Krajinovic: “Djokovic può battere ogni record, glielo auguro”

Il serbo numero 32 del mondo ha anche parlato del rapporto speciale che lega tutti i giocatori del suo paese al numero 1 del mondo

di Alessandro Zecchini

Connazionali e amici. Il rapporto tra Novak Djokovic e Filip Krajinovic, ventottenne attualmente numero 32 del mondo è sempre andato oltre il campo da tennis e la bandiera che li accumuna. In questo periodo di pausa forzata dovuta al Coronavirus in un primo momento Djokovic era rimasto bloccato in Spagna con la sua famiglia e per questo motivo anche il rapporto tra il numero 1 e gli altri tennisti serbi ha subito un brusco stop.
Ora che le cose sembrano andare un po meglio Novak è potuto tornare in Serbia e Krajinovic, tramite le pagine della testata d’informazione serba Blic, ha raccontato quanto sia speciale il legame tra il numero 1 del mondo e gli altri giocatori del suo paese: “Oltre a essere il nostro eroe è un nostro amico, facciamo tutti il tifo per lui. Gli auguro di rimanere in salute e di frantumare ogni record di questo sport, cosa che è certamente in grado di fare”.

Oltre al lato sportivo Krajinovic ha parlato anche della loro amicizia: “Non abbiamo parlato molto mentre lui era in Spagna, ma sono stato molto felice quando ho saputo che sarebbe tornato a casa. Giochiamo sempre in tornei diversi, quindi ci vediamo poco in questo periodo. Magari quest’anno non avendo tornei in programma per il momento noi tennisti serbi possiamo riuscire a stare un po insieme”.
Due parole anche sul team di Coppa Davis: “C’è davvero un ottimo rapporto tra di noi e ogni qual volta abbiamo un po’ di tempo libero, cerchiamo di uscire insieme. Ce la intendiamo alla perfezione, uscire insieme è per noi un tesoro. Spero lo faremo in Serbia quest’estate e che ci sia del tempo per fare un po’ di festa. Il più divertente del gruppo? Viktor Troicki“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy