Raonic: “Seguo rigorosamente le regole per tutelare i più deboli”

Raonic: “Seguo rigorosamente le regole per tutelare i più deboli”

Il canadese, attualmente impegnato al Western & Southern Open di New York, ha parlato dei sacrifici fatti in questo periodo per tutelare prima di tutto la salute dei suoi genitori

di Alessandro Zecchini

Attualmente numero 30 al mondo reduce dalle vittorie al Western & Southern Open di New York contro Querry e Murray, il tennista canadese Milos Raonic ha parlato tramite il portale tennistico “Tennis Now” della sua vita negli ultimi mesi, temi sicurezza e attenzione legati alla pandemia ancora in atto.
Il canadese ha rilasciato alcune dichiarazioni nelle quali ha espresso preoccupazione soprattutto per lo stato di salute dei suoi genitori e delle persone più anziane a lui vicine: “La motivazione per cui ho seguito rigorosamente alla lettera tutti i protocolli di sicurezza è stata sempre chiara e semplice, i miei genitori. Entrambi hanno più di 65 anni e condizioni cliniche preesistenti, tutelare la loro salute è sempre stato l’obbiettivo principale. Quest’anno non ho visto per niente mio padre e ho visto mia madre soltanto subito dopo gli Australian Open. Anche se era importante vederli sapevo che questi sacrifici andavano fatti per tutelare la loro salute. Non conosco la situazione degli altri tennisti, ma per me la salute dei miei genitori è una motivazione più che sufficiente per apportare modifiche alla mia vita”.


Il canadese ha dichiarato anche di non essersi più tagliato i capelli da inizio anno e di vivere attualmente in una suite privata che gli US Open hanno messo a disposizione per alcuni giocatori in modo da minimizzare i contatti esterni durante la permanenza a New York. Raonic ha anche affermato che continuerà con questo regime di attenzione anche per i prossimi eventi che lo vedranno impegnato nel tour appena ripreso. Nella notte il canadese ha estromesso dalal Western & Southern Open Andy Murray con un doppio 6-2.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy