Wimbledon: le dichiarazioni di Nadal, Federer e Berrettini

Wimbledon: le dichiarazioni di Nadal, Federer e Berrettini

Nadal, Federer e Berrettini sono approdati, nella giornata di ieri, alla seconda settimana di Wimbledon esprimendo un grande tennis. Non stupiscono i primi due, ma Berrettini ha vinto una grande partita contro Diego Sebastián Schwartzman, annullando match points.

di Luciano Nocera

Nella giornata di ieri abbiamo assistito alle vittorie di Rafael Nadal, Roger Federer e Matteo Berrettini. Mentre i primi due hanno vinto e convinto contro Tsonga e Pouille, Matteo ha dovuto faticare. Il romano è andato al quinto set contro Schwartzman ed ha dovuto annullare tre match points.

Rafael Nadal si è detto soddsfatto del proprio rendimento, che migliora da partita a partita. Secondo il maiorchino, il primo step di passare alla seconda settimana è stato fatto con successo: “Il mio gioco, al momento, sta funzionando bene. Bisogna adattarsi alle situazioni e la palla è un po’ più pesante, quindi abbiamo fatto in modo che il servizio funzionasse meglio. Ho giocato molto bene, una partita di altissima qualità, mi sentivo molto a mio agio e in ogni turno sto giocando meglio rispetto al precedente, è importante che con il difficile tabellone che ho avuto, sia passato alla seconda settimana. Mi dà un sacco di ottimismo”.

“Su questa superficie è importante servire bene e lo sto facendo. Infatti, nell’ultima partita che ho giocato non ho offerto palle break. Non bisogna lasciare agli avversari l’opportunità di rispondere. Nonostante tutto, sento di aver bisogno di scambiare da fondo campo, dove sto giocando in modo preciso ed aggressivo. Per quanto riguarda la velocità dei campi, personalmente, in quindici anni in cui ho giocato qui, non credo che sia mai cambiata una virgola. Anche quest’anno, non noto differenze rispetto alle scorse edizioni. E’ una sensazione che varia da giocatore a giocatore, anche perchè è la fiducia del momento che condiziona il nostro modo di “sentire” veloce il campo. Le palline sì, sono più pesanti e rallentano il gioco, ma non è il campo ad essere lento”.

Immagine correlata

Roger Federer ha affermato che la fiducia su questa superficie, che si acquisisce nel corso degli anni, fa la differenza: Ci sono state molte sorprese in questi primi giorni, con l’eliminazione di giocatori come Tsitsipas, Zverev e Thiem. Penso che sull’erba l’esperienza acquisisca grande importanza e anche l’usura di queste ultime settimane abbia avuto un ruolo cruciale. Se giochi tre diversi tornei in tre settimane, è normale che in certi momenti noti affaticamento e le gambe falliscono. Una volta, durante una delle mie prime apparizioni a Wimbledon, sono caduto al primo cambio campo, quindi per i giovani è normale. Ora arriveranno partite importanti, in cui ogni tennista sarà difficile da sconfiggere”.

L’elvetico ha parlato anche di Cori Gauff, grande sorpresa del torneo: Non vedo alcun motivo per cui i giocatori più giovani dovrebbero avere problemi fisici per vincere tornei importanti in giovane età. La Gauff sembra una giocatrice ormai sviluppata, che gioca molto bene e ha l’aspetto mentale come uno dei suoi più grandi punti di forza. Ci sono già stati giocatori che hanno iniziato ad essere notati nell’adolescenza: Nadal, Becker o Borg, che si sono distinti sin dalla tenera età”.

Per concludere, Federer ha parlato dell’esibizione che giocherà con Rafael Nadal in Sudafrica: Mi ci sono voluti due anni per trovare un accordo e ora, grazie a Dio, ce l’abbiamo fatta. Ho cercato di non stressare troppo Nadal, ma è vero che in alcune occasioni ho detto: “Dai Rafa, per favore…” (ride n.d.r.). Il mio sogno era giocare una partita con Nadal in quel paese, quindi sarà fantastico, non vedo l’ora che succeda. So che non è facile ma sai com’è nella vita: quando qualcosa diventa una priorità prima o poi finisci per trovare il tempo. Sono sicuro che viaggerò insieme alla mia famiglia in modo che possano vivere l’esperienza insieme a me”.

Risultati immagini per federer wimbledon 2019

Matteo Berrettini ha affermato di aver sofferto parecchio in campo, sia tennisticamente che mentalmente. Il romano è stato bravo a non mollare di un millimetro ed a prendersi i suoi rischi nelle situazioni più complicate. Con questa vittoria Matteo si è regalato la seconda settimana di Wimbledon e la sfida contro Roger Federer.

Berrettini agli ottavi di Wimbledon

Solo un anno fa Matteo Berrettini giocava per la prima volta a #Wimbledon… oggi è ai suoi primi ottavi di finale Slam e lunedì affronterà sul Centrale Federer!#stayFIT #tennis

Geplaatst door Federtennis op Zondag 7 juli 2019





0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy