Djokovic ringrazia Federer: “Abbiamo giocato uno dei match più belli di sempre”

Djokovic ringrazia Federer: “Abbiamo giocato uno dei match più belli di sempre”

Dopo il quinto trionfo ai Championships (eguagliato il record di Borg), Novak Djokovic ammette come la finale giocata contro lo svizzero rappresenti la partita più intensa che abbia mai giocato, nonché una delle più belle di sempre.

di Redazione Tennis Circus

Quella tra Djokovic e Federer è stata la finale più lunga nella storia di Wimbledon (4 h e 57 m), conclusasi soltanto al tiebreak del quinto set introdotto sul 12 pari nel set decisivo. Si tratta della prima volta che nel singolare maschile si è raggiunti il famoso tiebreak sul 12-12, vinto poi dal serbo per 7 punti a 4. “E’ stato un match in cui è successo di tutto, una partita che trascende il nostro sport. Sono eternamente grato di averne fatto parte. Provo un grande rispetto per Roger e per la nostra lotta titanica. È stato un grande piacere condividere il campo ancora una volta con la leggenda del nostro sport. Spero di continuare a giocare questi tipi di partite”, scrive sui social.“Djoker” sottolinea il brutto momento attraversato nel 2017 e ad inizio 2018 quando si era dovuto operare al gomito: “Gli ultimi 12 mesi sono stati un vero e proprio ritorno nel tennis, dopo l’infortunio. Solo la fiducia in me stesso e il sostegno dei miei cari mi hanno aiutato a rialzarmi. Mi sento molto fortunato”.

Novak Djokovic

Seppur questa partita sia stata definita come la finale più epica degli ultimi 20 anni, alcuni non la pensano allo stesso: Toni Nadal, zio ed ex allenatore di Rafael, ha dichiarato come la partita giocata 11 anni fa dal nipote contro Roger Federer (vinta da Nadal 9-7 al quinto) sia stata migliore rispetto a quella di domenica. Opinione sicuramente condivisibile quella di zio Toni, dato che quel match è definito il più bello di sempre, tale da superare la finale del 1980 giocata da Borg e Mcenroe. Alla fine come aveva pronunciato Giulio Cesare (secondo quanto riportato dallo storico Plutarco) “de gustibus non disputandum est”: per cui cari lettori, senza farvi influenzare dal tifo, scegliete voi la partita che più vi garba, oppure non scegliete affatto, perché prestazioni così indelebili non devono essere scelte, ma vissute con l’animo di chi sa che la bellezza deve essere ammirata nella sua interezza, perché essa rifugge la scelta.

di Donato Marrese

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Scalzo Orlando - 5 mesi fa

    Federer con le sue vittorie ed il suo tennis stellare ed inimitabile ha spinto comunque, Nole e rafa a migliorarsi e spingersi sempre più in là, e questo ha anche sollecitato roger a fare sempre meglio…durante la finale ci sono stati 2-3 colpi dello svizzero che nemmeno alla play….. penso sia questo il senso delle dichiarazioni di Nole…. quando finirà federer per me il tenni sarà finito, lo dissi pure dopo Sampras, ma non pensavo che arrivasse l’alieno……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Scalzo Orlando - 5 mesi fa

    Federer con le sue vittorie ed il suo tennis stellare ed inimitabile ha spinto comunque, Nole e rafa a migliorarsi e spingersi sempre più in là, e questo ha anche sollecitato roger a fare sempre meglio…durante la finale ci sono stati 2-3 colpi dello svizzero che nemmeno alla play….. penso sia questo il senso delle dichiarazioni di Nole…. quando finirà federer per me il tenni sarà finito, lo dissi pure dopo Sampras, ma non pensavo che arrivasse l’alieno……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Abramo Ferrazza - 5 mesi fa

    se Federer avesse giocato come contro Nadal con cazzo vinceva Djokovic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fausto Achilli - 5 mesi fa

    Perché la semifinale con Nadal era meno bella??? Fanatico !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy