Coppa Davis: sconfitta choc per Dominic Thiem

Coppa Davis: sconfitta choc per Dominic Thiem

Clamorosa sconfitta per Dominic Thiem, che si arrende in due rapidi set al finlandese Ruusuvuori, numero 163 del ranking. Nonostante ciò, l’Austria riesce comunque a superare la Finlandia per tre a due.

di Antonio Sepe

Non smette di regalare sorprese questa settimana di Coppa Davis, che in assenza delle migliori nazionali, già proiettate a Madrid nel mese di novembre, offre delle sfide di secondo piano che, nonostante il minor blasone delle compagini impegnate, vedono scendere in campo giocatori appartenenti ai vertici mondiali: basta pensare, ad esempio a nomi come Tsitsipas, Hurkacz, Fucsovics o Thiem.

Quest’oggi è stato proprio l’austriaco a finire sotto le luci dei riflettori, purtroppo per lui in negativo, per via della clamorosa sconfitta contro Emil Ruusuvuori, numero 163 del mondo. Il tennista austriaco, che insieme ai suoi connazionali sfidava la Finlandia, appena ieri aveva battuto in due set Niklas-Salminen, mentre oggi ha inspiegabilmente perso contro un avversario più che alla portata. Fortunatamente, l’Austria è comunque uscita vittoriosa da questo confronto, grazie alla vittoria decisiva di Novak ai danni di Heliovaara, seppur solo 7-6 al terzo set, e la sconfitta di Thiem ha sortito effetti meno gravi del dovuto. Fatto sta, però, che non passa assolutamente sotto traccia la sconfitta del numero cinque del mondo contro un avversario che lo succede di oltre 150 posizioni.

Non sappiamo se si è trattato di un problema fisico per Dominic, il quale avrebbe però potuto farsi da parte prima del match, magari mandando in campo un suo connazionale, oppure se è semplicemente un periodo complessivamente negativo, che la sconfitta all’esordio agli Us Open contro Fabbiano ha accentuato. Indubbiamente, l’obiettivo per l’austriaco è quello di lasciarsi tutto ciò alle spalle e concentrarsi al meglio per il finale di stagione, dove potrebbe essere protagonista.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy