Djokovic è pronto per Madrid

Djokovic è pronto per Madrid

Il numero due del mondo si presenta ai microfoni di Madrid abbastanza ottimista e fiducioso di invertire il trend di quest’anno.

Reduce da un risultato deludente al primo master sulla terra di Montecarlo e senza acuti sin dall’inizio stagione, Novak Djokovic è consapevole della necessità di ricominciare a fare risultati. Il master di Madrid, penultimi appuntamento sulla terra prima dell’open di Francia, ha tutte le caratteristiche in regola per poterlo rimettere a nuovo, anche se bisognerà fare sempre i conti col numero 1 al mondo Murray e con il ritrovato Rafa Nadal.

ASPETTATIVE MADRILENE – Nole ha rilasciato un’intervista al sito del Mutua Madrid Open, relativamente alle sue aspettative sul torneo. Fondamentale è il fatto che a Madrid il serbo difenderà i 1000 punti guadagnati l’anno scorso con il trofeo (sconfitto in finale Murray). Tra l’altro il trofeo era arrivato dopo alcune assenze nel torneo della capitale iberica: «Fu molto speciale vincere a Madrid al mio ritorno in questo torneo, non so se mi ha dato il via per potermi aggiudicare anche il Roland Garros, ma sta di fatto che a livello di fiducia è stata una spinta fortissima, anche in relazione della sconfitta a Montecarlo». Madrid peraltro è un torneo che, dal 2008, non è mai uscito dall’orbita dei big four, che se lo sono suddiviso in maniera abbastanza equa: tre volte Nadal, due volte per Djokovic, Murray e Federer: «Le volte che mi sono aggiudicato il torneo sono state partite durissime contro grandi rivali, specialmente in finale, quando ho battuto Nadal e Murray. Sicuramente è complicato vincere qua».

Djokovic Nadal

 

ANDAMENTO STAGIONALE – Inevitabile la domanda sull’ottima stagione che stanno vivendo Nadal e Federer: «sulla terra battuta Rafa sta andando alla grande, è stato anche molto vicino a vincere in Australia e a Miami, dove è stato fermato solo da Roger. Ma la superficie dove è più pericoloso è senza ombra di dubbio la terra rossa, e qua sopra parte favorito. Roger è un grande campione, è l’ha dimostrato enormemente a Melbourne: dopo sei mesi ai box è tornato ed è andato avanti nel torneo sconfiggendo giocatori forti e in forma. Per l’ATP è solo un bene che giochi ancora». L’ultima domanda è stata relativa alla prossima generazioni di giovani tennisti che mirano al posto che attualmente occupano i grandi del tennis mondiale: «Questa NextGen si sta facendo valere nei tornei, creano molti grattacapi. Penso sia un grande momento per il tennis e i suoi interpreti, specialmente le nuove promesse, che stanno iniziando ad affermarsi». Così ha concluso il campione serbo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy