I sette, magnifici, Australian Open di Novak Djokovic

I sette, magnifici, Australian Open di Novak Djokovic

A due settimane dalla prima finale slam della stagione, ripercorriamo i sette titoli vinti dal campione serbo a Melbourne, che lo issano in una situazione di dominio assoluto sul tappeto azzurro australiano. Dal 2008 a oggi sette finali su sette vinte, con soli cinque set persi per strada.

di Giuliana Cau

2016: 61 75 76 (3) a Andy Murray

Ennesima finale tra i due ribattitori più in forma del circuito. Djokovic è reduce da una stagione fenomenale che lo ha visto disputare tutte e quattro le finali slam e vincerne tre. Murray è sempre lì che insegue, ma anche questa volta non sembra avere chances contro la dittatura imposta dal serbo. Infatti la finale sarà combattuta solo nel secondo e nel terzo set, dato che il primo scivola via in fretta. Nel tie-break del terzo Murray però non resta lucido, perde l’apporto della prima di servizio e alla fine perde, ancora una volta, la possibilità di ottenere il primo slam sulla Rod Laver Arena. A colpire, durante la premiazione, sarà lo sguardo affranto dello scozzese nel l’ammirare con mestizia la coppa sollevata dal rivale.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giovanni Carnaroli - 2 anni fa

    Ormai ci ha abituato bene, la prof. Giuliana Cau ! Articolo molto ben articolato che mette in mostra tutto il valore di questo tennista che ha vinto tanto , pur vivendo nell’epoca di Federer e Nadal!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Grazie mille professore 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giovanni Carnaroli - 2 anni fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giovanni Carnaroli - 2 anni fa

      Sempre molto “ appagante” quello che dice e come lo espone , con quella vena ironica che cattura tanta simpatia! La Sardegna c’entra con me , lo sa? Ho fatto il servizio militare alla Brigata Sassari , 16 mesi con moltissimi sardi! Si riunivano tra loro e accovacciati intonavan “ bimbaaaaaaaa”!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Giovanni immagino la scena. D’altronde quando cantiamo, e non solo, non passiamo inosservati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Giovanni Carnaroli - 2 anni fa

      Giuliana Cau si,si mettevan le mani sulla bocca e dicevan bombaaaaa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ljubomir Kraljević - 2 anni fa

    Grandee Noleeee

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maria Diomede - 2 anni fa

    Complimenti per l’articolo..poi si parla del mio tennista preferito in assoluto.Questo ultimo titolo è stato ancora più bello perché non tutti erano convinti che Nole potesse vincere.Le ultime prestazione di Nole…ma soprattutto la sconfitta a Londra avevano destato perplessità sulle sue condizioni fisiche e mentali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Grazie 🙂 diciamo che quando c’è così tanto materiale l’articolo si scrive da solo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Branka Gencic - 2 anni fa

      ‘soprattutto mentali!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Devakumar Devarajan - 2 anni fa

      Maria Diomede . Yes

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy