Ashleigh Barty: “È stato un anno senza tregua”

Ashleigh Barty: “È stato un anno senza tregua”

L’australiana ha fatto un ulteriore salto di qualità, conquistando Shenzen e proclamandosi “Maestra” nell’ultimo torneo dell’anno. “Da Miami sono cresciuta molto come giocatrice”

di Redazione Tennis Circus

In termini di emozioni, sarà difficile per Ashleigh Barty godersi una stagione più piacevole di quella che si è appena conclusa. Debutto nella top 10, primo titolo in un Premier Mandatory (Miami), prima finale e primo titolo del Grande Slam, numero 1 del mondo, prima partecipazione e primo titolo alle WTA Finals, prima volta che chiude l’anno come numero 1 del mondo, ecc. L’australiana si è imposta sulle altre giocatrici, conquistando anche le Finals di Shenzen. Con la corona da “Maestra” in testa, la 23enne ha provato a descrivere tutto ciò che potrebbe accadere da questo momento in poi, anche se a volte è difficile da spiegare.

“La sensazione che provo in questo momento è molto strana, quasi bizzarra, sono completamente onesta. Sembra che fosse stato un anno in cui non mi ero mai fermata, una stagione di incredibili alti e bassi, anche se penso che molti più alti che bassi. Una stagione alla quale ho potuto dare il tocco finale con una serata molto speciale qui a Shenzen. È stato davvero grandioso ”, ha spiegato l’australiana dopo aver vinto il suo quarto trofeo dell’anno.

Ovviamente, non dobbiamo dimenticare che era la sua prima volta in un torneo WTA Finals, anche se questo fattore sembra non aver inciso più di tanto. “Per superare una settimana come questa devi vincere contro le migliori giocatrici del circuito. Mi ha portato a ricordare alcuni momenti del Premier Mandatory di Miami, dove ho trionfato per la prima volta nella mia carriera, battendo diverse  top10 di fila. Ho dovuto essere molto costante per ottenere quel titolo. Dopo Miami, sento di essere cresciuta molto come giocatrice. Mi sono ripresa molto in fretta in seguito all’enorme delusione che ho avuto dopo la mia partita con Kiki Bertens, e questo è un fattore molto importante per me”, ha detto l’allieva di Craig Tyzzer.

Una grande sfida quella di oggi, considerando anche che aveva un parziale negativo contro la Svitolina (il bilancio era di 0-5). “Perdere con lei ad Indian Wells non è stato facile da digerire, quindi oggi era il momento perfetto di modificare  il mio gioco con un leggero cambiamento nella tattica e nell’esecuzione. Stasera ho giocato come se avessi tutto molto più chiaro, sono stata più concisa dall’inizio alla fine. Ho colto molto bene le mie opportunità quando le avevo davanti ,giocando esattamente come volevo stasera.. Tutto ha funzionato bene”, ha detto dopo aver battuto l’ucraina per la prima volta.

La stagione di Barty si chiude con 58 vittorie, 6 finali, 4 titoli e un volo di quindici posizioni rispetto a gennaio. Sicuramente, la giocatrice che si è evoluta maggiormente nell’anno. La stagione non è ancora finita per lei, perché giocherà la finale di Fed Cup con l’Australia, con lei, ovviamente, come protagonista principale. Ashleigh sta per concludere un anno irripetibile.

di Donato Marrese

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy