“Maria Sharapova sapeva che il meldonium era illegale: aveva ricevuto ben cinque avvisi”

“Maria Sharapova sapeva che il meldonium era illegale: aveva ricevuto ben cinque avvisi”

La siberiana e il suo team erano perfettamente consapevoli che il meldonium, o mildronate, fosse vietato dal 1 gennaio 2016: a dicembre le erano stati inviati ben 5 avvertimenti ufficiali. La Wada aveva avvisato gli atleti della nuova lista delle sostanze proibite addirittura il 30 settembre. Maria Sharapova come poteva non sapere?

18 commenti

Spuntano nuovi particolari sul caso Maria Sharapova, trovata positiva qualche giorno fa al meldonium. Maria Sharapova e il suo team erano ben consapevoli che il Mildronate fosse entrato nella lista delle sostanze proibite stilata dalla Wada, dal momento che erano stati avvertiti ben cinque volte lo scorso dicembre, come hanno riportato diversi giornali tra cui il The Times.

Se questa notizia fosse confermata, smentirebbe clamorosamente le dichiarazioni della stessa Sharapova, che durante la conferenza stampa del 7 marzo aveva dichiarato di “non aver letto la mail” della Wada in cui era stato segnalato che il Mildronate sarebbe diventata una sostanza dopante dal primo gennaio 2016, ammettendo di aver peccato di “disattenzione” e di aver commesso un “errore enorme”.

Maria aveva chiaramente parlato di un solo avviso; in realtà ce ne sarebbero stati altri quattro, inviati dall’ITF e dalla WTA, inviati tutti nell’arco dello stesso mese.

Con questa ultima notizia, sono ormai diversi gli elementi discordanti con le parole dell’ex n. 1 del mondo e fanno sorgere qualche dubbio. Ieri era stato infatti reso noto che l’agenzia anti-doping russa (RUSADA) già il 30 settembre 2015 aveva avvisato gli atleti delle varie federazioni sportive che il Meldonium, conosciuto anche come Mildronat, sarebbe diventato presto sostanza illegale.

Inoltre, secondo alcuni autorevoli medici italiani e stranieri, il meldonium non sarebbe utilizzato per combattere il diabete (Masha aveva infatti detto di usare il mildronate da 10 anni su prescrizione medica perché era “carente di magnesio” e soffriva “di un principio di diabete ereditario”. 

Infine, i responsabili di Grindeks, azienda che produce il meldonium in Lettonia, hanno spiegato con quale frequenza e per quante volte in un anno può essere assunto il farmaco: “A seconda delle condizioni di salute del paziente, il ciclo di trattamento varia dalle 4 alle 6 settimane“, hanno spiegato tramite un comunicato. “Questo ciclo che può essere ripetuto due o tre volte all’anno. Solo i medici possono seguire e valutare le condizioni di salute del paziente e indicare se il paziente dovrebbe usare il meldonium per un lungo periodo di tempo”. Dichiarazioni che non smentiscono ma rendono poco chiare le affermazioni di Maria Sharapova, che aveva dichiarato di utilizzare il farmaco da ben 10 anni.

Dick Pound, ex n. 1 della Wada dal 1999 al 2007 e ora a capo della commissione che ha scoperchiato i recenti scandali russi nell’atletica, è stato molto duro contro Maria Sharapova in un’intervista al quotidiano inglese The Guardian“Ogni volta che si fa un cambio nella lista [delle sostanze proibite della Wada], prima di aggiornarla, il 30 settembre si avvisano tutti gli atleti. Hai ottobre, novembre e dicembre per smettere”.

Pound ha poi espresso un giudizio molto duro sul comportamento di Masha: “Se prendi qualcosa che è nella lista dei prodotti banditi, mi dispiace ma è un tuo grosso errore: avresti dovuto saperlo”, e ha aggiunto: “Essendo il motore di un giro d’affari di 30 milioni di dollari, spetta a te poter continuare a giocare”.

 

 
18 commenti

18 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giorgio Garbesi - 11 mesi fa

    Ma non era sufficiente che lo dichiarasse che lo prendeva da tempo….??..forse c’è stato un errore di comunicazione da parte dello staff….altrimenti che ci stanno a fare ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Susanna De Rossi - 11 mesi fa

    Una.leggenda di chimica e farmaceutica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fausta Bimbi - 11 mesi fa

    Se così fosse ,ben le sta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Matteo Bonanno - 11 mesi fa

    Quindi a questo punto bisogna toglierle i titoli vinti negli ultimi 5 anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Eliseo Perretta - 11 mesi fa

    togliere i titoli vinti … e dare il roland garros 2012 alla Errani :)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. IL Manu - 11 mesi fa

    Rimarrà sempre la numero 1 per me,spero che ritorna più forte di prima… Come on Masha!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Silvia Azzaroli - 11 mesi fa

    E ieri la stampa inglese ha avuto il fegato di dire che la stanno trattando con i guanti in quanto bianca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Umberto Hvalic - 11 mesi fa

      e’ verissimo, fosse stata Serena al suo posto staremmo assistendo al piu’ vergognoso dei linciaggi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Silvia Azzaroli - 11 mesi fa

      Perché invece la Sharapova non sta subendo linciaggi no. Non le viene perdonato un farmaco salvavita!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Monica Magini - 11 mesi fa

      Silvia: ma salvavita di chi????? Sono atleti professionisti mica degenti di chissà quale ospedale…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Silvia Azzaroli - 11 mesi fa

      I farmaci contro il diabete sono salvavita. E lei lo prende da 8 anni. Prima di dire qualcosa conviene informarsi perché se non si hanno mai avuti parenti malati di diabete si parla a vanvera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Silvia Azzaroli - 11 mesi fa

      Senza contare che la stessa stampa inglese santificò Kate Moss(sì lo so è una modella non una tennista) trovata impasticcata di cocaina e anoressica. Ma lei poteva in quanto inglese? Facciano poco i paladini dell’antirazzismo va.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Fabio Traina - 11 mesi fa

      La Sharapova ha voluto fare la furba senza riuscirci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Gabriele Cogliandro - 11 mesi fa

      @silvia, quel farmaco a tutto serve meno che per il diabete.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Alex Lan - 11 mesi fa

      Copre l’epo.. Ha altre funzioni rilevanti oltre questa?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Umberto Hvalic - 11 mesi fa

      ha mentito sin dall’inizio, ha mentito su tutto, ha sbrodolato una tesina concordata con gli avvocati o chi altro solo per tentare di limitare i danni, la verita’ e’ ben piu’ grave di quello che cerca di farci credere, ci rivedremo alla fine delle indagini…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Antonio Boccardi - 11 mesi fa

      Silvia Azzaroli infatti è una malata terminale che necessita di prendere da 10 anni il farmaco…,ma si vergogni (Maria)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Luca Bar Thomas Collegno - 11 mesi fa

    Un’urlatrice con tic in meno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy