Dusan Lajovic spinge Novak Djokovic a battere il record del Grande Slam di Roger Federer

Lajovic parla in maniera molto entusiasta e positiva del suo connazionale Djokovic. Di Nicola Devoto

di Redazione Tennis Circus

Il numero 23 del mondo Dusan Lajovic elogia il connazionale Novak Djokovic n. 1 del mondo e vincitore di 17 tornei dello Slam esortando il 33enne campione serbo a battere alcuni dei più grandi record del tennis. Djokovic detiene già il record di 8 successi agli Australian Open di Melbourne e punta a battere due primati di Roger Federer : 1) superare i 20 titoli del Grande Slam 2) rimanere il maggior numero di settimane da numero uno mondiale.

Dusan Lajovic

Lajovic è certo che Djokovic, alla riapertura ufficiale del circuito, tornerà a giocare ai suoi consueti livelli eccelsi, dimostrando di essere il migliore : ” Nole domina la scena da moltissimi anni dividendo i trionfi con Nadal e Federer, probabilmente riuscirà a stabilire il record del maggior numero di titoli del Grande Slam e deterrà primati che si riveleranno inarrivabili in futuro. Lajovic in un’intervista alla rivista serba Republika parla di Djokovic come di un grande campione in campo ma anche nella vita, che ha fatto tutto il possibile per aiutare a promuovere il suo paese: “Al di fuori del tennis, tutti noi giocatori serbi della squadra di Coppa Davis, ci vediamo spesso e siamo grandi amici, quando noi giocatori serbi veniamo eliminati in un torneo, supportiamo poi tutti Novak in finale, è molto bello avere qualcuno così vicino che abbia così tanto successo e proviamo grande affetto per lui.

Nole è un grande patriota, il modo con cui promuove la Serbia in tutto il mondo, è semplicemente qualcosa di eccezionale e unico. Per i suoi grandi successi e per come si è sempre comportato in questi anni, Djokovic ha fatto capire al mondo come i serbi non siano solo un popolo votato alla guerra, ma bensì capace di cose molte belle e buone” ha detto Lajovic a Republika.

Nicola Devoto

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy