Maria Sharapova: “C’è un solo motivo per il quale ho lasciato Dimitrov”

Maria Sharapova: “C’è un solo motivo per il quale ho lasciato Dimitrov”

All’interno della sua autobiografia, Maria Sharapova ha spiegato i motivi che hanno portato alla conclusione la sua love-story con Grigor Dimitrov.

di Luca Balbinetti

Arrivano altre dichiarazioni di Maria Sharapova, dal suo libro “Inarrestabile: la mia vita finora”, oltre infatti alle anticipazioni sul suo rapporto con Serena, arrivano altri estratti direttamente dalla parte del libro in cui Maria spiega l’inizio e la fine della sua storia con Grigor Dimitrov.

Ecco la cronistoria raccontata dalla fuoriclasse siberiana nel suo libro:

“A ottobre 2012, mentre uscivo dal campo dopo il match di quarti di finale a Pechino, ho visto il telefono e c’era un messaggio da parte di Max [Eisenbud]. “Grazie”, ho risposto come sempre faccio. Dieci minuti dopo ho ricevuto un secondo messaggio che mi ha sorpreso.

Max era a Miami e lì erano le 4:00. Non dovrebbe dormire? “Grigor Dimitrov vuole il tuo numero”. Ho messo il telefono nella tasca, ho fatto dieci minuti di ciclette, poi 15 di stretching mentre il mio allenatore mi parlava della partita.Ma la mia mente non era davvero concentrata su ciò che diceva, e non è niente di nuovo perché Thomas Högstedt, mio allenatore a quel tempo, parla troppo dopo la partita più di qualunque altro.

Ho ripreso il telefono e il messaggio di Max era lo stesso: “Grigor Dimitrov vuole il tuo numero”. Perché due messaggi? Max pensava che il servizio cellulare fosse scarso a Pechino? Ho risposto: “Per cosa?” Max: “Per cosa? Sei stupida?” Ho cercato su Google l’età di Grigor. 21 anni si e no. “Dagli la mia mail”. ‘Ricordo di aver notato un ragazzino passeggiare per il villaggio di Wimbledon, era alto, magro e di bell’aspetto.

Dissi al mio coach: ‘Grazie a Dio non è della mia generazione, sarebbe stata una distrazione’. Qualche email scambiata e Grigor mi ha chiesto il mio numero. I nostri messaggi sono diventate chiamate e poi richieste di Skype.

È stato molto semplice. Non ci ho pensato molto fino a quando mi ha detto: ‘Scusa ma mi manca la tua voce’. Possiamo parlare per qualche altro minuto?” Non conoscevo la sua classifica a quel tempo. Le nostre conversazioni Skype continuavano.

Mia mamma le chiamava ‘sessioni terapeutiche’ perché alla fine di ognuna, avevo sempre il sorriso sul volto. La sua programmazione mi aveva un po’ confuso, stava andando a Parigi presto per il torneo indoor.

Non aveva senso per me. Perché giocare lì prima che le partite del tabellone principale iniziassero? Ho iniziato a controllare il sito LiveScores che ha tutti i risultati dei tornei che si giocano nel mondo. Avevo speso troppo tempo su NBA.com nei miei tre anni con Sasha, (suo ex fidanzato ndr) vedendo i minuti giocati e le percentuali.

Non ero pronta così presto per questo. Ho controllato il tabellone principale e Grigor non c’era. Ho controllato il tabellone di quali e c’era. Era numero 60 al mondo. È stato un lungo percorso fino a quando una sera è arrivato alla mia porta con delle rose rosse e un orsacchiotto gigante.

Alcuni giorni dopo mi ha chiesto se volessi essere la sua ragazza. Non ero pronta per una cosa del genere. Ha detto che avrebbe aspettato finché non sarei stata pronta. “Chi è questa persona?”, mi sono chiesta.

L’ho guardato dicendo: ‘Chi è questo bel ragazzo che potrebbe averne tante e che aspetta che una donna sia pronta per una relazione? “Ok, ma non so quando sarò pronta. Potrebbero essere mesi”, ho detto.

“Ok”, ha risposto. “Aspetterò. So cosa voglio, io voglio te”. Le settimane si sono trasformate in mesi e niente poteva fermarci. Lo vedevo crescere, trionfare, soffrire, recuperare. Avere alti e bassi. Amavo vederlo giocare o allenarsi, pure il giorno di Natale.

the-love-story-between-maria-sharapova-and-grigor-dimitrov-is-over

L’ho visto passare dal scegliere hotel dai piani più alti, a una suite al Quattro Stagioni di Parigi, il Carlyle a New York. L’ho visto passare dal vederlo scegliere un biglietto super economico nei viaggi in Australia a diventare un uomo che sceglieva i jet privati.

L’ho visto crescere come persona nel compiere decisioni. Grigor è stato soprannominato il prossimo Roger Federer, il prossimo quello e quell’altro. È stato massimo numero otto al mondo e ha tanto potenziale e bei colpi.

Il modo in cui colpisce la palla e poi scivola, anche sul cemento, è un’ispirazione. Può fare cose straordinarie col corpo.

Cosa separa i grandi giocatori dai buoni? I primi vincono anche nelle giornate no, i secondi quando non giocano bene – e non si può sempre farlo – perdono.

Grigor deve ancora imparare a vincere giocando male. Dopo le semifinali degli Australian Open quest’anno, Grigor mi ha detto che una delle cose peggiori nella vita è avere le cose giuste al momento sbagliato.

Mi ha fatto ricordare una serata precedente al torneo di Wimbledon 2015. Aveva raggiunto le semifinali battendo Andy Murray, prima di perdere contro Novak Djokovic in quattro. Aveva notato una foto di me sugli spalti e mi ha detto: ‘Hai visto questa? Significa tutto per me.

Vederti nel mio box insieme a mia mamma”. È stato quel momento a farmi rendere conto che era finita. Sapevo, e anche lui lo sapeva, che non potevo essere quel tipo persona in quel periodo della vita. Dovevo essere concentrata, prepararmi per le mie partite, i miei trionfi e le sconfitte.

Avevo visto quel suo match solo perché avevo perso nel turno precedente. Quindi il suo bel ricordo era il mio brutto ricordo. Come aveva detto lui stesso, puoi avere a disposizione la cosa giusta, ma potrebbe arrivare nel momento sbagliato”. 

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Massimo Rossi - 2 anni fa

    Chissenefrega!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Virginia Gallo - 2 anni fa

    María ya no viene al caso tu romance pertenece al pasado ponte a entrenar el ya tiene novia es muy atractiva!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tiziano Iussa - 2 anni fa

    Che cazzate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Luca Garruba - 2 anni fa

    Frank leggi tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Lorenzo Fiorin - 2 anni fa

    Il quale, fatemi dire, a giudicare dalla nuova compagna, non mi pare sia così disperato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Paola Anaclerio - 2 anni fa

    Non vorrei dire ma…questo libro l’ha scritto con i piedi proprio! Livello: tema di quarta elementare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Alessandra Bragion - 2 anni fa

    Avevo sentito che era stata lei a lasciarlo e che lui ha avuto un periodo di crisi per questo ! Comunque se due sono innamorati non esistono periodi giusti o sbagliati !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Marco Bastianel - 2 anni fa

    Andrea Casagrande

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Fulvia Montecchiani - 2 anni fa

    Non ci credo neanche io… due anni fa si diceva che l’avesse lasciata lui perché innamorato di un’altra…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Marco Lamolinara - 2 anni fa

    E chi se ne frega…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Monica Magini - 2 anni fa

    Mah! Non ci credo neanche un po’!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Samantha Casella - 2 anni fa

      È dura credere a questa coppia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Andrea Fiorbianco - 2 anni fa

    Sara studia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy