il commentatore australiano Todd Woodbridge si è, quindi, chiesto se lo spagnolo non avesse fatto meglio a lasciare spazio al lucky loser, piuttosto che scendere in campo per intascare il premio partita (12.500 a game!).

LA REPLICA – Lo spagnolo, in un comunicato stampa di fuoco ha così replicato. “A chi si è interessato del mio ritiro agli Australian Open vorrei dire che giudico tremendamente offensivo quanto ha detto sul mio conto. Gioco da 15 anni. E sono animato esclusivamente dalla competizione e dalla voglia di vincere. Oltre questo, a febbraio nascerà il mio primogenito e quindi salterò diversi tornei nei prossimi mesi. Quindi per me era  molto importante scendere in campo per cercare di fare qualche punto così come ho già fatto in numerose altre occasioni, nonostante il dolore.” Almagro, professionista dal 2003, ricopre la posizione numero 42 del ranking. Nel 2011 ha raggiunto il suo best-ranking di numero nove del mondo.  “Sono sceso in campo perchè ero convinto di poter giocare. Sono stato un top-10 ed ho più di 10 milioni di dollari in banca… Non gioco per 50.000 $. Non è questa la ragione.”

Se dovesse essere introdotta anche per i tornei del grande slam, Almagro, avrebbe potuto beneficiare di una nuova regola introdotta dall’ATP per garantire lo spettacolo: la “On-site Withdrawal/Lucky Loser Compensation”. Secondo questa regola, introdotta dal primo gennaio, per un periodo di prova della durata di un anno, un giocatore che, già, prima di scendere in campo sa di essere infortunato ma, si trova già nel luogo del torneo, ha comunque diritto a ricevere il prize-money previsto per quell’incontro, anche, nel caso in cui si dovesse ritirare.

Proprio il portavoce dell’ATP ha confermato che questo sarebbe stato uno dei casi emblematici per i quali la norma è stata prevista. “Abbiamo introdotto la norma dal primo gennaio nel circuito ITF ma non abbiamo ancora avuto la ratifica per poterla applicare anche nei tornei del grande slam. Ci sono parecchi passaggi per approvare una nuova norma  e non è facile superarli tutti in breve tempo. Al momento, inoltre, sarebbe ancora da definire se il giocatore che si ritira prima del match ha diritto al 100% del premio o solamente al 75%”. Intanto, Jeremy Chardy, numero 72 del mondo, ringrazia: “Bene, un match facile non è mai una cattiva cosa in un torneo lungo come questo.”

15 commenti

15 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabrizio Messina - 9 mesi fa

    Almagro…. che rovescio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro Trenti - 9 mesi fa

    Gabriele Ferrari anche se avessi 10milioni in banca, piuttosto che perdere 50k$ per una partita, vado a giocare trascinandomi e usando la racchetta come stampella

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonio Quarta - 9 mesi fa

      Infatti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Riccardo Trocino - 9 mesi fa

    Francesco Cianfarani ahahahahahha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Francesco Cianfarani - 9 mesi fa

      Ahahahah che coatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Antonio Quarta - 9 mesi fa

    Sapere che un coglione del genere e’ milionario mi fa capire che la fine del mondone’ vicina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Antonio Tortora - 9 mesi fa

    Vincenzo Vigorito solo10? Mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Simone Pastorino - 9 mesi fa

    Ha fatto bene, perlomeno ha zittito chi, come molti dice certe scempiaggini, del tipo, la Ivanovič sta con Schweinsteiger x soldi, si, xchè lei ha proprio bisogno di soldi, eh, ma….soldi chiamano soldi… , certo, ma se io avessi 50 milioni in banca andrei a cercarmene una buona, soldi o meno, quelli appunto li avrei già…..solite cretinate che la gente spara oramai non ci faccio neanche più caso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Aless Io - 9 mesi fa

    Umiltà Almagro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Andrea Cau - 9 mesi fa

    Pdm

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Angelo Genovese - 9 mesi fa

    Ma ormai i tennisti x umiltà vanno a lezione da Tomic e Kyrgios?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Enrico Carrossino - 9 mesi fa

    Grande nico… Magari sei finito in mano agli strozzini e hai debiti fino al 2030, ma ti vogliamo così

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Simone Sorio - 9 mesi fa

    Che schifo i poveri Simone Bandini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Un grande ha ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Andrea Datteri - 9 mesi fa

    Mike Buonomo è il numero 1

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy