I 5 momenti più importanti della carriera del “dongiovanni” Radek Štěpánek

I 5 momenti più importanti della carriera del “dongiovanni” Radek Štěpánek

A metà novembre ha dato il suo addio al mondo del tennis Radek Štěpánek. I 5 momenti più importanti del tennista ceco apprezzato dai colleghi e…dalle donne

5 commenti

CARRIERA GLORIOSA 

A metà novembre ha detto basta: all’età di 39 anni Radek Štěpánek ha deciso di appendere la racchetta al chiodo. Una decisione maturata da un giorno all’altro, ma che forse era la più logica considerando l’ultimo degli infiniti infortuni che ha dovuto superare nel corso della carriera: l’operazione alla colonna vertebrale gli aveva fatto saltare tutta la stagione, quindi, la scelta di giocare solo in doppio nel 2018. In seguito alla separazione dal tecnico Markem Všetíčkem, con il quale collaborava da 16 anni, la definitiva decisione: lasciare il tennis ed intraprendere la carriera di coach, senza rischiare ulteriori, interminabili, calvari. Il ceco, classe ’78 e originario di Karviná, ha iniziato a giocare quando ancora la sua Repubblica Ceca era unita alla Slovacchia sotto l’unica nazione Cecoslovacchia, per poi rendersi autonoma nel ‘93,  ammirando le gesta di Ivan Lendl e Martina Navratilova, cecoslovacchi anche loro, che hanno ispirato lo stesso “Steps”, ma anche Martina Hingis, poi naturalizzata svizzera, e la generazione d’oro rappresentata da Petra Kvitova, Karolína Plíšková e Tomas Berdych. Un paese con una grande tradizione tennistica, che proprio durante questi anni è tornata a risplendere, con la conquista di due Coppe Davis consecutive, nel 2012 e 2013, contro la Spagna, nella O2 Arena di Praga teatro della prima edizione della Laver Cup 2017, e contro la Serbia, due nazionali che dispongono di fior di campioni. Già nel 2009 la giovane Repubblica Ceca aveva conquistato la finale, perdendo malamente per 5-0 contro gli iberici, per poi prendersi la rivincita 3 anni dopo e riconquistare l’insalatiera dopo 32 anni, quando l’allora Cecoslovacchia batté l’Italia per 4-1. Soprattutto in campo femminile il tennis ha vissuto una fioritura unica: 10 i successi totali, 5 negli ultimi 6 anni, con l’unica finale persa nella sua storia nel lontano ’86: la scuola ceca rappresenta una certezza nello sort più nobile del mondo. E proprio di questa accademia fa parte il buon vecchio Steps, che ora vive a Montecarlo e non più nell’industriale cittadina ai confini con la Polonia, che nel corso della carriera ha vinto 5 titoli in singolare e 18 in doppio, di cui 2 Slam, oltre il bronzo nel doppio misto del 2016 e le due Coppe Davis. Ex #8 della classifica mondiale, nel 2008 ha anche partecipato alle ATP Finals, uscendo di scena al Round Robin. Ha uno score di 24 vittorie contro i top 10, ha raggiunto nel magnifico 2012 ha anche la quarta posizione nel ranking di doppio, specialità in cui ha vinto gli Australian Open nel 2012, anno in cui ha vinto anche gli ATP 1000 di Miami e Shanghai, e gli US Open nel 2013, lì dove aveva perso nel lontano 2002 e poi nel 2012, anno nel quale raggiunge la semfinale del Masters di doppio. Il suo ritiro si sentirà molto, considerando la sua umiltà e passione per il tennis, sport che ha iniziato a tre anni e gli ha dato una certa popolarità e ammirazione, come mostrano gli apprezzamenti dei colleghi e…delle donne. Il classe ’78 infatti, è stato fidanzato con la tennista svizzera Martina Hingis e sposato con la tennista Nicole Vaidišová. Ha avuto anche una relazione con Petra Kvitová. Uno che ci sa fare, in campo e…fuori: per onorare la sua carriera, ecco i 5 momenti più belli ed importanti della carriera da tennista, prima di anni di successo da coach, sin da subito nel prossimo futuro, con la collaborazione con Novak Djokovic. 

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Prima di scrivere questi articoli studiate meglio la storia della ex Cecoslovacchia e della nuova Repubblica Ceca. “ha iniziato a giocare quando ancora la sua Repubblica Ceca era divisa…” Precisiamo: Radek ha cominciato a giocare, quando c’era ancora la Cecoslovacchia…la Repubblica Ceca nascerà soltanto 01.01. 1993.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Sergio Novello - 1 settimana fa

    “Quando la sua repubblica Ceca era divisa”…. Ma di che parla questo giornalista?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Francesco Publio Tozzi - 1 settimana fa

    Si…donne orbe….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giselda Meneghetti - 1 settimana fa

    Più le donne ! Molto antipatico , dopo che Martina l’ho a lasciato ! Ma cosa avrà visto Martina !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniela Bertuola - 1 settimana fa

    Be !!o che è un grande amatore o le donne sono cieche !!come uomo è brutto !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy