Djokovic e Murray: la quiete prima della tempesta

Djokovic e Murray: la quiete prima della tempesta

I vertici del tennis mondiale, Andy Murray e Novak Djokovic, si distraggano rispettivamente con la crescita del tennis in Scozia e con una bellissima intervista prima dello scontro autunnale che decreterà il numero uno del mondo.

Commenta per primo!

ANDY MURRAY – Il numero due al modo, in questo periodo starà probabilmente ancora pensando alla mancata finale in Coppa Davis, ma una cosa è certa la sua Glasgow nell’ospitare la sfida di semifinale ha fatto un vero e proprio figurone. Lo scozzese è convinto che fronteggiando il problema meteo con nuovi investimenti in grado di portare dei campi indoor, si possa condurre al tennis le nuove generazioni scozzesi. E come dare torto a Murray, perché da quando il duo di fratelli scozzesi si sono imposti ai vertici dello sport dei gesti bianchi, il tennis in Scozia ha avuto un vero proprio boom con un passaggio da 30.000 a 56.000 nuovi Tennis Club. Murray conclude poi parlando della possibilità di portare un torneo del tour in Scozia. Niente male queste idee.

NOVAK DJOKOVIC –
Mentre il rivale Murray pensa a come rivoluzionare il tennis scozzese, Nole invece si rilassa con un interessante test di venti domande sulla sua vita tennistica e non riportato dal sito tennismash.com.
Qual è il più grande vantaggio di essere famoso?
L’apprezzamento e il rispetto che si ottiene.

Quali sono le qualità che piacciono alla gente?
Onestà. Generosità. Gentilezza.

Quale sarà il che male gli altri?
La mancanza di onestà. E hanno un approccio pessimistico alla vita.

Che cosa ti piace di te?
Tendo a non rispondere a questa doamnada. Ma se insisti davvero, io sono un ottimista. Non solo nel tennis, ma in tutto nella vita. Vedo speranza a vedere la luce del mattino, quando forse per gli è una cosa normale.

Che cosa vi piace, siete voi?
ìSiamo arrivati tardi. Devo fare di meglio. E forse a volte non essere realistico in termini di cosa posso o non può fare nella vita.

Qual è stato il tuo momento migliore nel tennis?
Sono tre i migliori momenti della mia carriera. La vittoria in finale della Coppa Davis nel 2010, vittorie a Wimbledon 2011 e 2014 e l’Australia 2012, con quella finale contro Rafa.
Qual è stato il momento peggiore su un campo da tennis?

Ho avuto molti momenti difficili. Uno che viene in mente è probabilmente la sconfitta contro Melzer nel Roland Garros del 2010. Lì ho avuto forti dubbi circa l’opportunità di continuare a giocare a tennis.
Sapendo quello sai ora, quali consigli daresti ad un novellino?
Essere paziente. La pazienza è una virtù persone che molte persone non hanno. E avere una mentalità positiva in campo e nella vita.

Qual è il miglior consiglio che hai mai ricevuto?
Trattare gli altri come vuoi essere trattato.

Hai qualche superstizione?
No.

Qual è stato l’acquisto più stravagante che hai mai fatto?
Probabilmente un’auto. Non mi viene in mente altro di stravagante. Eppure una casa l’ho comprata.

Quale persona vivente ammiri di più?
Non sono in tanti. Richard Branson è uno di loro. E ammiro molto un sacerdote ortodosso che incontrai una volta su un’isola in Grecia.

Qual è la tua più grande paura?
Non credo nelle paure. Non ci penso mai.

Qual è il tuo avere più prezioso?
Il mio bambino Stefan.

Oltre al giocatore di tennis cosa ti sarebbe piaciuto fare?
Probabilmente sarei stato coinvolto in un altro sport o nella natura. Sono cresciuto in montagna e ho trascorso molto tempo all’aria aperta, per questo mi piace tanto la . Ma non sono sicuro di quale natura. Però in generale non penso molto ai – se –. Penso che nella vita tutto accada per un motivo e per qualche ragione io sono un giocatore di tennis.

Qual è il miglior posto dove sei stato?
I miei paesi preferiti sono ovviamente, Belgrado e Kopaonik, i posti dove sono cresciuto. Ma ci sono alcuni bei posti nel mondo che ho visitato. Uno dei più suggestivi è stato sicuramente il Perito Moreno in Patagonia.

Un posto dove ti piacerebbe andare ma dove non sei ancora stato?
Himalaya, Tibet e Nepal. Ma mi piacerebbe andare anche in Sud Africa e a Machu Picchu.

Se dovresti scegliere una persona viva o morta con cui andare a cena?
Nikola Tesla. È uno dei più grandi scienziati della storia. Mi piacerebbe andare a cena con lui.

Come ti piacerebbe essere ricordato?
Mi piacerebbe essere ricordato come una brava persona, come qualcuno che ha usato il suo successo come uno strumento per aiutare gli altri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy