L’insostenibile giovinezza e versatilità del circuito WTA

L’insostenibile giovinezza e versatilità del circuito WTA

Mentre nel circuito ATP i vecchi resistono, giocano finali e si reinventano torneo dopo torneo, nella WTA le giovani e giovanissime modificano gli equilibri settimana dopo settimana. Il primato di Naomi Osaka è sempre più a rischio, ma di domini in stile Williams, all’orizzonte, al momento non se ne vedono.

di Giuliana Cau

E’ vero che, a parte la doppietta di Roger Federer, anche nel maschile ogni torneo ha avuto un vincitore diverso, ma i Fab Three sono sempre lì, pronti a risorgere di fronte ad ogni momento di difficoltà. Alla stessa maniera tra le donne, da quando è ripresa la stagione tennistica, nessuna giocatrice ha vinto più di un titolo WTA, ma i presupposti sono completamente differenti. Da gennaio ben tredici ragazze hanno alzato le braccia al cielo, inanellando un trofeo. Aryna Sabalenka a Shenzhen, Karolina Pliskova a Brisbane, Julia Goerges ad Auckland, Petra Kvitova a Sydney, Sofia Kenin a Hobart, Naomi Osaka a Melbourne, Kiki Bertens a San Pietroburgo, Dayana Yastremska a Hua Hin, Elise Mertens a Doha, Belinda Bencic a Dubai, Alison Van Uytvanck a Budapest, Yafan Wang ad Acapulco, Bianca Andreescu a Indian Wells e in ultimo Ashleigh Barty a Miami. Fra di loro, colei che ha giocato il maggior numero di finali è Petra Kvitova, vittoriosa su Barty a Sydney, ma sconfitta a Melbourne da Osaka e da Bencic a Dubai. A quota due finali disputate, di cui una vinta e una persa, si trovano Pliskova sconfitta a Miami, Kenin battuta ad Acapulco, Andreescu piegata ad Auckland e Barty, appunto, beffata sul fil di lana da Kvitova a Sydney. Questo scenario, indubbiamente, è il simbolo dell’assenza di una dominatrice che, da quando Serena Williams è rimasta incinta, non si riesce più a scovare. Tra tutte le atlete, le maggiori risorse per divenire una vincente in formato deluxe sembra averle Naomi Osaka, unica giocatrice in grado di vincere due slam di fila dopo Venus Williams. Ma in seguito alla separazione, inaspettata e perché no anche sciagurata, da coach Sascha Bajin, la giapponese sembra aver perso continuità e tranquillità. L’imminente stagione sulla terra battuta, per di più, non la vede favorita date le caratteristiche di gioco che l’asiatica esprime; ma fino agli US Open non ha molti punti da difendere, perciò una volta recuperate un minimo di serenità e le giuste motivazioni di sicuro tornerà a vincere, perché sulla qualità delle sue stimmate non ci sono dubbi. Infatti, nonostante i mesti risultati post Australian Open, Naomi Osaka continua a mantenere inalterata la prima posizione mondiale, sebbene rivali come Halep, Kvitova, Pliskova e Kerber le stiano col fiato sul collo a meno di mille punti di distanza. Ma, ad onor del vero, le inseguitrici più assidue a breve avranno delle pesanti cambiali da onorare. Halep la finale di Roma e il titolo al Roland Garros, Kvitova le coppe di Madrid e Praga, Kerber i buoni piazzamenti sulla terra battuta e il piatto dei Championships. Tra le pretendenti al trono Pliskova è colei che meno ha da difendere, ma l’arrendevolezza con cui ha affrontato la finale del Miami Open non lascia presagire grandi cose, soprattutto perché fuori dal cemento la ceca è storicamente ancora più vulnerabile. In questo scenario così variopinto, ottime speranze inducono le fresche prestazioni di Bianca Andreescu e Ashleigh Barty, le recenti campionesse del Sunshine Double. La canadese, appena diciottenne, ha tutte le carte in regola per trionfare ancora. Dispone di un gioco multiforme, fatto di potenza e variazioni. E’ perfettamente capace di tirare sassate da fondo campo, per poi cambiare il ritmo tramite smorzate e colpi in back che destabilizzano totalmente le avversarie. Andreescu, potenzialmente, ha tutto ciò che le occorre per mettere a segno risultati importanti, soprattutto sull’erba, e gode di un carattere forte e molto determinato. Non teme i grandi palcoscenici, non soffre di sudditanza psicologica di fronte alle avversarie più navigate e soprattutto nutre molta fiducia negli enormi mezzi di cui dispone. Ashleigh Barty è una di quelle giocatrici che colpiscono e stupiscono per la considerevole versatilità del repertorio tennistico in dote. Pur non essendo altissima, riesce a servire bene e con precisione; al rovescio bimane ne accompagna un altro in back, tagliato e affilato, che ricorda in parte quello di Roberta Vinci. Non perde campo, è molto reattiva negli spostamenti (più di Andreescu) e anche lei gode di un carattere egregio, battagliero e per nulla arrendevole. Considerato che ha raggiunto la finale solo sui tappeti veloci (Pechino, WTA Elite Trophy, Sydney e Miami) è difficile stabilire quanto potrà ottenere da qui in avanti, ma di sicuro con una buona preparazione e una tattica efficace anche lei, sull’erba inglese, potrà dire la sua. In questo panorama così variegato e particolareggiato, non vanno scordati i nomi di Kiki Bertens, ottima soprattutto sulla terra, Elina Svitolina e Sloane Stephens che, nonostante alcuni piccoli acciacchi e taluni scivoloni pesanti, avranno sicuramente degli altri acuti, come nella natura delle loro potenzialità. Anche Caroline Wozniacki, sebbene afflitta dall’artrite reumatoide, potrebbe centrare risultati interessanti. Il nuovo sodalizio con Francesca Schiavone, per la stagione sul clay, non arriva infatti a caso. La danese ha capito che la sua salute non le consentirà di esternare il meglio di sé sulle superfici rapide, ecco perché sulla terra battuta, con una preparazione adeguata e una tattica appropriata, potrebbe riuscire ad essere competitiva più di quanto non lo sia mai stata in passato. E assieme a lei anche Belinda Bencic, che acquista fiducia partita dopo partita, potrebbe ottenere moltissimo sulla terra rossa.

Ovviamente le previsioni nel circuito femminile sono quanto di più scriteriato si possa azzardare, ma certamente tra tutti i nomi citati le maggiori papabili ad acciuffare trofei importanti sono Belinda Bencic, Kiki Bertens e Simona Halep sul clay; Bianca Andreescu, Ashleigh Barty e Petra Kvitova sull’erba; Naomi Osaka e Karolina Pliskova sul veloce. Pronti a cancellare ogni singola riga di questo articolo se le cose dovessero andare in maniera diversa.

http://www.tenniscircus.com/circuito-wta/circuito-wta-tenniste-in-crisi-e-dove-trovarle/

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Monica Tola - 3 mesi fa

    “Pronti a cancellare ogni singola riga di questo articolo se le cose dovessero andare in maniera diversa”. ahahahaha Mi pare giusto. Dopo le previsioni fatte per le Wta Finals è meglio tutelarsi. 😀 E’ un periodo di transizione. L’assenza della dominatrice assoluta ha aperto più possibilità alle altre. Siamo passati da Serena a due partite dal Grande Slam alle 5 numero 1 in una stagione. Indian Wells e Miami sono stati sicuramente tornei fallimentari per le picchiatrici forsennate. Andreescu e Barty hanno un gioco diverso tra loro ma è differente anche da quello di gran parte delle tenniste monocorde e hanno i mezzi per mandarle in crisi. La canadese è stata la sorpresa, la Barty a mio avviso no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 3 mesi fa

      Monica beh insomma, non si può sempre lasciare traccia delle previsioni cannate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Monica Tola - 3 mesi fa

      Attenzione a Kiki Bertens sulla terra (questo commento sparirà in caso di uscita precoce al RG dell’olandese). Sono d’accordo. Una ventata di aria fresca, ma soprattutto di gioco diverso era indispensabile per rompere la monotonia delle sparapalle. A Miami le sorprese sono state tante. Tatjana Maria che ha eliminato Giorgi e Stephens. La Niculescu al terzo turno e scalpo della Muguruza. La straordinaria Hsieh e la Barty. A parte la Barty e la Hsieh sono tutte giocatrici di seconda fascia, ma possono essere sempre insidiosissime se alle picchiatrici non entra tutto. Il risultato della Andreescu non era pensabile. Ha cominciato a prendere forma dai quarti. La Barty prima o poi il grosso risultato doveva farlo perché era nell’aria dal 2017 e da allora è molto più solida mentalmente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giuliana Cau - 3 mesi fa

      Monica Kiki l’ho data favorita per tutta la stagione su terra. Se dovesse uscire subito, mi dimetto dalla redazione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Sara Ravelli - 2 mesi fa

        Infatti Bertens esce agli ottavi a Charleston in 2 set contro Sakkari…Già l’hai bruciata 😀

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Monica Tola - 3 mesi fa

      Sì. Su-Wei ha un gioco molto dispendioso sia mentalmente che fisicamente. I colpi non sono da manuale, ma il personaggio è straordinario e credo che la stessa Barty in semifinale sia stata molto più felice di ritrovare l’insipida Kontaveit piuttosto che la Hsieh. La Osaka rientra, eccome. Con il suo gioco non può essere continua. Poi ha anche altro per la testa e deve superare il periodo di ambientamento con il nuovo coach.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marco Donnini - 3 mesi fa

    Articolo preciso e inappuntabile come sempre Giuliana, penso anch’io che questa situazione di stallo rimarrà a lungo in WTA, Serena sta lasciando un vuoto quasi incolmabile, anche se nel suo caso stiamo parlando di una delle più forti tenniste di tutti i tempi, confido anch’io in Osaka e Andreescu per l’immediato futuro.
    A proposito di Top 10 incostanti, in questo momento a Charleston Sabalenka sotto di due break contro la qualificata Kozlova!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Perri - 3 mesi fa

      Per me, la Sabalenka sarà una bolla di sapone se non cambia atteggiamento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giuliana Cau - 3 mesi fa

      Grazie Marco. Osaka e Andreescu su tutte, ma confido anche in un exploit di Pliskova quest’anno. Al di là della sconfitta, sta migliorando passo dopo passo. Per quanto riguarda Sabalenka, con quel gioco sulla terra battuta non va da nessuna parte. E su quella rossa sarà pure peggio, se non impara a picchiare meno e liftare di più… Per me a Charleston la può sfangare Bencic. Vediamo :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Marco Donnini - 3 mesi fa

      Su Sabalenka sono d’accordo sia con te che con Marco, picchia e basta, infatti è già sotto di un set!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Marco Perri - 3 mesi fa

      Il problema è che finora negli appuntamenti caldo ha cannato su cemento, anche contro giovani come la Anisimova

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Perri - 3 mesi fa

    Nell’ATP il più giovane vincitore Slam ha l’età mia, mentre nel femminile, negli ultimi 15 anni, abbiamo almeno di infratrentenni: Kvitova, Halep, Stephens, Muguruza, Ostapenko, Osaka

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 3 mesi fa

      Marco a parte Kerber, trentenne, Muguruza 22/23, Ostapenko 20, Osaka 20/21, Stephens 24, Wozniacki 27, Halep 26. Gli ultimi tre tornei importanti sono: 21, 18, 22. Un abisso, obiettivamente, con l’Atp, tolto Khachanov e Zverev.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Perri - 3 mesi fa

      Giuliana intendo come età attuale, sennò del Po ha vinto a quasi 21 anni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giuliana Cau - 3 mesi fa

      Marco certo, infatti si prende in esame il post maternità di Serena.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Irena Mancini - 3 mesi fa

      Giuliana Cau: Muguruza 25 anni, Wozniacki 28 anni, Stephens 26 anni, Halep 27 anni, Osaka 21 anni, Ostapenko 21 anni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Giuliana Cau - 3 mesi fa

      Irena Mancini carissima: le età che ho scritto si riferiscono al momento della vittoria dello slam 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy