Le pagelle degli US Open

Le pagelle degli US Open

Ve lo dico subito: ho dato cinque e mezzo a Federer. Ma non odiatemi, amici Rogeriani.

di Jacopo Crivellari, @JacoCrivellari

A scuola non sono mai stato granché bravo, anzi, diciamo pure che andavo piuttosto male. E non ero neanche il classico “può ma non si applica”, perchè in certe materie non potevo proprio. Eppure, più o meno una volta all’anno, gli amici di Tennis Circus mi chiedono di redigere delle pagelle. Ovviamente accetto con gioia perchè è come se tutti i tennisti diventassero miei alunni, nonostante sia io peggio di Sascha Zverev nelle volèe e di Delbonis nei servizi. Ma tant’è. Quindi, ecco a voi i voti che si meritano i giocatori dello Us Open.

Roger Federer: voto 5.5. Partiamo dalle note dolenti e deludenti. Il campione svizzero non si merita la sufficienza, perchè obiettivamente non può perdere da uno come John Millman. Poco importa se quest’ultimo sia stato in settimana di grazia o se durante quel match c’era un caldo torrido e non tirava un filo d’aria: se sei Federer non puoi perdere da Millman. Punto. Il suo torneo sarebbe stato da cinque, in realtà, ma il mezzo voto in più se lo è meritato per quel passante da fuori campo raccolto da terra nella partita contro Kyrgios (colpo del torneo a furor di popolo). E se avesse vinto contro il vero Nick in tre set, il sei, forse, sarebbe stato più corretto, ma in realtà quello sceso in campo non somigliava neanche lontanamente al Kyrgios autentico. Dunque, cinque e mezzo perchè le vittorie contro Nishioka, Paire e, appunto, la controfigura dell’australiano non bastano per la sufficienza.

Fabio Fognini: voto 5. Se la memoria non m’inganna, anche stavolta Fabio è stato l’italiano a rimanere più a lungo, temporalmente, nel torneo. Tuttavia, la brutta sconfitta contro Millman pesa non poco nel computo finale, anche perchè nel secondo set pareva aver preso in mano il match. E invece dal terzo parziale in poi, Fogna ha perso la testa regalando di fatto la partita al rivale. La vittoria contro Mmoh non basta per la sufficienza. C’è anche un’aggravante: se avesse giocato come sa, Fabio sarebbe potuto andare avanti almeno fino agli ottavi, dato che avrebbe incontrato avversari oggettivamente alla sua portata. Il “nostro”, comunque, si può consolare: da oggi è numero tredici del mondo.

Rafael Nadal: voto 7. L’iberico si prende un voto e mezzo in più dell’eterno rivale Federer perchè in primis è arrivato in semifinale, e poi perchè chissà, magari senza quel dolore al ginocchio avrebbe potuto anche vincere il torneo. Visto che, però, dobbiamo attenerci a ciò che è stato e non a ciò che sarebbe potuto essere, Rafa si merita la piena sufficienza per aver messo in campo tutto sé stesso contro Khachanov, contro Basilashvili e soprattutto contro Thiem, partite che un comune mortale avrebbe perso. Ma non Nadal, appunto. Lo spagnolo stato poi bloccato dal suo stesso fisico, ma il suo percorso fino alla semifinale è stato da campione vero.

Kei Nishikori: voto 8. Il giapponese volante ancora una volta, zitto-zitto cacchio-cacchio (come dicono a Roma) è arrivato fino in semifinale sconfiggendo, tra gli altri, Marin Cilic per la seconda volta nel 2018 (su due superfici diverse). Kei è definitivamente ritornato ad essere uno dei peggiori avversari per i grandissimi, senza però riuscire a raggiungere l’ultimo giorno di torneo come fece nel 2014. L’orientale si è comunque guadagnato un otto abbondante in pagella, che non è più alto perchè, diciamoci la verità, nella semifinale contro Djokovic ci saremmo aspettati qualcosa in più almeno dal punto di vista della lotta.

Novak Djokovic e Juan Martin del Potro: voto 10. Già sento quello che starete dicendo davanti allo schermo del pc o del telefono: “Uno ha vinto e uno ha perso, come fa a dare lo stesso voto?”. Beh, perchè provateci voi a non dare dieci a Juan Martin del Potro, che solo nella finale di ieri è risorto come Lazzaro almeno tre o quattro volte. Provateci voi a non dare dieci a quello che ha eliminato il numero uno del mondo (di fatto è così) e che è probabilmente è il giocatore col cuore più grande di tutto il circuito. Provateci voi. Io non ci riesco. E allora se Novak Djokovic si merita il dieci e lode col bacio accademico (solo se siete una bella ragazza, e soprattutto solo se Jelena è d’accordo), Delpo è degno un voto altrettanto alto. In ogni caso, la copertina è giusto che se la prenda Novak, che dà l’impressione che per vincere sarebbe disposto a tutto e che infatti vince quasi sempre. Nella finale di ieri sera non ha concesso nemmeno un punto facile al rivale; con questo successo si porta a tre vittorie negli ultimi quattro tornei disputati, e a quattordici Slam in carriera. Robot-Nole, tra l’altro, da oggi è tornato al numero tre della classifica Atp, dietro a Nadal e Federer. Che bello sport, il tennis.

32 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Luigi Scarpiello - 2 mesi fa

    E meglio cancellarli sti siti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luigi Scarpiello - 2 mesi fa

    Tennis circus nn capisci una minchia……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Дејв Ковић - 2 mesi fa

    che sballo … quanti giri di parole per sminuire Novak Đoković … rodeo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vale Dolfini - 2 mesi fa

    No esagerato…vi ha abituati bene eh????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Patrizia Ferrari - 2 mesi fa

    Chi ama il vero tennis non darà mai l’insufficenza a Roger… la finale? Una noia mortale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuseppe Ricci - 2 mesi fa

      Pienamente d accordo… si sono presi a pallate… Nole ha vinto perché riusciva a contenere meglio… davvero poco entusiasmante

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Patrizia Ferrari - 2 mesi fa

      Giuseppe Ricci hai perfettamente ragione. Vedo che sei un vero amante del tennis. A parte l’eleganza con Roger vedi tutti i colpi del vero tennis. Non per niente è soprannominato The King

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Laura Lissi - 2 mesi fa

    Certo Roger a 37 anni non può stare male … Sì fosse ritirato perché aveva una crisi respiratoria allora il voto saliva???? Nole è arrivato lì con un tabellone generoso con pause con MTO.. però ha vinto.. complimenti a lui ma 10 proprio no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Antonio Campaniello - 2 mesi fa

    Signor Jacopo senza nulla togliere a Djokovic che ha vinto ma non si può trascurare il fatto che fino alla semifinale ha avuto avversari con tutto il rispetto “ modesti a differenza di Nadal che sin dal terzo turno ha dovuto affrontare avversari di tutto rispetto. Dai un 7 a Rafa e 9 a Thiem comunque eliminato ? Federer non ha più 20 anni le condizioni climatiche lo hanno penalizzato più di altri L unico voto che concordo il 10 a Delpo. Personalmente se non distingui questi aspetti ti meriti un bel 4

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Shirley Babicz - 2 mesi fa

      Roger is a winning brad that has had his way, way to long. Why is it he always has nights games Orin dome games. All others play in the sun and have difficult games? He is not the only player in he’s thirties. So if it’s a problem to play like all other players it’s time for him to retire…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Jacopo W. Crivellari - 2 mesi fa

      Signor Antonio, mi spiace non sia d’accordo con me. In ogni caso, accetto il suo quattro e studierò già da ora per recuperare nella prossima verifica. Un saluto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Дејв Ковић - 2 mesi fa

      Antonio Campaniello Stia a vedere che lobby tennistici favoreggiano Novak. Lei si che si intende, un esperto. :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Federica Sueri - 2 mesi fa

    Perché dovremmo? Intanto è una tua legittima opinione e siamo onesti: non ha giocato al massimo ed è uscito malissimo agli ottavi. Io toglierei anche il mezzo punto, perché voglio bene a Roger e credo che il suo problema sia mentale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Shirley Babicz - 2 mesi fa

      Sneaky whinny Rodger

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Patrizia Ferrari - 2 mesi fa

      Anche ai migliori capita una giornata storta… e come lui nessuno. Gli altri si prendono a pallate e basta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Federica Sueri - 2 mesi fa

      Patrizia Ferrari lo penso anch’io e gli auguro di tutto cuore di riprendersi presto. Intanto abbiamo recuperato Nole e Rafa….è sempre un grande guerriero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pietro Vadalà - 2 mesi fa

    Occhio che perdi like

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Tutti nadaliani siete in questa pagina !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Cristina Failla - 2 mesi fa

    7 a Nadal è ingeneroso!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Luca Amadei - 2 mesi fa

    Quanto mi è dispiaciuto per del po

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Camilla Conocchia - 2 mesi fa

    Penso che Nadal non è da 7,ma molto di più! 9 ci stava tutto, perché più cuore di così non lo poteva mettere in quelle partite “battaglie”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Massimo Mangiarotti - 2 mesi fa

    Caldo infernale. 37 suonati . Non è un robot.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sandra Cedrati - 2 mesi fa

      Vero

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Trimonti Maurizio - 2 mesi fa

    Fattore psicologico sia x il caldo che x gli anni che avanzano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Francesco Giuri - 2 mesi fa

    5.5 é pure generoso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Stefania Bianchi - 2 mesi fa

    Sono d’accordo su Federer, a Nadal darei 10 come a Del Potro a Thiem darei 9 a Nole…6.5

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Sabellico - 2 mesi fa

      Io a Nole metterei 5 in fin dei conti ha solo vinto gli US Open….niente di che!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Federico Betti - 2 mesi fa

      4.5

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Angela Serusi - 2 mesi fa

      Qua si danno i numeri che manco a tombola riprendetevi,6.5 a Nole neo vincitore (con grande merito)di uno Slam facciamoci una sonora risata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Milena Ginocchio - 2 mesi fa

      Ricordatevi che ROGER È ROGER!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Cristina Piano - 2 mesi fa

      Con grande merito…dopo aver avuto un tabellone stile Scherzi a parte…ma per favore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Angela Serusi - 2 mesi fa

      Cristina Piano beh mi pare abbia dimostrato ampiamente il suo stato di forma anche a Wimbledon e Cincinnati i cui tabelloni erano tutt’altro che agevoli. Ha rischiato di uscire al primo turno per le condizioni climatiche dopodiché ha dimostrato supremazia assoluta vincendo sempre in tre set.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy