Maria Sharapova potrà usufruire di un numero illimitato di wild card

Maria Sharapova potrà usufruire di un numero illimitato di wild card

Viste le recenti polemiche, la WTA ha sentito la necessità di divulgare un comunicato stampa sulla Sharapova e le wild card che le verranno concesse

1 Commento

Il caso Sharapova continua a tenere banco. Quasi tutti le sue colleghe sono contrariate per le agevolazioni che “Masha” riceverà quando potrà ritornare in campo. Secondo loro, la bella tennista russa dovrebbe ripartire dalle qualificazioni, facendo così tanta “gavetta” per guadagnarsi i palcoscenici più prestigiosi.

Pertanto la WTA è stata costretta a diramare un comunicato stampa per chiarire alcuni aspetti regolamentari e legittimare le scelte dei tornei, a partire da Stoccarda. E’ la prima volta che un ente di governo tennistico si espone su un argomento del genere.
“Maria Sharapova tornerà a poter giocare nei tornei WTA mercoledì 26 aprile, data in cui termineranno i 15 mesi di sospensione. Essendo ex campionessa Slam e vincitrice delle WTA Finals (Articolo III.C.4.v del Rulebook), la tennista russa può usufruire di un numero illimitato di wild card, compresa quella al torneo di Stoccarda, dove effettuerà il suo ritorno. Nel rispetto delle regole WTA e del programma antidoping nel tennis, la Sharapova può partecipare a un torneo nella settimana in cui scade la sospensione, a patto che il suo primo match sia programmato nel giorno (o nei giorni successivi) in cui può tornare a giocare. Il primo turno del Porsche Tennis Grand Prix si snoda su tre giorni, dunque la ex numero 1 è legittimata ad accettare la wild card che le è stata offerta e iniziare il suo torneo mercoledì 26 aprile”.

Per quanto riguarda il regolamento, non ci sono dubbi. Sharapova, avendo vinto Slam e WTA Finals, può chiedere e ricevere tutte le wild card che vuole. Tuttavia, è comprensibile il disappunto delle altre tenniste del circuito che non possono accettare che un’atleta squalificata per avere assunto una sostanza proibita, venga premiata con la concessione di wild card nei tornei principali.
Certo, la presenza nei grandi eventi di una figura di spicco come Sharapova, fa felici tifosi e sponsor, ma, eticamente e moralmente, semplificarle la vita, sarebbe una contraddizione con tutti gli sforzi che si stanno facendo nella lotta al doping.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Roberto Corbetta - 8 mesi fa

    vai Maria sei la migliore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy