Roland Garros, Novak Djokovic ha solo un obiettivo in mente: vincere

Vincere il Roland Garros, questo è la speranza di Novak Djokovic che sembra aver archiviato le polemiche dopo l’esclusione dagli US Open

di Diletta Barilla

Dopo aver trionfato agli Internazionali BNL d’Italia, c’è un nuovo trofeo che Novak Djokovic vorrebbe inserire nella sua personalissima bacheca ed è quello del Roland Garros 2020. Un’edizione inedita, autunnale, che sta trascinando non poche polemiche tra condizioni atmosferiche e nuove palline ma comunque destinata a restare nella storia.

Il numero 1 del ranking ATP sembra aver definitivamente spazzato via ogni strascico di quanto accaduto agli US Open e, al primo turno, ha superato Mikael Ymer senza troppe difficoltà chiudendo con il punteggio di 6-0, 6-2, 6-3.

Ma se in campo tutto è andato secondo i piani di Novak Djokovic, non sono mancate le polemiche con i pochi tifosi presenti sugli spalti del Philippe Chartier. Le telecamere non hanno lasciato scampo immortalando il bacio diretto ad uno spettatore che indossava il cappellino con le iniziali di Roger Federer.

(AP Photo/Seth Wenig)

Sull’argomento però il giocatore è intervenuto subito per non dare adito a polemiche “inutili”: “Sulle tribune c’era un mio amico di infanzia, era per lui perché ero felice di vederlo lì“. Le sue parole non sembrano convincere ma sul match dominato non ci sono dubbi: “Il miglior modo di iniziare uno Slam. Ci sono state parecchie sorprese in tante gare perciò sapevo che era importante vincere velocemente senza complicarsi le cose“.

L’obiettivo per Novak Djokovic però resta la vittoria finale, lui che nel 2016 ha già trionfato sulla terra parigina: “Sono un giocatore diverso rispetto a 4 anni fa e anche le condizioni sono cambiate. Non ho perso una partita in questa stagione e anche la fiducia in me è aumentata. Fisicamente e mentalmente sono pronto per arrivare il più lontano possibile“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy