Roger Federer e la quarantena, dai giochi social alla beneficenza: ecco come passe le giornate

Roger Federer e la quarantena, dai giochi social alla beneficenza: ecco come passe le giornate

Roger Federer e la moglie Mirka a casa con i figli in questo periodo di quarantena per la diffusione della pandemia del Covid-19. Ma come passa le sue giornate lo svizzero?

di Diletta Barilla

Come passa le giornate a casa Roger Federer? Una domanda che si fanno molti appassionati di tennis e fan dell’elvetico in questo periodo in cui la pandemia di covid-19 ha costretto tutti a casa. A dare una risposta a questo interrogativo ci ha pensato il giornale britannico The Sun. 

Il tabloid inglese è stato il primo ad entrare in casa di Roger Federer pubblicando immagini esclusive. Lo svizzero può godersi gli ampi spazi della sua dimora insieme alla moglie Mirka e ai 4 figli ma senza dimenticare l’emergenza che sta mettendo in ginocchio la popolazione mondiale: “È una situazione difficile per questo con Mirka abbiamo donato un milione di franchi svizzeri per aiutare le famiglie più bisognose. Nessuno dovrebbe esser lasciato indietro in questo momento”.

Roger Federer e Mirka Vavrinec

Se il campo sembrerebbe essere un lontano ricordo, con Federer che dopo l’intervento al ginocchio avrebbe fatto il suo rientro proprio sull’erba di Wimbledon, il numero 4 del ranking ATP si consola sui social. Dalle risposte ai fan alle sfide lanciate a colleghi e appassionati.

Ed è propio dal suo account Twitter che lo svizzero aveva espresso tutto il suo disappunto per la cancellazione del torneo londinese: “Devastato” aveva scritto nel suo cinguettio. Poi, dopo aver “smaltito” la delusione era arrivata anche la notizia sul futuro: “Non vedo di tornare a Wimbledon l’anno prossimo”.

In questo momento però Federer trova anche uno spunto di riflessione positivo: “Stiamo riuscendo, o comunque proviamo, a valorizzare il nostro sport anche in una difficile situazione come quella che stiamo vivendo. L’unica cosa che possiamo fare è restare a casa. Ci vuole tanta pazienza ma l’importante è non demordere e restare sani”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy