I sette, magnifici, Australian Open di Novak Djokovic

I sette, magnifici, Australian Open di Novak Djokovic

A due settimane dalla prima finale slam della stagione, ripercorriamo i sette titoli vinti dal campione serbo a Melbourne, che lo issano in una situazione di dominio assoluto sul tappeto azzurro australiano. Dal 2008 a oggi sette finali su sette vinte, con soli cinque set persi per strada.

di Giuliana Cau

2015: 76 (5) 67 (4) 63 60 a Andy Murray

E’ la terza finale tra i due rivali, qui a Melbourne. L’anno precedente Djokovic era stato battuto, dopo una partita incredibile, ai quarti di finale da Wawrinka che poi inanellerà la coppa, mentre Murray era stato estromesso da Federer sempre ai quarti di finale. L’ultimo atto si presenta durissimo nei primi due set, ambedue chiusi al tie-break, dopo una sfilza di break e contro-break come solo nel femminile siamo abituati a vedere. Nel secondo parziale un paio di non forzati del serbo mettono in parità la partita (dopo aver vanificato un vantaggio di 4-2) e trascinano per la seconda volta la questione al tie-break, frazione che Nole giocherà malissimo. Ma nel terzo l’incontro gira e ad averne di più, fisicamente ed emotivamente, è il belgradese che nel quarto set rifilerà addirittura un bagel allo scozzese, battendolo per la terza volta di fila su tre finali australiane disputate. Per Novak Djokovic questo è l’ottavo slam della carriera, traguardo che lo appaia a mostri sacri del calibro di Ivan Lendl e Jimmy Connors.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giovanni Carnaroli - 2 anni fa

    Ormai ci ha abituato bene, la prof. Giuliana Cau ! Articolo molto ben articolato che mette in mostra tutto il valore di questo tennista che ha vinto tanto , pur vivendo nell’epoca di Federer e Nadal!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Grazie mille professore 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giovanni Carnaroli - 2 anni fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giovanni Carnaroli - 2 anni fa

      Sempre molto “ appagante” quello che dice e come lo espone , con quella vena ironica che cattura tanta simpatia! La Sardegna c’entra con me , lo sa? Ho fatto il servizio militare alla Brigata Sassari , 16 mesi con moltissimi sardi! Si riunivano tra loro e accovacciati intonavan “ bimbaaaaaaaa”!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Giovanni immagino la scena. D’altronde quando cantiamo, e non solo, non passiamo inosservati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Giovanni Carnaroli - 2 anni fa

      Giuliana Cau si,si mettevan le mani sulla bocca e dicevan bombaaaaa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ljubomir Kraljević - 2 anni fa

    Grandee Noleeee

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maria Diomede - 2 anni fa

    Complimenti per l’articolo..poi si parla del mio tennista preferito in assoluto.Questo ultimo titolo è stato ancora più bello perché non tutti erano convinti che Nole potesse vincere.Le ultime prestazione di Nole…ma soprattutto la sconfitta a Londra avevano destato perplessità sulle sue condizioni fisiche e mentali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Grazie 🙂 diciamo che quando c’è così tanto materiale l’articolo si scrive da solo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Branka Gencic - 2 anni fa

      ‘soprattutto mentali!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Devakumar Devarajan - 2 anni fa

      Maria Diomede . Yes

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy