Jarry, il gigante terraiolo

Jarry, il gigante terraiolo

Nicolas Jarry, attuale numero 73 ATP, ha raggiunto le semifinali nei tornei di Rio e San Paolo; classe ’95 e alto un metro e novantotto centimetri, è considerato da molti in rampa di lancio e il tennis cileno si augura di aver trovato un nuovo beniamino.

di Alessandro Rodella, @AleRodella

Non capita spesso di trovare i cosiddetti giganti che giocano bene sulla terra rossa; basti pensare per esempio a John Isner o Ivo Karlovic, amanti delle superfici veloci, che nei tornei più lenti hanno sempre faticato anche solo a superare i primi turni. Nicolas Jarry invece, soprattutto in queste due ultime settimane, sta stupendo un po’ tutti e a detta di molti la sua crescita può portarlo anche tra i primi cinquanta al mondo.

Nato nell’ottobre del 1995 in Cile, è cresciuto sulle orme del suo idolo Fernando Gonzalez, mano di pietra, e sicuramente ha preso molto da lui nello stile di gioco aggressivo. Nicolas infatti, oltre all’ottimo servizio che madre natura gli ha donato grazie all’altezza, anche da fondo campo predilige scambiare picchiando forte e conquistandosi il punto con dei diritti al fulmicotone.

Aiutato da una famiglia di sportivi (entrambi i genitori sono giocatori di pallavolo professionisti), è cresciuto nel suo paese per poi trasferirsi nel 2011 in Florida presso la Canas Tennis Academy.

In questo 2018 Jarry ha già guadagnato 21 posizioni e da lunedì prossimo sarà sicuramente almeno numero 66 grazie alla semifinale raggiunta e ancora da giocare a San Paolo contro Horacio Zeballos. L’anno scorso ha disputato molti Challenger vincendo a Medelin, Quito e Santiago 2, perdendo in finale a Morelos e a Santiago e approdando ai primi turni del Roland Garros e Wimbledon.

Nonostante l’altezza quindi, Jarry è un gigante da terra e con la stagione terraiola europea alle porte vedremo se sarà in grado di confermarsi sui buoni livelli messi in mostra in Brasile. Il Cile ha bisogno di un nuovo idolo, il tennis di un nuovo gigante giovane polivalente in grado di servire e giocare bene tutti i colpi.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mirko Ponti - 2 mesi fa

    Il nuovo Chela ( a Massu non assomiglia proprio)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marinella Di Felice - 2 mesi fa

    Comunque forza Fabio! !❤❤

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maria Pia Martin - 2 mesi fa

    Non so voi come la pensatee,, ma non vedo l’altezza di 2 m. Tanto tanto adatta al tennis se non a un tennis di potenza che lascia un pò il tempo che trova, visto che li vediamo quotidianamente. Nel basket si richiemono tot cm. Di alezza, nell’ippica tot kg di peso, nel pugilato tot kg. So di esprimere una tesi assurda e improponibile, massacratemi ma un pò vedo questo problema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Io non vedo l’ora di tornare a vedere un tennis al top fatto di giocatori sotto il metro e ottanta……… In fondo i giocatori più piacevoli a vedersi non sono quelli “piccoli”? Nishikori, Gasquet, Dzumhur, lo stesso Fognini……. Sinceramente se vedo in un torneo le semifinali Zverev – Del Potro e Donaldson – Anderson, mi viene voglia di passare a vedere il femminile…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Claudio Salvini - 2 mesi fa

    se è terraiolo non è tennis

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy